Mal di testa ricorrenti, tendenza a strizzare gli occhi e fastidio di fronte a fonti di luce, sono circa 15 milioni le persone miopi in Italia e il problema è in forte aumento, soprattutto tra i giovanissimi, tanto che oltre due ragazzi su 10, già a 15 anni, ne sono colpiti. Colpa delle troppe ore passate al chiuso e di fronte allo schermo del cellulare o al monitor del pc. Ma in molti casi, con qualche accorgimento, si potrebbe prevenire o ritardarne la progressione. E’ quanto spiegano gli esperti, in occasione della Giornata Mondiale della Vista, che si celebra l’11 ottobre, per riaffermare l’importanza di un bene molto prezioso ma spesso dato per scontato.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) sono 253 milioni i disabili visivi nel mondo, di cui 217 milioni gli ipovedenti e 36 milioni i ciechi. E, entro il 2050, metà della popolazione mondiale potrebbe essere affetta da miopia, come afferma uno studio australiano, pubblicato dalla rivista Ophthalmology. A preoccupare gli esperti sono soprattutto i bambini, alle prese con un crescente utilizzo di dispositivi tecnologici e videogiochi. Tra i più piccoli, studi epidemiologici su popolazione europea, “mostrano che la prevalenza della miopia all’età di 9 anni è già del 12%. Aumenta al 18% circa a 15 anni e raggiunge il 24% in età adulta.

L’incidenza maggiore è nelle femmine”, spiega Grazia Pertile, direttore dell’Unità Operativa di Oculistica dell’Ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negar (Verona). Nel caso in cui si tratti di miopia acquisita (e non di tipo ereditario), due i consigli principali: “far stare almeno un ora al giorno i bimbi all’aria aperta, perché questo costringe l’occhio a utilizzare anche il campo visivo periferico, cosa molto importante, considerando che passano 6-8 ore al chiuso sui banchi di scuola”, spiega Pertile.

Inoltre “utilizzare cellulari, pc e tablet, così come i libri, a distanza maggiore di 30 cm dagli occhi”. Non è però solo la miopia che i genitori dovrebbero temere. “Altri traumi non poco frequenti – precisa l’esperta – sono le contusioni provocate da palline da tennis o palle di neve che possono provocare distorsione della retina o foro maculare”.

In occasione della Giornata dell’11 ottobre, l’Agenzia internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (Soi), offrirà 15.000 visite gratuite per chi non ha mai fatto prevenzione (www.iapb.it). In molte città italiane, nel mese di ottobre, sarà possibile sottoporsi a check-up gratuiti a bordo di Unità mobili oftalmiche o in ambulatori e ricevere il materiale informativo. Obiettivo, portare dall’oculista le tantissime persone che non ci sono ancora mai andate.

La Miopia è uno dei principali disturbi visivi che affligge le società moderne. Secondo alcune recenti statistiche, si stima che l’attuale prevalenza dell’errore miopico caratterizzi un terzo della popolazione mondiale (circa 2.5 miliardi di persone ), dei quali 163 milioni con alta Miopia. I casi sono raddoppiati negli ultimi trent’anni. Gli studiosi sottolineano che la situazione mostrata è solo temporanea poiché prevedono un incremento dei casi fino a comprendere il 49.8% della popolazione mondiale del 2050, circa 4,758 miliardi di soggetti, tanto da imporsi come la futura causa principale di cecità permanente , oggi al sesto posto .

Il quadro delineato è alquanto preoccupante: oltre a rappresentare una perdita irreversibile di capacità visiva, la progressione verso valori sempre più alti (>-5,00D) aumenta il rischio di patologie oculari come Glaucoma, distacchi retinici, Cataratta, Degenerazioni Maculari legate alla Miopia e Stafilomi  che riguarderanno il 10% dei soggetti. In un panorama epidemico  come questo in cui il calo del PIL mondiale per invalidità visiva causato da Miopia  ammonta a 202 miliardi di dollari l’anno, la necessità di un intervento per fermare o quanto meno rallentare la progressione è sensibilmente necessario.

