Entra nel vivo dei giochi la UEFA Youth League, la competizione europea per le migliori rappresentative giovanili del continente. Un torneo che rappresenta una preziosa vetrina dove vengono messi in mostra i principali talenti delle squadre più forti a livello nazionale: alla Youth League partecipano infatti non solo le 32 rappresentative U19 delle squadre qualificatesi alla Champions League, ma anche le vincitrici dei campionati giovanili di 32 nazioni. Queste ultime, al contrario delle prime, invece che i classici gironi (i quali rispecchiano quelli ‘originali’ della Champions) disputano due turni ad eliminazione diretta – il così detto ‘Percorso Campioni’ – così che le 8 compagini vincitrici di questi ultimi andranno ad affrontare le 8 seconde dei gironi in veri e propri spareggi, attraverso i quali si accederà agli ottavi di finale.

Buona la prova delle italiane. Soprattutto quella della Juventus, che stende con un secco 0-3 il Lione, faticando decisamente meno che Buffon e compagni nella parallela sfida di Champions. I gol di Calligara, Leris e Clemenza regalano a Grosso la seconda vittoria in tre gare, permettendo ai bianconeri di andare in testa al Gruppo H, a quota 6 punti, a parimerito con il Siviglia, uscito vittorioso dalla trasferta di Zagabria con un roboante 2-4. La classifica: Juventus 6, Siviglia 6, Dinamo Zagabria 3, Lione 3.

Pareggia invece il Napoli, che nel Gruppo B, in casa, non va oltre il 2-2 contro il Besiktas in una partita quasi altrettanto spettacolare come quella dei ‘grandi’. Partenopei e turchi mettono in scena un vero e proprio botta e risposta, con i primi che riescono a rimontare per ben due volte il vantaggio ospite, trovando il definitivo pari con la punizione di Luigi Liguori all’85’. Un punto che però serve a poco e nulla: il Napoli rimane infatti ultimo in classifica, a -2 dal Benfica e a -6 dalla Dinamo Kiev prima. La classifica: Dinamo Kiev 7, Benfica 4, Besiktas 3, Napoli 1.

Sempre nel percorso a gironi, buona prova del Barcellona che nel Gruppo C supera il Manchester City di misura, per 1-0, grazie alle rete di Carles Perez all’86’, il ‘Robben della Masia’, che manda la truppa catalana a quota 9 in classifica, staccando proprio i Citizens in classifica. Nel medesimo girone, riesce a pareggiare il Borussia Monchengladbach in casa del Celtic, con Tillmann Jahn che risponde alla rete di Michael Johnston nella ripresa. La classifica: Barcellona 9, Man City 6, Celtic 1, ‘Gladbach 1.

Gli altri risultati dei gironi:

Gruppo A: Arsenal – Ludogorets 3-0 (Nelson 3’, Nketiah 81’, rig. 87’); PSG – Basilea 4-1 (Dembele 35’, Diaby 47’, Giacomini 74’, Nkunku 87′; Manzambi 76’). La classifica: PSG 7, Basilea 6, Arsenal 4, Ludogorets 0.

Gruppo D: Bayern Monaco – PSV 0-2 (Abels 28′, Lammers 55′); Rostov – Atletico Madrid 1-3 (Veber 64’; Neskoromny aut. 45’+1, Ballesteros 62’, Salomón 83’). La classifica: PSV 7, Bayern Monaco 6, Atl. Madrid 4, Rostov 0.

Gruppo E: Leverkusen – Tottenham 3-1 (Bednarczyk 57′, Walkes 67′ aut, Handwerker 90’+2’rig.; Roles 18′); CSKA Mosca – Monaco 4-1 (Zhamaletdinov 24′ 54′, Ouedraogo 79′ aut, Chalov 89′; Muyumba 30′). La classifica: Monaco 6, Bayer Leverkusen 6, CSKA Mosca 6, Tottenham 0.

Gruppo F: Sporting – Dortmund 1-1 (Pedro Marques 45′; Kyeremateng 63′); Real Madrid – Legia Varsavia 3-2 (Franchu 4′, Dani Gómez 61′, Szymański 76′ aut; Kulenović 41′, Bondarenko 65′). La classifica: Real Madrid 7, Borussia Dortmund 4, Sporting 3, Legia 1.

Gruppo G: Club Brugge – Porto 0-2 (Rui Pedro 43′ e 58′); Leicester – Copenaghen 3-2 (Pascanu 45’+1′, Ndukwu 51′ e 66′; Røjkjær 12′, Wind 72′). La classifica: Porto 9, Club Brugge 4, Leicester 3, Copenaghen 1.

Per quanto riguarda il Percorso Campioni, la Roma, dopo lo 0-3 a Cipro, si scatena in casa e abbatte l’APOEL di Nicosia con un roboante 6-1, con un Marco Tumminello scatenato, autore di una splendida tripletta. I Giallorossi campioni d’Italia passano dunque agevolmente al secondo turno, dove affronterano gli irlandesi del Cork City, che hanno avuto la meglio sull’HJK di Helsinki per 1-0, nella sfida di ritorno di Turners Cross, grazie al gol di Aaron Drinan su calcio di rigore. Male l’Anderlecht, semifinalista delle ultime due stagioni, che cade in casa del Midtjylland per 3-1 e dice prematuramente addio alla Youth League, mentre il PAOK di Salonicco supera il turno grazie alla regola del gol in trasferta contro la Puskás Akadémia, avendo pareggiato in terra magiara per 1-1.

I risultati delle altre partite:

Mladost Podgorica – Sparta Praga 0-5 (and.:0-4)
Kairat Almaty – Dinamo Tbilisi 5-1 (and.:3-0)
Levski Sofia – Altınordu 1-1 (and.:0-5)
Zurigo – Zrinjski 6-0 (and.:3-0)
Dinamo Mosca – Gabala 5-0 (and.:2-0)
Sheriff – Viitorul 0-1 (and.:1-4)
AIK – Rosenborg 1-3 (and.:0-0)
Shakhtyor Soligorsk – Maccabi Haifa 2-3 (and.:0-5)
Čukarički – Domžale 4-1 (and.:2-2)
Málaga – Nitra 5-0 (and.:3-2)
Vardar – RB Salzburg 0-3 (agg: 0-8)
Ajax – Breidablik 4-0 (agg: 7-0)

Secondo turno (2 e 23 novembre):

PAOK – Ajax
Roma – Cork
Málaga – Midtjylland
Rosenborg – Čukarički
Altinordu – Sparta Praga
Viitorul – Zurigo
Maccabi Haifa – Dinamo Mosca
RB Salzburg – Kairat Almaty

Carles Pérez porta in vantaggio il Barcellona. Foto: ©FC Barcelona

Carles Pérez porta in vantaggio il Barcellona. Foto: ©FC Barcelona