Sta facendo discutere da ieri sera l’incredibile, quanto anomalo errore commesso dall’arbitro inglese Keith Stroud durante il match valido per la 40esima giornata di Championship tra Newcastle e Burton Albion. Siamo al 22esimo minuto di gioco del primo tempo: Stroud assegna un calcio di rigore (dubbio, a dire il vero) ai padroni di casa: dal dischetto Matt Ritchie trasforma ma l’arbitro rileva un’irregolarità, l’invasione in area di rigore dell’attaccante del Newcastle, Gayle. Il fischietto inglese però, invece di far ripetere l’esecuzione dagli 11 metri come previsto dal regolamento, decide incredibilmente di assegnare un calcio di punizione in favore del Burton Albion tra lo stupore generale di Rafa Benitez, dei suoi calciatori e di tutti i tifosi dei Toons. “Un grave errore. Da un arbitro di questo livello non ci si aspetterebbe mai  questa cosa”– ha commentato Mark Halsey, ex arbitro- La regola numero 14 parla chiaro: il calcio di rigore andava ribattuto. C’è solo un caso in cui il regolamento prevede l’assegnazione di un calcio di punizione indiretto in favore della squadra avversaria, ossia quello in cui ci sia invasione ed il rigore venga sbagliato”. Sulla questione è intevenuto con una nota ufficiale anche il PGMOL (Professional Game Match Official Limited), organizzazione simile per certi versi alla nostra AIA: “In occasione del match di ieri l’arbitro Keith Stroud ha chiaramente sbagliato, non avendo applicato ciò che il regolamento ordina di fare in quel caso. Lo stesso arbitro ed i suoi collaboratori si dicono dispiaciuti per l’errore commesso”. Fortunatamente il clamoroso svarione arbitrale non ha avuto effetti negativi sul match, visto che alla fine il Newcastle è riuscito a prevalere sugli avversari grazie ad una rete proprio di Gayle a venti minuti dal termine.

 

 

Ugo D’Andrea



As featured on NewsNow: Calcio news