Nonostante la federazione cilena abbia espressamente dichiarato di non avere intenzione di appellarsi alla FIFA, le polemiche relative al presunto biscotto tra Perù e Colombia ai danni del Cile, scoppiate dopo la diffusione di un video dove si vedeva Falcao portarsi la mano con la bocca e confabulare in maniera sospetta con alcuni giocatori del Perù, non accennano a placarsi.  Considerata l’immobilità della Federazione, infatti, l’avvocato cileno Luis Mariano Rendon  ha deciso di non starsene con le mani in mano. Si è appigliato ad un articolo della FIFA, secondo il quale chiunque ravvisi un’irregolarità può denunciarla in forma scritta, e ha inviato un fax alla FIFA, chiedendo al massimo organismo mondiale di investigare e prendere in considerazione l’estromissione di entrambe le formazioni dal Mondiale: “Colombia e Perù hanno messo in atto una condotta gravemente antisportiva che ha penalizzato il Cile e che deve essere  sanzionata“, ha dichiarato stizzito a “El Mercurio“. Perù e Colombia devono realmente preoccuparsi?



As featured on NewsNow: Calcio news