PARTITE QUARTA (ULTIMA) GIORNATA

CHELSEA – EVERTON
(Goal/nogoal; over/under2,5; 1/x2; goal Hazard si/no)

LIVERPOOL – WATFORD
(over/under3,5; rigore si/no; 1/x2; goal Coutinho si/no)

ARSENAL – TOTTENHAM
(1/x2PT; 1/x2; over/under2,5; rosso si/no)

BAYERN MONACO – HOFFENHEIM
(goal Lewandowski si/no; ospiti over/under 1,5; 1/x2 PT; goal/nogoal PT)

SIVIGLIA – BARCELONA
(under/over3,5; goal Messi si/no; 1x/2; ospiti under/over 2,5)

LIPSIA – MAINZ
(1/x2; goal/nogoal; corner 8 o +/- di 8; over/under 2,5)

CAEN – NIZZA
(rosso si/no; goal Balotelli si/no; locali under/over 1,5; 1x/2 PT)

RECENSIONE QUARTO LIBRO URBONE PUBLISHING

La contabilità dell’anima, di Luigi Guelpa
Dietro il titolo del romanzo ‘La contabilità dell’anima’ vi è una storia fatta di passioni, di colpe da espiare, di viaggi e ripartenze, di nuovi (e vecchi) incontri e di addii definitivi. C’è il calcio che ruota attorno ai protagonisti di questo libro di Luigi Guelpa, ma soprattutto c’è l’Africa nera, che si porta dietro tutta la sua umanità struggente, i suoi problemi e i suoi contrasti. Edo Marangoni, giornalista sull’orlo del fallimento umano e professionale, e Mark Fabbrini, ex-calciatore di successo finito nell’oblio delle memorie a causa di un suo coinvolgimento in una brutta vicenda di calcioscommesse, decidono di ripartire da un minuscolo stato africano, il Tangara, per tentare una improbabile impresa sportiva: qualificare la nazionale di questo paese, per altro sull’orlo di un colpo di stato, ai Mondiali di Russia 2018. Fabbrini accetta l’incarico di CT ad una sola condizione: che Marangoni lo seguisse in questa paradossale avventura. I due, così, partono per l’Africa, che sarà il comune denominatore di una rinascita esistenziale, di una ritrovata passione per la vita e di un percorso comune di redenzione dal proprio passato funesto. Ad arricchire questo gioiello di libro ci sono le storie reali del calcio africano e dei suoi personaggi, che Guelpa ci racconta, tramite la penna di Marangoni, in vari capitoletti sparsi per il libro: scopriamo così che fine ha fatto Ephrem M’Bom, che nel 1982, in Spagna, marcò con la maglia del Camerun niente meno che Paolo Rossi; oppure il nigeriano Amuneke, che fu quasi il giustiziere dell’Italia di Sacchi nel Mondiale del ’94; o, ancora, la struggente storia di Baba Lobilo, difensore dello Zaire negli storici Mondiali del ’74 che, al giorno d’oggi, fa il guerrigliero per difendere il proprio paese, perché «l’Africa è amore e dolore al tempo stesso». Un romanzo ricco di colorate sfumature, che ci mostra l’Africa in tutta la sua nudità, così come l’ha vista e vissuta Luigi Guelpa (giornalista professionista, vincitore del premio Bancarella nel 2010) nei suoi numerosi viaggi in Maghreb, Africa Nera e Medioriente.

toto-cen-1



As featured on NewsNow: Calcio news