Da bambini la figura del papà è vista sempre come quella di un eroe: non c’è dubbio che anche Justin Kluivert da piccolo abbia desiderato diventare come suo padre, Patrick, ex attaccante di MilanBarcellona. Il giovane Justin, infatti, ha intrapreso la carriera da calciatore sulle orme del genitore ed è arrivato nel weekend l’esordio in prima squadra con l’Ajax.

Justin Kluivert ha esordito in Eredivisie con i Lancieri dell’Ajax domenica, subentrando al trentottesimo del primo tempo al posto dell’infortunato Younes nella trasferta in casa dello Zwolle. L’esterno offensivo, classe 1999, ha ben impressionato nella sua prima apparizione ufficiale, risultando spesso molto pericoloso. Il numero quarantacinque, di balotelliana memoria, è riuscito con la sua tecnica sopraffina a mettere in difficoltà la retroguardia avversaria, ripagando la fiducia dell’allenatore degli ospiti, Peter Bosz, che ha puntato su di lui ad inizio stagione ma che ancora non gli aveva concesso minuti in gare di campionato. E’ stato proprio Kluivert junior a creare l’occasione che ha portato al rigore a favore dell’Ajax con il conseguente uno a zero: una verticalizzazione del talentino ha spaccato la difesa dello Zwolle, con il risultato che El Ghazi, altro grande talento, a tu per tu con il portiere avversario è stato steso in area di rigore, con l’arbitro costretto a concedere il tiro dagli undici metri. Il punteggio finale, tre a uno in favore degli ospiti, permette al giovane esterno olandese figlio d’arte di iniziare la propria vita tra i professionisti con un’ampia e soddisfacente vittoria.

Per quanto riguarda la carriera nelle giovanili, Justin Kluivert è stato ed è tuttora una vera e propria star della squadra Under 19 dell’Ajax, di cui ne è il maggiore trascinatore ed il più pericoloso in fase offensiva. In questa stagione, l’ala destra ha collezionato ben diciassette presenze in tre competizioni diverse. Nella fase preliminare del campionato di categoria, l’olandese è sceso in campo per otto volte, siglando addirittura cinque reti e mettendo a segno ben cinque assist decisivi per i compagni di squadra. In campionato al momento lo score personale è fermo a due goal in cinque presenze, conditi anche in questo caso dallo stesso numero di assist, due.

Da quasi quattro anni Justin Kluivert è nel giro delle Nazionali giovanili: la prima presenza con l’Olanda è arrivata il ventisei novembre del 2013 con l’Under 15, quando l’esterno aveva quattordici anni e sei mesi. Da allora sono trentasette i gettoni di presenza con le rappresentative giovanili del suo paese ma i goal sono arrivati tutti con l’Under 15, due, e con l’Under 16, tre.

Dopo il debutto di domenica in Eredivisie, è già iniziato il tam-tam mediatico attorno al giovane erede di Patrick Kluivert riguardo un possibile approdo in una big del calcio europeo. Sembra, però, che l’Ajax abbia intenzione di blindare il giovane talento ma se dovessero arrivare offerte importanti ci si potrebbe sedere attorno ad un tavolo e discuterne. Ad esempio, la Juventus, da qualche anno attentissima al calcio giovanile e molto vicina ai campionati dell’Europa del Nord, in cui ha molti suoi giocatori in prestito, potrebbe pensare di affondare il colpo a fine stagione se l’esterno dovesse riuscire ad imporsi anche in Prima Squadra, così come la Roma, in cui il nuovo DS potrebbe regalare ai tifosi questo gioiellino. Molto interesse, infine, si è registrato nei giorni scorsi da parte delle squadre francesi, in particolare MonacoMarsiglia, alla ricerca di esterni di centrocampo duttili e con il fiuto per il goal.



As featured on NewsNow: Calcio news