Finisce 1-1 il big Match della 5a giornata di Liga tra Barcellona e Atletico Madrid. Padroni di casa in vantaggio con un colpo di testa di Rakitic sul finale del primo tempo, pareggio del neoentrato Correa nella ripresa. Un punto che sa di vittoria per i Colchoneros che escono dal Camp Nou senza aver perso nemmeno un punto nei confronti delle due grandi avversarie di Spagna.
Luis Enrique schiera gli undici tipo con Jordi Alba, Iniesta e Rakitic preferiti rispettivamente a Digne, Denis Suarez e Andre Gomes. Torna ad un 4-3-2-1 più difensivo Simeone, che propone la coppia Gameiro-Griezmann supportata da Carrasco. Primo tempo noioso caratterizzato da uno sterile possesso palla Blaugrana e da un Atletico troppo attendista e rinunciatario.
Al 13′ messi scalda i guantoni di Oblak con una conclusione dai 25 metri bloccata dal portiere Sloveno. Al 35′ Neymar ci prova con un diagonale dalla sinistra che esce di poco. I Blaugrana faticano a penetrare la difesa Colchoneros e chiamano in aiuto la spinta di Jordi Alba, uno dei calciatori più in forma di Luis Enrique. L’unico acuto della squadra di Simeone nel primo tempo è un assolo di Ferriera Carrasco che si conclude con un bel tiro respinto da Ter Stegen. Al 40′ il Barcellona si porta in vantaggio: assist meraviglioso dalla sinistra di Iniesta per Rakitic che colpisce da solo di testa e batte Oblak.

La ripresa ci regala tutto un altro Atletico. Gli uomini di Simeone aggrediscono alto i portatori di palla avversari, Juanfran e Felipe Luis costringono Messi e Neymar a giocare quasi sempre di spalle alla porta, mentre koke smette di far ragionare il genio di Iniesta. Il vero fenomeno dell’incontro però, si chiama Antoine Griezmann. Nel giorno della sfida al tridente più forte della storia del calcio, il Francese corre tre volte più di loro, recupera palloni come fosse Gattuso e si muove con e senza palla in ogni zona del campo. Al 59′ Messi sente un fastidio (pubalgia?) ed è costretto ad uscire. Brutto segnale. L’Atletico fa entrare “Angelito” Correa che due minuti dopo l’ingresso in campo, approfitta di uno scivolone di Mascherano e batte Ter Stegen con un bel piazzato. Adesso la partita è molto divertente. Le due compagini si affrontano a viso aperto.
Neymar con un tiro dalla distanza, e Godin con un bel colpo di testa, provano a cambiare il risultato senza riuscirci. L’occasione più ghiotta della ripresa capita a Piquè. Il centrale Catalano salta più in alto di tutti sulla punizione dalla sinistra di Neymar, ma il suo colpo di testa accarezza il palo di Oblak. Bella partita nella ripresa, campionato apertissimo ed entusiasmante

Fallisce il tentativo di Zinedine Zidane di prendersi il record assoluto di vittorie consecutive in Liga. Ad impedire la 17a vittoria al tecnico Francese ci pensa il Villarreal, che conferma il gran momento di forma fermando sull’1-1 i campioni d’Europa. Con Modric e Casemiro in infermeria, l’ex pallone d’oro si affida a James e Kovacic. Nei primi minuti il Real Madrid spinge forte, tiene il pallone, colleziona calci d’angolo e sfiora la rete al 18′ con Benzema. Tra i più pimpanti Gareth Bale, che in questo inizio spinge forte sulla destra creando spesso superiorità numerica. A metà della prima frazione si mette in mostra Asensjo; l’ex portiere dell’Atletico Madrid si rende protagonista di ottimi interventi,soprattutto sul colpo di testa di Cristiano Ronaldo, ben servito da James. Il Villarreal decide finalmente di uscire dal guscio e spaventa la porta di Casilla con un tiro insidioso di Cheryshev e con il solito Sansone. A pochi istanti dal termine della prima frazione, Sergio Ramos colpisce il pallone di mano in area di rigore e regala il penalty al sottomarino giallo. Bruno Soriano stavolta non regala il pallone a nessuno e realizza la rete del vantaggio.

Inizia la ripresa e Sergio Ramos si fa subito perdonare, quando anticipa tutti di testa su calcio d’angolo e riequilibria l’incontro. Nell’ultima mezzora i Blancos pressano alto. Benzema sfiora la rete con un bel colpo di testa, mentre James e Bale ci provano dalla distanza. Partita molto piacevole nella ripresa, con gli assalti delle Merengues e le ripartenze degli ospiti. Ad impegnare notevolmente Asensjo ci pensa il neoentrato Morata, quando schiaccia di testa costringendo il portiere Castilliano ad un grande intervento. Finisce 1-1. Insufficente la prova di Cristiano Ronaldo e quella di Benzema, ancora molto bene Nicola Sansone.

Altri risultati di serata:

CeltaSporting Gjion 2-1 ( Mello, Cop, Aspas)
GranadaAth Bilbao 1-2 (Raul Garcia, Carcela Gonzalez, Laporte)
Real SocietadLas Palmas 4-1 (W. Josè2 Vela, Zurutuza, Tanausu)

 



As featured on NewsNow: Calcio news