Dal 6 al 28 ottobre 2017, in India, avrà il via la Coppa del Mondo FIFA U17, competizione con cadenza annuale che rappresenta una vetrina importantissima per quelli che saranno i talenti del futuro. Migliaia di osservatori e agenti di club dalle parti più disparate del globo si riuniranno nel grosso stato indiano per provare a mettere occhi e mani addosso ai gioielli più talentuosi, le giovani scommesse più intriganti del calcio mondiali.

Tra questi, 8 sembrano essere più certezze che azzardi, preparandosi ad diventare autentici protagonisti della competizione iridata giovanile. Andiamoli ad elencare, uno per uno.

1) VINICIUS JR, Brasile. Il futuro fenomeno. Le cifre parlano per lui: il Real Madrid lo ha acquistato per 45 milioni di euro e lo ha parcheggiato al Flamengo fino a che non potrà accoglierlo al Santiago Bernabeu. 16 anni e già tante responsabilità sulle spalle. Ha vinto, a soli 14 anni, il Sudamericano Sub-15 col Brasile, e ora sarà il protagonista assoluto dei Mondiali U17 in India. Ne parlano già come il nuovo Neymar.

Embed from Getty Images

2) ABEL RUIZ, Spagna. Gli addetti al settore lo indicano come il numero 9 della Seleccion spagnola del futuro, per ora pensa a fare gol nella Spagna U17 e nel Barcellona B, dove si destreggia con classe e talento in Segunda Division. Capitano della Spagna vittoriosa durante gli Europei U17 di aprile.

Embed from Getty Images</center

3) TAKEFUSA KUBO, Giappone. D’aspetto è solo un ragazzino, ma attenzione, promette scintille. Cresciuto tecnicamente nella Masia del Barcellona, salvo poi esser stato costretto a tornare in patria in seguito alle sanzioni inflitte al club catalano dopo le violazioni sui tesseramenti U-18. Si tratta della più grande promessa del calcio nipponico, a soli 16 anni.

Embed from Getty Images

4) DIEGO LAINEZ, Messico. Lanciato subito nel calcio che conta da La Volpe, con la maglia del Club America, Lainez è un centrocampista offensivo molto tecnico che, in patria non hanno dubbi, sarà una colonna portante della nazionale del futuro. Intanto, proverà a mostrare le sue eccelse doti in India.

5) ERIC AYIAH, Ghana. La stella del calcio africano è lui. Attaccante, ha segnato una caterva di gol nelle selezioni giovanili, ora si prepara a fare il grande salto: il Mondiale in India prima, il Porto poi. Ebbene sì: con tutta probabilità, Ayiah, capitano del Ghana, sarà il prossimo gioiello che il club portoghese sgrezzerà per poi venderlo a peso d’oro ad un grande club europeo.

6) JANN-FIETE ARP, Germania. Ormai è risaputo: nell’ultimo ventennio la Germania ha riformato l’intero sistema calcistico del paese, a partire dalle giovanili, e i frutti stanno venendo fuori ormai da diverso tempo. La prossima stella del calcio teutonico dovrebbe essere Jann-Fiete Arp, gioiello dell’Amburgo ambito dai più grandi club europei, Chelsea in primis. Due triplette nell’Europeo U-17 in Croazia, di cui una, quella contro la Bosnia, firmata in soli 13 minuti: un record. Il n°9 – classe 2000 – si prepara a spaccare anche il Mondiale indiano.

Embed from Getty Images

7) AMINE GOUIRI, Francia. Di origine algerine, in Francia ne parlano come il futuro Benzema. Il classe 2000 milita nel Lione ed è stato capocannoniere dell’Europeo U-17 di aprile in Croazia. Per il salto in prima squadra nella compagine transalpina, è solo una questione di tempo.

Embed from Getty Images

8) JADON SANCHO, Inghilterra. Figlio della Londra multietnica del XXI secolo, Jadon Sancho si è reso recentemente protagonista, creando non poco scalpore, scegliendo di lasciare in estate il Manchester City di Guardiola per il Borussia Dortmund di Peter Bosz, dove, con la maglia n.7, sarà l’erede di Ousmane Dembelé. Scelta difficilmente discutibile. L’ala inglese è stata protagonista assoluta dell’Europeo U-17 di aprile, dove tuttavia ha perso la finale per mano della Spagna di Abel Ruiz.

Embed from Getty Images



As featured on NewsNow: Calcio news