E’ appena iniziato il 2017 e, nell’ambito calcistico italiano (ma non solo), uno dei primi appuntamenti da seguire sarà sicuramente il Viareggio Cup World Football Tournament Coppa Carnevale, torneo calcistico internazionale patrocinato dal CONI, dalla FIGC e dalla FIFA, organizzato dal CGC Viareggio (Centro giovani calciatori) e riservato alle formazioni giovanili. Quella di quest’anno sarà la 69° edizione, e avrà luogo dal 13 al 29 marzo, proprio per adattarsi alle esigenze del campionato primavera che si fermerà  in quelle settimane.

Potranno partecipare i ragazzi nati dal primo gennaio 1998, con la possibilità di schierare 4 fuori quota nati nel 1997. Sono molte le novità attese, come affermato da Alessandro Palagi, presidente del Centro Giovani Calciatori. Palagi e il suo staff stanno lavorando su alcune modifiche da apportare al regolamento, al fine di migliorare ulteriormente il prestigioso torneo mondiale di calcio Primavera. Per esempio si tornerà ai tempi di 45 minuti e verranno ridotte le sostituzioni da 7 a 5, proprio per evitare di spezzettare troppo il gioco. Vi sono importanti novità anche per quanto riguarda le squadre che parteciperanno. Oltre alle classiche italiane (Juve su tutte, campione in carica), le prime squadre ad essere confermate e rese ufficiali sono state Zenit San Pietroburgo e Toronto (la partecipazione di quest’ultima è stata possibile soprattutto grazie al lavoro di Roberto Bettega, che nel 1968 raggiunse la finale del torneo con la Juventus). Importante è anche il ritorno del Dukla Praga, che in questo torneo è praticamente di casa, avendolo già vinto per ben 6 volte, o la partecipazione del PSV, che avrà l’attenzione di molti addetti ai lavori per la presenza del baby bomber azzurro Gianluca Scamacca,  che dopo aver lasciato la Roma ha firmato per il club olandese.

Lo Zenit non è l’unica squadra russa che parteciperà a questo torneo, perché è di questi giorni l’ufficialità del Krasnodar, mentre sono molte le rappresentative straniere ancora in lizza per esserci in extremis. Ci sono dialoghi in corso con l’Anderlecht, mentre è stato sondato il terreno con Porto, Liverpool e Barcellona, ma con queste ci sono più difficoltà per via dei campionati nazionali delle rispettive seconde squadre, ovvero quelle eleggibili per il torneo. E’ molto probabile anche la presenza di molti team dell’ultima edizione, come Feyenoord, Pumas, Rijeka, Ujana, White Plains, Abuja, Akademija Pandev (accademia giovanile fondata dal macedone in forza al Genoa), e Belgrano.

Ci saranno squadre per cui questa edizione rappresenterà un esordio che si potrebbe tramutare in una favola calcistica (tanto in voga nel 2016), come avvenuto lo scorso anno. Fra tutte è indimenticabile il cammino dell’Ujana, la vera rivelazione del passato Viareggio. Il club congolese è stato infatti il primo team africano a superare la fase a gironi, divertendo sia in campo che fuori (tamburi ovunque). Si rilevò un torneo positivo anche per i “camionisti” del Nueve de Abril, provincia di Buenos Aires. Gli argentini, infatti, furono l’unica altra squadra straniera a superare i gironi, arrivando agli ottavi di finale.

L’anno scorso molti giocatori attirarono parecchie attenzioni, come i “camionisti” Sotelo e la coppia Barberan-Piriz, o il difensore Romero del Belgrano. Quest’anno gli occhi di molti osservatori saranno puntati proprio su questo club (in caso di partecipazione), con giocatori come Bonansea e Rikemberg pronti a fare il definitivo salto di qualità. Anche il paese nostrano avrà molto da offrire, con ragazzi già nel giro delle nazionali minori come Zanandrea (Juventus), Bastoni (Atalanta), Gori (Fiorentina), per arrivare ai più giovani Caligara (Juventus), Visconti (Inter) e soprattutto Pellegri (Genoa), che ha già esordito in prima squadra contro il Torino.

Non ci resta che aspettare e godere di due settimane di puro divertimento!

di Marco Ventimiglia



As featured on NewsNow: Calcio news