Miopia e dispositivi come smartphone e pc

Oggigiorno trascorriamo gran parte del nostro tempo di fronte ad un computer o ad uno smartphone, o comunque ad uno schermo che mette in grave pericolo la salute dei nostri occhi. Tuttavia, va anche detto che tutto ciò è indispensabile: nell’era moderna in cui viviamo, la maggior parte degli impieghi lavorativi prevede un certo periodo di tempo da trascorrere dinanzi ad un dispositivo digitale; e non solo, viviamo anche nell’era dei social network, della globalizzazione, del mondo nel palmo di una mano, in cui tutto viene fatto tramite l’utilizzo di un dispositivo cellulare in una manciata di secondi. Tutto ciò ci induce a essere sempre in relazione con uno schermo che, come abbiamo già affermato nei capitoli precedenti, danneggia in vari modi la salute del nostro sistema visivo e non solo, anche di tutto il nostro organismo. Ciò però non deve essere un pretesto per arrendersi preventivamente alla correzione di un difetto visivo, perché possono essere messi in atto dei sistemi di prevenzione. Il primo modo per prevenire i disturbi indotti dalla luce emessa dai dispositivi digitali è sicuramente quello di ridurre i tempi di esposizione: spesso trascorriamo al pc/smartphone del tempo eccessivo e non richiesto. Un secondo modo, invece, consiste nell’ottimizzare i tempi di esposizione. Per ottimizzare i tempi di esposizione intendiamo fare in modo di limitare i danni assumendo dei comportamenti mirati a questo. Essi riguardano in particolare:

• la distanza visiva adeguata, che per schermi di dimensioni standard (15-17 pollici) deve essere variabile indicativamente tra i 50 e i 70-80 cm; ovviamente, maggiore sarà la grandezza dello schermo e più elevata dovrà essere la distanza; • posizionare la tastiera sul tavolo di lavoro in modo che ci sia lo spazio sufficiente per appoggiare gli avambracci; • l’altezza dello schermo, che deve essere posizionato leggermente più in basso rispetto all’altezza degli occhi (di 15-20°) e, se possibile, a una distanza di almeno un metro e mezzo dalle finestre; • inoltre, non ci dovrebbero essere fonti luminose poste a meno di 30° rispetto alla direzione del vostro sguardo per evitare di essere abbagliati o infastiditi; • la qualità della visione: è importante a tal riguardo che siano sempre indossati gli occhiali prescritti quando si svolge un’attività di fronte allo schermo.

Fate sapere all’ottico-optometrista che lavorate al videoterminale o passate molte ore al pc, potrà così tenerne conto nella scelta degli occhiali; • il contrasto e la luminosità dei monitor devono essere ben regolati, in modo tale da non dare fastidio. Fate delle prove per trovare la vostra condizione ottimale per svolgere confortevolmente le attività al computer. • evitate che ci siano riflessi sullo schermo che rendono difficoltosa la lettura: in genere il monitor va collocato a 90 gradi rispetto alla fonte di luce naturale o, comunque, in modo tale che la leggibilità sia ottimale. Inoltre anche il piano di lavoro dovrebbe avere una superficie chiara, possibilmente non di colore bianco e, in ogni caso, non riflettente. • fate una pausa della durata di 15 minuti ogni due ore (oppure di cinque minuti ogni tre quarti d’ora o, ancora, di venti secondi ogni venti minuti secondo lo standard americano), cercando di guardare oggetti posti a una distanza di almeno sei metri: questo permette agli occhi di riposarsi; • usate un carattere ben leggibile (almeno corpo 12), preferibilmente in colore scuro su sfondo chiaro. Sono, comunque, da evitare i seguenti abbinamenti cromatici: rosso e blu; giallo e violetto; giallo e verde. Come sfondo di prassi non vanno usati il rosso, il giallo, il verde e l’arancione; • usate applicazioni o programmi che modificano il colore del display dei 21 dispositivi digitali, bloccando la radiazione della luce blu; • quando siamo concentrati sul monitor (ad esempio quando leggiamo un testo) diminuiamo involontariamente la frequenza con cui sbattiamo le palpebre, ossia la frequenza con la quale ammicchiamo. Ciò comporta una minore protezione per la superficie anteriore dell’occhio; per evitare che si incorra in secchezza oculare può essere utile prestare attenzione a non ridurre l’ammiccamento e, se necessario, ricorrere alle lacrime artificiali.

 Favorire attività all’aperto e scegliere cibi adatti

Svariati studi hanno dimostrato che l’attività all’aperto ha un effetto di riduzione per l’insorgenza e l’aumento della miopia e che i bambini che passano meno tempo all’aperto hanno una probabilità maggiore di sviluppare la miopia. Uno di questi è lo studio presentato all’American Academy of Ophthalmology a Orlando, che conferma che per bambini e adolescenti ogni ora in più alla settimana trascorsa all’aria aperta fa diminuire la probabilità di diventare miopi del 2%.

