Cancellare l’eliminazione della Champions League era l’imperativo, quindi vincere era l’unica cosa che contava. Nonostante una prestazione opaca dal punto di vista offensivo, l’Atletico Madrid del Cholo Simeone batte il Betis Siviglia e si conferma più che competitivo in terra spagnola. Saul al 29′  sfrutta l’assist dell’ottimo Vrsaliko e fa volare l’Atletico momentaneamente a -3 dal Barcellona capolista ed a più 1 dai rivali concittadini del Real Madrid. Crisi ? ciclo finito ? l’ Atletico non perde una partita di campionato da 19 turni, nuovo record per la società biancorossa. Sale invece a sei la striscia di partite senza vittorie per la squadra di Quique Setien, ferma a quota 18 in Liga.

Le pagelle dell’Atletico Madrid

OBLAK  7– grande parata sulla potente conclusione di Tello ed altra partita senza prendere gol; si conferma tra i migliori al Mondo nel so ruolo

VRSALIKO 6,5-  ottima prova dell’ex Sassuolo che serve l’assist per la rete decisiva di Saul e dimostra do potersi ritagliare il suo spazio nella rosa del Cholo

GODIN 7- se l’Atletico Madrid continua ad essere una delle migliori difese del pianeta lo deve tanto al suo leader Uruguaiano. Ennesima partita senza sbavature, le difficoltà si inizio anno sembrano un lontano ricordo

SAVIC 7- semplicemente perfetto quando si stacca dalla linea difensiva anticipando sistematicamente gli attaccanti avversari. Unica sbavatura nel primo tempo quando si perde Sergio Leon

FELIPE LUIS 5- soffre Barragan in avvio, spesso fuori posizione, spinge pochissimo. Il vero felipe Luis è un’altra cosa. Prestazione sottotono

GABI 6- come al solito si vede poco ma si sente molto. Tanto sacrificio, tanto sudore che hanno un importanza indicibile nell’economia della squadra

KOKE 6- ottimo in fase di palleggio nella prima frazione, cala nella ripresa. Sacrifico ed abnegazione non mancano mai

SAUL 7- gioca a tutto campo a livelli straordinari; recupera centinaia di palloni, aiuta i terzini in fase di non possesso e sigla la rete decisiva dell’incontro

THOMAS 5,5- troppi gli errori in fase di uscita dettati da una tecnica rivedibile; meglio quando si tratta di dare una mano in mezzo e coprire gli spazi (dal 90′Hernandez sv)

CORREA 5- pochi palloni giocabili, ma anche poca intensità nell’andarseli a cercare. Non si rende mai pericoloso (Gimenez 6- aiuta la catena centrale del campo spazzando via alcuni palloni pericolosi)

GAMEIRO 5- Qualche buon movimento in profondità ma niente di più. L’attaccante francese soffre il canovaccio tattico della partita, sbaglia troppo tecnicamente e non riesce mai a pungere sotto porta (dal 77 ‘Torres sv)



As featured on NewsNow: Calcio news