La Real Societad conferma di essere una delle squadra più in forma della Liga e fa piangere il Cholo. La squadra di Eusebio domina nella ripresa e trova la 3a vittoria consecutiva grazie ai due rigori trasformati da Carlos Vela e William Josè.
Con Gaitan fuori per infortunio, Diego Pablo Simeone schiera in campo un 4-3-2-1 più guardingo rispetto alle ultime settimane; solita difesa con l’annullamento della squalifica di Savic, mentre davanti Griezmann sulla sinistra e Carrasco sulla destra, supportano un Kevin Gameiro in gran spolvero. La Real Societad inizia meglio l’incontro, tenendo palla e riuscendo a bloccare al meglio le offensive di Griezmann e Gameiro. La prima occasione dell’incontro porta la firma di Diego Godin; il fortissimo centrale Uruguaiano stacca di testa su calcio d’angolo e manca di poco la porta difesa da Rulli. La Real risponde pochi minuti dopo con la conclusione di Zuruzuta che sorvola di pochi centimetri la traversa. Attorno al 25′ si sveglia l’Atletico che vive il momento migliore della sua partita. Saul conclude da pochi passi, ma Rulli è bravo a respingere a mano aperta. Passano pochi istanti ed il palo ferma Gameiro: tocco vellutato a scavalcare il portiere Basco, ma il pallone sbatte sul legno e rimane in campo. Sarà l’occasione migliore dell’incontro per i Colchoneros.

La Real reagisce continuando a creare costanti problemi a Felipe Luis e Godin con le incursioni di un indemoniato Carlos Vela. Nella ripresa la partita cambia, l’Atletico non riesce più a controbattere l’avversario. Xavi Prieto, Zurutuza, Carlos Vela ed Illaramendi giganteggiano tra centrocampo e trequarti, i Colchoneros sembrano mancare di concentrazione e condizione fisica. I padroni di casa arrivano costantemente prima sul pallone, Koke e Gabi non son o nella loro miglior giornata e si fanno soffiare spesso il pallone.
Al minuto 54′ il solito Carlos Vela entra in area e si fa agganciare da Gabi. Il Messicano ex Arsenal sistema la palla sul dischetto e porta in vantaggio i Baschi. Per dare vivacità all’attacco, Simeone fa entrare Torres e Correa al posto di Saul e Gameiro (il migliore davanti). Non cambia niente, l’Atletico non c’è con la testa e non riesce a creare nessun pericolo dalle parti di Rulli. Al minuto 75 ancora rigore a favore della Real, ancor più netto del precedente. La formazione di Eusebio riparte in contropiede ed uno scatenato Vela si fa abbattere Correa. Dal dischetto questa volta si presenta William Josè che spiazza Oblak e realizza la rete che ammazza l’incontro. L’ultima occasione è di Carrasco, Gonzalez salva a due passi dalla linea di porta.
L’Atletico Madrid esce sconfitto in trasferta per la seconda volta consecutiva e perde il contatto dalla vetta. Per la prima volta da quando Simeone siede sulla panchina dei Colchoneros, la retroguardia guidata da Godin sembra qualcosa di facilmente penetrabile.
Real Societad sorprendente, bellissima ed addirittura dominante.

Nell’altro incontro del pomeriggio, l’Alaves vince a Pamplona interrompendo l’ottimo momento di forma dell’Osasuna. Decide l’incontro la rete su penalty del Venezuelano Christian Santos. L’Alaves vola a 13 punti stanziandosi a metà classifica, mentre la squadra di Enrique Martín Monreal rimane al penultimo posto a quota 7

 

 



As featured on NewsNow: Calcio news