 La ricerca dell’università inglese mette insieme i risultati di otto studi condotti negli ultimi quattro anni, per un totale di 10.400 fra bambini e adolescenti osservati, in cui si misurava da un lato la qualità della vista e dall’altro lo stile di vita. È apparso chiarissimo il legame fra la salute degli occhi e il tempo trascorso fuori casa. Un ulteriore studio condotto da due oculisti australiani, Katryn Rose dell’University of Sidney e Ian Morgan dell’University of Camberra, hanno selezionato 2.367 studenti dodicenni di Sidney: li hanno sottoposti a visita oculistica e ad un questionario sulle loro attività diurne, tralasciando il tempo trascorso sui libri. Il tasso più basso di miopia era associato al numero maggiore di ore trascorse all’aperto, mentre il tasso più elevato si ritrovava fra i bambini che trascorrevano meno tempo fuori casa.

 Lo studio fu pubblicato nel 2008 sulla rivista scientifica Ophtalmology e da allora tutti quelli successivi hanno continuato a confermare che maggiore è la durata della permanenza all’aria aperta e minore è il rischio di sviluppare la miopia. I fattori che giustificano questa affermazione e che inibiscono la miopia sono tre: – Innanzitutto, la luce solare stimola il rilascio della dopamina, un neurotrasmettitore endogeno della famiglia delle catecolammine, che blocca l’allungamento del bulbo oculare (causa la miopia assiale, la più comune e quella che può causare maggiori problemi all’occhio). – La miosi pupillare data dall’intensità della luce provoca un aumento della profondità di campo e quindi una diminuzione dello sfocamento delle immagini. – Infine, un ridotto uso dell’accomodazione blocca i processi miopizzanti sopra elencati.

 Le ricerche ci dicono che per ridurre, secondo taluni, fino al 90% il rischio d’insorgenza o di aumento, almeno per le miopie lievi e medie, i bambini dovrebbero passare 2-3 ore al giorno all’aperto. Inoltre, un altro modo per tutelarsi da problemi è cominciando dalla tavola: mangiare http://www.blogtecnologiedibenessere.com/salute/85-miopia-e-possibile-migliorare-questo-difetto.html  frutta e verdura tra le più colorate riduce i rischi legati alla presenza di radicali liberi, perché sono ricche di antiossidanti e pigmenti reticini, in particolare la luteina. Quest’ultima è considerata un “occhiale da sole” naturale per la protezione della funzione visiva. Essa è in grado di assorbire alcune radiazioni luminose, che sono dannose per l’occhio. È un carotenoide, il suo potere antiossidante serve a prevenire il danno indotto dai radicali liberi. Altre attività riconosciute sono quelle di stabilizzazione e rafforzamento delle membrane cellulari, d’induzione di enzimi detossificanti. La luteina non è prodotta dal nostro organismo ma viene assunta tramite il cibo, e si accumula selettivamente nella retina, in particolare nella macula lutea e, anche se in minor quantità, nel cristallino.

La Miopia nel mondo

La distribuzione geografica degli errori refrattivi non è omogenea. Le stime di prevalenza variano molto tra i paesi tanto che si ipotizza una predisposizione genetica etnica coadiuvata dall’influenza ambientale e dello stile di vita. Non a caso la Miopia è riscontrata prevalente nelle aree urbanizzate rispetto a quelle rurali  e sembra essere molto comune tra i soggetti con IQ e livello di scolarizzazione più alti che tendono a spendere meno tempo in attività all’aperto.

Entro la fine di questa decade, circa un terzo della popolazione mondiale, 2.5 miliardi di persone, sarà affetta da Miopia secondo le previsioni degli studiosi. Il panorama mondiale risulta diviso in tre grandi aree di prevalenza: da una parte si collocano i paesi del Sud-Est Asiatico e dell’America Settentrionale, i paesi “high income”, ricchi, che mostrano le percentuali più preoccupanti. Se si pensa che sessant’anni fa il 10-20% delle persone asiatiche era miope, oggi si stima che il 90% dei giovani adulti orientali porti gli occhiali, con picchi al 75% in Cina, 40% in Giappone, 50% in Taiwan, 70% a Singapore  e uno spaventoso 96,5 % dei giovani diciannovenni in Seul, Corea del Sud. I casi di alta Miopia sono in aumento specialmente tra i soggetti più giovani, circa un 20%-24% in Asia Orientale: lo slittamento della prevalenza verso le età più tenere fa pensare a un futuro sviluppo di Miopie ancora più gravi in età giovanile. La Degenerazione Maculare Miopica (MMD) rappresenta una delle cause più conclamate di perdita totale della vista, soprattutto in Giappone, seguito dal Glaucoma e altre patologie da stiramento del tessuto retinico. Il modello genetico da solo non può spiegare l’incredibile aumento dell’incidenza tra i giovani asiatici per i tempi di cui necessita la genetica per attivare un meccanismo di selezione naturale.

