Nonostante le assenze di Bale infortunato e Cristiano influenzato, il Real Madrid batte 0-2 l’Espanyol e vola a punteggio pieno dopo quattro giornate. Zidane schiera James Rordriguez nella posizione di interno di sinistra e lascia ancora in panchina Isco e Kovacic. Davanti Benzema preferito a Morata e supportato da Asensio e Lucas Vazquez. Nel primo tempo, gli uomini di Quique Sanchez Flores aggrediscono alto e sorprendono le Merengues. James e Modric vanno spesso in difficoltà “tallonati” da Diop e Roca Junque, mentre Benzema e Asensio non sembrano entrare troppo in partita. Al 6′ Lucas Vasquez crea il primo pericolo alla porta avversaria con una conclusione che esce di poco a lato. L’Espanyol risponde colpo su colpo e manca una clamorosa Chance con Leo Baptistao; l’ex calciatore del Rayo Vallecano, grazie al buco lasciato da Pepe e Varane, si ritrova il pallone del’1-0 ma spara addosso a Casilla da pochi passi. Verso la fine della prima frazione, è ancora un colpo di testa di Leo Baptistao a far tremare i tifosi Blancos. Il pallone esce di pochissimo. L’Espanyol ha cuore e tanta organizzazione, il Real i campioni per sbloccarla. Al 46′ James parte palla al piede, salta due avversari e con un sinistro potente e preciso batte l’incolpevole Diego Lopez. 0-1 immeritato per i padroni di casa, puniti dal gioiello del fenomeno Colombiano.

Nella ripresa, la squadra di Sanchez Flores non riesce a mantenere gli stessi ritmi e fatica in fase di impostazione. La prima grande occasione capita sui piedi di Benzema, ma Diego Lopez compie la più bella parata dell’incontro, mostrando un grande riflesso. Passano solo due minuti e stavolta il numero 9 non perdona. Dopo un’ottima trama corale, Lucas Vazquez serve l’assist per il centravanti Francese, che anticipa il difensore e chiude la partita. 3 punti d’oro per il Real Madrid che nel turno infrasettimanale affronterà il Villarreal di Pato e Sansone. Tante le note positive delle Merengues, a partire dalla prestazione di Lucas Vazquez ed Asensio, autori di una grande seconda metà di partita. Due i punti da chiarire: le disattenzioni difensive e la posizione nelle gerarchie di Zidane di Isco e soprattutto James. L’ex Malaga sta avendo sempre meno spazio, mentre la stella Colombiana continua a non essere considerato un titolare e viene schierato dal Francese in un ruolo non suo. In tanti però vorrebbero avere i problemi di Zidane. Per l’ Espanyol ci sono tutte le potenzialità per riprendersi da questo brutto inizio di stagione. Il mercato è stato importante, il tecnico lo è ancor di più.

Nei Match pomeridiani, L‘Athletic Bilbao sconfigge in rimonta il Valencia grazie alla doppietta di Aduriz. I primi gol stagionale del bomber basco condannano il Valencia all’incredibile ultimo posto solitario. Il grande “progetto” di Peter Lim stenta a decollare.
Il Villarreal batte la Real Sociedad al Madrigal e raggiunge Siviglia e Atletico a quota 8 in classifica. Mattatore della giornata uno strepitoso Nicola Sansone. L’attaccante di origini Tedesco-Campane al 22′ sblocca il risultato con un bel piattone su assist di Roberto Soriano, e tre minuti più tardi fa “crollare ” il Madrigal: l’ex calciatore del Sassuolo raccoglie un passaggio di Castillejo e da 52 metri lascia partire un pallonetto sul quale Rulli non può far niente. CAPOLAVORO! Terza rete in quattro partite per l’esterno che sta diventando sempre più protagonista in questa Liga. A nulla serve la rete di Berchiche,che riduce il passivo per i Baschi. Per il sottomarino giallo, dopo l’eliminazione ai Preliminari di Champions per mano del Monaco, sembra tornare a splendere il sole. Mercoledì trasferta al Santiago Bernabeu. Match da non perdere.

 



As featured on NewsNow: Calcio news