Lo zenzero fa dimagrire e ora è più chiaro anche il perché. Il merito sarebbe del 6-gingerolo, un composto caratteristico di questa radice di origine orientale, coinvolto direttamente nel metabolismo dei grassi. L’ipotesi è stata avanzata da una recente revisione di studi, pubblicata su Annals of the New York Academy of Sciences, che ha esaminato oltre 60 ricerche, mettendo in evidenza i tanti effetti positivi di questa spezia e soprattutto l’azione del 6-gingerolo.

A ulteriore conferma dell’attività dimagrante dello zenzero è arrivato poi un altro studio, condotto all’Università di Scienze Mediche di Tabriz, in Iran, e pubblicato su Phytotherapy Research. Questa ricerca, anch’essa frutto di una revisione di studi precedenti compiuti da diversi centri di ricerca, ha esaminato oltre 27 articoli riguardanti la relazione tra lo zenzero e la perdita di peso, mostrando che questo prezioso rizoma giallo-oro, dal gusto piccante e agrumato, esercita una molteplicità di funzioni utili contro il sovrappeso: aumenta la termogenesi (ossia l’impiego di calorie da parte del corpo per produrre calore), sopprime la lipogenesi (cioè la creazione di nuove cellule adipose), aiuta a controllare l’appetito e limita l’assorbimento di grassi a livello intestinale, a cui si aggiungono i benefici per la salute.