Alle Canarie il Real Madrid di Zidane incappa nel secondo pari consecutivo, sempre contro una squadra con divisa gialla e in super forma. Mercoledì era toccato al Villarreal (al Bernabeu) fermare le Merengues, stasera al Las Palmas di Setien. La cosa peggiore della serata in casa capitolina non sono però i due punti lasciati per strada (troppe le occasioni sciupate), bensì il dissidio tra Cristiano Ronaldo e il tecnico Francese. La stella portoghese, sostituita, non ha fatto nulla per nascondere il proprio disappunto, creando qualche imbarazzo allo staff tecnico madrileno. In una notte del genere, nonostante gli ospiti fossero andati in vantaggio due volte, con Asensio prima e Benzema poi (col francese a segno un paio di minuti dopo il suo ingresso), non poteva che esserci la beffa finale, rappresentata dal gol di Araujo. Il punto dell’Argentino (il primo pari lo aveva invece firmato Tanausu) ha scombussolato i piani del Real, che pensava di mantenersi a più tre sul Barca, e gettato qualche ombra sulla solidità del gruppo e del rapporto star-tecnico in vista della settimana di Champions.

Più tre sugli arci-rivali catalani dunque svanito, vista la cinquina dei ragazzi di Luis Enrique nelle Asturie. Lo Sporting Gijon ha tenuto botta mezzora, per poi capitolare ai piedi del pistolero Suarez. Rafinha (ancora in gol), e nel finale Neymar e Arda hanno completato il pokerissimo Blaugrana, in un pomeriggio in cui, ancora una volta, è spiccata la prova egregia di Sergi Roberto, erede degno di Daniel Alves. Non si è invece notata l’assenza della Pulga Messi, che non rientrerà prima del ritorno dalla pausa per le nazionali.

Nelle altre sfide di giornata vittoria dell’Eibar, nel derby Basco, ai danni della Real Sociedad, e dell’Athletic Bilbao sul Siviglia. Ad Ipurua la sfida si è sbloccata con l’autogol dell’ex Real Madrid Illarramendi, prima del raddoppio firmato da Bebè, con uno spettacoloso tiro da fuori area (arma letale dell’ex Rayo e United). Al San Mames è arrivata invece la prima sconfitta nella Liga per Sampaoli. Tre a uno il finale, griffato Balenziaga, Aduriz e San Jose (inutile la rete di Nasri per gli andalusi).



As featured on NewsNow: Calcio news