Blackout: il matinal del sabato di Liga vede ancora in campo il Deportivo La Coruña, questa volta ospite a La Rosaleda di Malaga. I galiziani trovano subito il vantaggio al terzo minuto con un calcio di rigore, guadagnato da Bruno Gama e poi realizzato da Borges. Come nella scorsa giornata di campionato però, il vantaggio non si può certo considerare al sicuro, perchè nonostante un evidente controllo del possesso palla e della partita in generale, al Depor bastano un paio di amnesie difensive per rimettere in discussione il risultato. Al 20’ Borges regala un calcio di rigore con un fallo abbastanza ingenuo e Michael Santos pareggia. Venti minuti dopo tocca a Sandro Ramírez, che trasforma un calcio piazzato togliendo le ragnatele dall’incrocio dei pali. Anche in questa occasione non si può tralasciare l’errore di Albentosa, che ha regalato una punizione invitante con un intervento a dir poco goffo.

Resilienza: il Malaga si trova così sul 2-1 a fine primo tempo. Un risultato forse insperato visto l’andamento del match, ma addirittura migliorato nei primi minuti della seconda frazione di gioco. Infatti gli andalusi sono i primi a trovare il terzo gol, sfruttando l’ennesima distrazione galiziana su una sedia situazione di cross basso al centro. Ancora una volta viene dimenticato Michael Santos sul dischetto del rigore, che appoggia di piatto sotto al sette. La resilienza delle Boquerones è sicuramente da elogiare viste le sette assenze importanti di Welington, Keko, Recio, Charles, Kuzmanovic, Juankar e Llorente tra infortuni e squalifiche. Non a caso però, la giovane formazione di Ramos si addormenta negli ultimi 30 minuti di partita, dando spazio a una momentanea rimonta del Deportivo. Gli uomini di Garitano infatti riacquistano fiducia e dopo l’ingresso di Gil, trovano il gol del 3-2 con Andone che insacca di testa su un cross proprio del neo entrato. Poi è il turno di Borges, che realizza la sua doppietta personale sfruttando un’uscita maldestra del comunque eroico Kameni.

Karma: dopo aver conquistato il pareggio, Garitano decide di togliere un ottimo Marlos Moreno per un giocatore più solido come Mosquera, nella speranza di portare a casa un punto. Mossa che si rivelerà errata, poichè non farà altro che favorire un un ultimo assalto disperato del Malaga. All’ultimo minuto la sorte decide di punire ulteriormente un Deportivo che come minimo avrebbe dovuto portare a casa un punto: il giovane Ontiveros si porta la palla sul piede preferito e fa esplodere un destro terrificante dai 25 metri, che si infila ancora una volta all’incrocio dei pali fulminando un incolpevole Tyton.

24: sono i tiri tentati dal Depor, che ha comunque espresso un buon gioco dominando anche il possesso palla (63%).

19: i punti del Malaga che si mantiene a metà classifica. I tre punti odierni potrebbero rivelarsi molto importanti, soprattutto per come sono stati conquistati. Viste le numerose assenze, gli andalusi possono continuare a sognare un posto in Europa League.

0: sono le vittorie esterne del Deportivo. Il prossimo impegno casalingo con un Real Sociedad lanciatissimo non sarà certo tra i più semplici, mentre il pubblico inizia a manifestare sempre più insofferenza nei confronti dell’allenatore.



As featured on NewsNow: Calcio news