 Si ritiene pertanto che una delle cause principali sia la riduzione delle attività all’aperto come risultato di un sistema educativo molto rigido sin dall’età più tenere. Stati Uniti, Europa e Australia rappresentano il secondo blocco di prevalenza che in generale mostrano percentuali intermedie di casi, circa 25-40% della popolazione, anche se in crescita soprattutto tra i soggetti più giovani. Negli ultimi trent’anni la Miopia negli Stati Uniti è raddoppiata passando da un quasi 25% degli anni Settanta a un attuale 40% della popolazione, lo stesso per l’Australia che si è portata a circa il 31% ma in soli dieci anni . Come comprova della relazione tra Miopia e istruzione, l’America mostra che l’aumento della prevalenza dei casi di Miopia è maggiore nella popolazione di colore. Con buone probabilità l’educazione negli anni Settanta era accessibile solo a una ridotta fetta di individui a pelle scura e pertanto l’annullamento delle differenze raziali ha portato anche loro ad esperire il lavoro a ridotta distanza e la diminuzione delle attività all’aperto facendo risultare un aumento dei casi di Miopia mai visto prima e più consistente della popolazione bianca.

Cosa significa Miopia

Il termine Miopia fa riferimento all’anomalia refrattiva dell’occhio umano in cui il fuoco coniugato al piano anatomico della retina si trova a una distanza finita dall’occhio in condizione statica, cioè con accomodazione rilassata. L’origine del termine è da attribuire al medico greco Galeno che con “Muopia” definiva coloro che usavano “strizzare gli occhi” come espediente per aumentare la nitidezza dell’immagine visiva. Non a caso la Miopia, anche definita “Brachimetropia”, “visione inferiore alla distanza”, mai entrato nel lessico comune, rappresenta la condizione in cui i raggi luminosi vengono fatti convergere in un piano anteriore quello retinico  a differenza di un occhio normale o “emmetrope” per cui gli oggetti vicini e lontani sono ugualmente visti a fuoco.

L’occhio umano può essere paragonato a una macchina fotografica che regola automaticamente la propria messa a fuoco, con la differenza che le dimensioni dell’occhio restano le stesse per ogni distanza di focalizzazione. Mentre una macchina si serve dell’allungamento dell’obiettivo, il diottro umano modifica la forma del cristallino mediante l’attività dei muscoli ciliari per adeguarne il potere in relazione alla distanza da osservare. Nel momento in cui questo meccanismo regolatore non riesce più a far coincidere il piano focale con quello anatomico retinico, insorge un difetto refrattivo, la Miopia ne è un esempio. Ma non è tutto qui. Oggigiorno non è più possibile parlare di Miopia solo come un’anomalia accomodativa. Si è passati a considerare come sua causa principale l’eccessivo allungamento assiale del bulbo oculare a cui consegue un assottigliamento della sottostante sclera. Tale fenomeno sta caratterizzando circa un terzo della popolazione mondiale portando con sé numerose patologie da stiramento tissutale. Pertanto, sebbene l’esatto meccanismo resti ancora poco chiaro, l’ipotesi di un’eziologia genetica della Miopia non è più sufficiente per spiegare le dimensioni del fenomeno degli ultimi decenni e un’influenza ambientale è sempre più accreditata. Per controllare la Miopia è necessario rallentare il tasso di accrescimento assiale e comprenderne i meccanismi attivatori ed è fondamentale oggi più di qualche decennio fa.

Il bulbo oculare cresce naturalmente con l’età come tutti gli organi del corpo, soprattutto nel periodo post natale in cui sembra che il tasso di accrescimento sia il più rapido di tutta la vita. L’eterogenea distribuzione dei poteri refrattivi della cornea e della profondità della camera anteriore nei neonati, conferma un’origine genetica delle dimensioni oculari. Non a caso avere uno o entrambi i genitori miopi rappresenta un fattore di rischio per il difetto miopico. Eppure secondo recenti studi effettuati sugli animali e trasportati sugli umani, l’input visivo stimola il guscio sclerale a modificare la propria conformazione genetica portandolo a crescere o a rallentare l’allungamento per portare il piano dei fotorecettori a combaciare con quello dell’immagine. Tale processo viene chiamato “Meccanismo di Emmetropizzazione” che, poiché attivato dall’informazione visiva, rappresenta l’influenza che l’ambiente esercita sulla genetica. Pertanto un defocus ipermetropico viene compensato da un allungamento dell’asse, mentre un defocus miopico da un suo rallentamento.