Al San Mamès, l’Athletic Bilbao fallisce l’opportunità di portarsi a -3 dalla zona Champions pareggiando 1-1 con L’Osasuna. Gli ospiti concretizzano un buon inizio al 23′, quando Oriol Riera trova lo stacco vincente sul calcio d’angolo battuto da Roberto Torres. La squadra di Valverde, spinta dal calore della tifoseria biancorossa, trova il pareggio solo 4 minuti più tardi: Raúl García colpisce di testa da centro area e rimette in parità le sorti dell’incontro. Ottima l’azione sulla sinistra di Sabin che ubriaca due difensori e serve l’assist vincente al compagno di squadra.
Il primo acuto della ripresa arriva al 51′, De las Cuevas, su assist di Sergio León, calcia con il destro dai 20 metri e sfiora la porta difesa da Iraizoz. Nei successivi 20 minuti la partita vive la sua fase più noiosa; le due squadre faticano a trovare gli sbocchi giusti e peccano spesso di precisione nell’ultimo passaggio. L’Osasuna ne approfitta per rallentare il gioco, abbassare la linea difensiva e talvolta ripartire in contropiede. La squadra di Pamplona, dopo il disastroso inizio di campionato, sembra aver trovato il giusto feeling con la categoria.
La squadra di Valverde torna a farsi vedere al 71’con Raul Garcia: l’ex Colchoneros, servito splendidamente da Muniain, si fa respingere la conclusione da Nauzet. Nel finale, i Baschi alzano i ritmi e spaventano gli avversari con le conclusioni a rete di Aduriz e Mikel Rikco, ma l’Osasuna si salva e conquista un punto d’oro in ottica salvezza. Occasione persa per i Rojoblanco che salgono a quota 16 punti e si fanno affiancare dai “cugini” della Real Societad.

Nel posticipo serale, è spettacolo al Gran Canaria!
IL Celta Vigo trova il vantaggio dopo soli 5 minuti: calcio di punizione non irresistibile di Wass che supera un disattento Raul. Il Las Palmas pare in netta difficoltà ed il suo pubblico inspiegabilmente lo abbandona. Piovono fischi per Boateng e compagni che, dopo un inizio di campionato esaltante, sembrano aver perso il giusto mordente. I Galiziani ne approfittano e raddoppiano già al 14′: Pione Sisto lancia in profondità Iago Aspas, Raul esce malissimo e l’ex Liverpool lo punisce in pallonetto. Passano pochi istanti ed i canarini incassano la 3a rete; è ancora Iago Aspas a beffare Raul servito da uno strepitoso Orellana. Assist fantascientifico dell’esterno Cileno con un passato nell’Udinese. C’è una sola squadra in campo nella prima frazione. Radoja e Cabral sono perfetti nell’anticipare i portatori di palla avversari, Hugo Mallo ci mette il cuore, mentre Orellana ed Iago Aspas risultano essere semplicemente imprendibili.

Nella ripresa la partita cambia radicalmente. Al 53′ il Las Palmas accorcia le distanze: Viera mette un buon cross in area, Bigas anticipa tutti ed insacca il pallone in rete con un gran colpo di testa. Passa un solo minuto ed Hernandez sciupa l’occasione di chiudere l’incontro colpendo il palo a tu per tu con Raul. Partita a dir poco emozionante. Al 65′ i padroni di casa riaprono i giochi: Sergio Gomez affonda Livaja in area di rigore, penalty ed espulsione per il terzino del Celta. Dal dischetto si presenta Viera che realizza il 2-3. Minuto 67, adesso il Gran Canaria è una bolgia: Michel viene pescato in profondità e serve un pallone perfetto per il clamoroso 3-3 di Boateng. Facile il Tap-in per l’ex trequartista rossonero. Nel finale il Celta Vigo sfiora il nuovo vantaggio con la traversa di Marcelo Diaz. Con questo pareggio i galiziani salgono a 14 punti in classifica. Il Las Palmas, invece, si ferma a quota 13. Migliori in campo Orellana e Iago Aspas, disastroso Raul Lizoain

Negli altri incontri della domenica, l’Eibar batte il Villarreal 2-1 grazie ad un grande Pedro Leon, mentre l’Espanyol trova la seconda vittoria esterna del proprio campionato in casa del Betis Siviglia. Decide una rete del Messicano Diego Reyes. Liga aperta ed imprevedibile su tutti i fronti



As featured on NewsNow: Calcio news