Tanti gol ed emozioni nella serata di ieri, nella quale si è giocato il secondo turno di qualificazioni per i gironi D, G e I, in vista di Russia 2018. Pronostici perlopiù rispettati, con le vittorie facili di Croazia e Serbia (rispettivamente su Kosovo e Moldavia) e i pareggi di Italia-Spagna, Austria-Galles e Turchia-Ucraina. Vince soffrendo l’Islanda, che rimonta la Finlandia e vince 3-2. Andiamo a vedere i risultati girone per girone:

Girone D

Austria – Galles 2-2 ( 22′ Allen, 28′ Arnautovic, 45+1′ Wimmer (og), 48′ Arnautovic)

Irlanda – Georgia 1-0 (56′ Coleman)

Moldavia – Serbia 0-3 ( 19′ Kostic, 37′ Ivanovic, 59′ Tadic)

Il Galles ci prova, ma l’Austria è cinica e guadagna onestamente un punto. Si potrebbe riassumere così la sfida dell’Ernst Happel Stadion, dove gli uomini di Coleman arrivano dopo la facile vittoria contro la Moldavia che gli ha assicurato il momentaneo primo posto. Il vantaggio gallese porta la firma di Allen, al secondo gol consecutivo (dopo il gol del pari a Old Trafford con il suo Stoke City). Passano appena 6′ e Arnautovic trova il pari su assist di Alaba. Proprio quando sembra che le due squadre si possano avviare negli spogliatoi sull’1-1, Wimmer trova uno sfortunato autogol, che porta il Galles in vantaggio. Anche in questo caso, però, dura poco: al rientro in campo, passano appena 3′ ed è di nuovo Arnautovic a riequilibrare la sfida, che manterrà questo risultato fino al 90′.

All’Aviva Stadium di Dublino l’Irlanda sistema la pratica Georgia grazie a Seamus Coleman, che al 56′ trova il vantaggio dopo una discesa sulla fascia conclusasi con un rimpallo favorevole che permette al difensore dell’Everton di regalare i tre punti ai suoi. Georgiani sfortunati: al termine del primo tempo era arrivata una doppia traversa, colpita da Mchedlidze e Kashia. Dopo il pareggio all’esordio contro la Serbia, continua l’imbattibilità dei ragazzi di Martin O’Neill, che continuano a impressionare dopo l’ottimo Europeo di quest’estate in Francia.

Tutto facile per la Serbia, che a Chisinau chiude la partita già dopo il primo tempo, con i gol di Kostic e Ivanovic. Nella ripresa, a chiudere i conti ci pensa Dusan Tadic, esterno del Southampton. 4 punti in classifica anche per i serbi, mentre la Moldavia rimane a 0 punti, 7 gol subiti e 0 fatti.

Gruppo G

Italia – Spagna 1-1 (56′ Vitolo, 82′ De Rossi (r))

Lietchenstein – Albania 0-2 ( 12′ Jehle (og), 71′ Balaj)

Macedonia – Israele 1-2 ( 25′ Hemed, 43′ Ben Haim, 63′ Nestorovski)

Nel big match della serata l’Italia fatica, va sotto ma poi rischia addirittura di vincerla, il tutto dopo un match per per 55′ è quasi soporifero, con un dominio tecnico e territoriale da parte degli spagnoli, che però non riescono a creare pericoli dalle parti di Buffon. E’ proprio il portiere azzurro a “regalare” il gol del vantaggio: su lancio di Busquets per Vitolo, lo juventino sbaglia il tempo dell’uscita e lascia via libera allo spagnolo, che deposita in rete il suo secondo gol con la maglia della nazionale iberica. Dopo il vantaggio si sveglia l’Italia, rinvigorita dagli ingressi di Immobile e Belotti. E’ proprio il centravanti del Torino a guadagnarsi il rigore, siglato poi da De Rossi, per un fallo di Ramos (nell’occasione non arriva il secondo giallo per il madridista). Annullato anche un gol al “Gallo” per un giusto fuorigioco su azione personale di Immobile. Alla fine, il pareggio è il risultato giusto. Lopetegui e Ventura hanno ancora molto da lavorare, e i risultati arriveranno.

A sorpresa (ma neanche così tanto), al comando del gruppo G c’è l’Albania di De Biasi, che dopo aver vinto all’esordio contro la Macedonia, vince anche in Lietchenstein grazie alla sfortunata autorete di Jehle e al gol di Balaj. Un sigillo per tempo per mettere in chiaro le cose: Italia e Spagna sono avvisate, gli albanesi sono più decisi che mai a dar del filo da torcere alle ben più blasonate avversarie.

Tra Macedonia e Israele succede di tutto. Ospiti in vantaggio di due gol all’intervallo e abbastanza tranquilli, ma i macedoni vengono rinvigoriti dal gol di Nestorovski, il giovane attaccante che si sta facendo conoscere a Palermo. Al 95’m, i padroni di casa avrebbero la possibilità di trovare il 2-2, ma Jahovic si fa ipnotizzare da Goresh e sbaglia dal dischetto, dopo un fallo di Tibi (espulso per doppia ammonizione). Prima vittoria per Israele, dopo la sconfitta all’esordio contro l’Italia. Rimane a 0 la Macedonia

Gruppo I

Islanda – Finlandia 3-2 ( 21′ Pukki, 37′ Arnason, 39′ Lod, 90+1′ Finnbogason, 90+3′ Sigurdsson)

Kosovo – Croazia 0-6 ( 6′,24′,35′ Mandzukic, 67′ Mitrovic, 83′ Perisic, 90′ Kalinic)

Turchia – Ucraina 2-2 ( 24′ Yarmolenko (r), 27′ Kravets, 45+1′ Tufan, 81′ Calhanoglou)

Partita incredibile tra Islanda e Finlandia. Ospiti in vantaggio all’intervallo, grazie ai gol di Pukki (di testa) e Lod(gran sinistro al volo), nel mezzo dei quali era arrivato il momentaneo pareggio di Arnason da corner. A inizio ripresa, Sigurdsson sbaglia un calcio di rigore e l’Islanda non riesce a trovare il pareggio, seppur si butti disperatamente in avanti. A inizio recupero succede l’incredibile: prima arriva il pareggio di Finnbogason e poi, al 93′, una mischia incredibile in area finlandese viene risolta da Sigurdsson, che riesce così a farsi perdonare.

Tutto facile per la Croazia, che si sbarazza del Kosovo grazie a un super Mandzukic: lo juventino segna 3 gol in 30′ (con il club ne ha segnati 4 in tutto il 2016). Nella ripresa, si uniscono alla festa anche Mitrovic, Perisic e Kalinic, che trova un bel gol da fuori area. Prima vittoria per la Croazia, dopo l’1-1 del primo turno contro la Turchia.

Bellissima partita anche quella tra Turchia e Ucraina. Ospiti in vantaggio con Yarmolenko, che tira un bruttissimo rigore ma trova l’ancor più brutta risposta di Babacan, che non riesce ad evitare il gol. Passano 3′ e Yarmolenko serve un cioccolatino in area per Kravets, che sembra indirizzare la partita verso i binari ucraini. La Turchia, però, ci mette il cuore e prima trova, di testa, il gol dell’1-2 grazie a Tufan, poi, a 9′ dalla fine, sfrutta un calcio di rigore e trova il pareggio: dagli 11 metri, infatti, non sbaglia Calhanoglou. Per entrambe le squadre si tratta del secondo pareggio consecutivo.



As featured on NewsNow: Calcio news