Gerry Scotti, l’11 ottobre conduce (anche in tv) un evento unico

A19 anni, nel 1975, Gerry Scotti frequentava il primo anno di Giurisprudenza, amava la musica e ascoltava la radio. Sognava, come tanti ragazzi, di entrare in uno studio radiofonico, conoscere i suoi beniamini, scegliere ‘ da trasmettere.

Ora è proprio lui a presentare “I love my radio”, l’evento che celebra i 45 anni delle radio italiane, trasmesso la sera dell’11 ottobre dalle più importanti emittenti sui loro canali audio, tv e social, saranno tanti cantanti e personaggi “radiofonici” come Arbore,

Amadeus, Carlo Conti, Fiorello e Linus.

Gerry, lei quanto ama la radio?

«La metto al primo posto delle mie passioni lavorative. Il Gerry Scotti che entra nelle vostre case ogni giorno l’avete conosciuto perché la radio non poteva più contenerlo».

Tutto è cominciato quando…

«Ero uno studentello e andavo a catalogare i dischi in una radio di periferia, Hinterland Radio Milano 2.1 disc jockey facevano i programmi e lasciavano tutto in disordine. Una mattina alle 7 chi doveva andare in onda non si presenta D padrone della radio mi dice: “Tu sei quello che ha fatto il Classico? Saprai parlare dentro un microfono!”.

Non ho più smesso per vent’anni».

Chi era all’epoca il suo idolo radiofonico?

«Herbert Pagani, su Radio Monte Carlo: è stato un artista, un paroliere, un cantante. E poi Corrado con “La Corrida” e Arbore e Boncompagni che hanno segnato il solco del “sacro cazzeggio”».

Che fascino aveva la radio per un ragazzo degli Anni 70?

«Chi faceva la radio era un “figo” incredibile, più di un calciatore. Quando ero a Radio Milano International in ogni ristorante, negozio, discoteca dove entravo, so

lo dicendo “Buongiorno!” mi riconoscevano dalla voce. È stato il lasciapassare per la notorietà e per il benessere».

Bei guadagni?

«La prima “marchetta” (pagamento dei contributi, ndr) all’Enpals mi fu versata da Radio Milano International il 1° giugno del 1978, dopo due anni e mezzo! Guadagnavo 500 mila lire al mese, che non erano male».

Ed è diventato un lavoro.

«Quando Claudio Cecchetto decise di fare Radio Deejay mi disse: “Hai giocato per cinque, sei anni, vuoi farlo diventare un lavoro?”. Ho lasciato l’agenzia pubblicitaria dove lavoravo e mia mamma non mi ha salutato per sei mesi».

Che cosa le ha insegnato la radio?

«A non aver paura della diretta, una brutta bestia In radio impari cosa fare se c’è un intoppo o un imprevisto».

Ora quando mette piede in uno studio radiofonico cosa prova?

«Mi viene in mente Renato Zero che canta “I migliori anni della nostra vita”…».

Related Posts

Oroscopo Branko domani 5 aprile 2022, predizioni astrali

Ariete Amore/relazioni: Rischio di discrepanze nella casa di famiglia. Evitare di perdere il controllo della situazione; per non parlare dell’autorità. Mantieni le discipline e sii paziente. Ti…

Oroscopo Branko domani 4 aprile 2022, previsioni segno per segno

Ariete Amore/relazioni: Solo se riuscirai a lasciare fuori dalla tua vita familiare i problemi del lavoro potrai goderti un weekend rilassante e armonioso con i tuoi cari….

Oroscopo Paolo Fox domani 4 aprile 2022: Previsioni Bilancia, Scorpione, Sagittario, Capricorno, Acquario e Pesci

Bilancia Amore/relazioni: Il tuo cuore è nel posto giusto; ma il loro buon senso potrebbe essere assente. Se potessi vedere la situazione in una prospettiva più ampia,…

Oroscopo Branko domani 23 Marzo 2022, previsioni segno per segno

ARIETE Caratteri dissimili, troppo per costruire qualcosa di valido. Tu tranquillo e taciturno, lui velocità, azione e battaglia. Neppure nel letto funziona a meraviglia, tu romantico lui…

Belen Rodríguez il suo fidanzato Antonio Spinalbese la vuole sposare

Ora è felicissima, il periodo difficile è finito: questa, per Belen Rodriguez, è stata l’estate della rinascita e oggi è una mamma tutta nuova. Una mamma completa…

Oroscopo Branko 1 Ottobre 2021, previsioni i segni

Ariete Come vi abbiamo anticipato nei vostri oroscopi di settembre 2021 , Mercurio retrò è vostro alleato. E questa settimana ti permetterà di ottenere chiarezza e risposte intorno a qualsiasi storia in…