Nei Paesi Baltici sale la febbre per la conclusione dei campionati nazionali e l’assegnazione del relativo titolo. Ieri vi abbiamo parlato dell’Estonia, dove al traguardo mancano solo 6 giornate, mentre oggi continuiamo il nostro tour con Lettonia e Lituania.

LETTONIA

Sei turni rimanenti anche qui, dove l’esclusione dello Skonto Riga (la squadra più titolata del paese con 15 campionati vinti) decretata ad inizio stagione per motivi finanziari ha lasciato campo libero alle altre pretendenti. In realtà i problemi dello Skonto erano iniziati nel 2011 ma la società, seppur tra innumerevoli difficoltà, era sempre riuscita a garantire l’iscrizione al campionato (ottenendo anche 4 secondi posti) fino a che la federazione ha deciso di non concedere la licenza di partecipazione per la stagione 2016. Spazio quindi a Ventspils e Liepaja? No, perchè al comando attualmente troviamo lo Spartaks, club fondato solamente nel 2007 che potrebbe portare a casa il primo campionato della sua giovanissima storia. Gli ultimi due pareggi contro Liepaja e Riga FC hanno rallentato la corsa degli uomini di Kolinko, che però mantengono il primato con 6 punti di vantaggio sul Ventspils. Proprio questi ultimi con la vittoria per 1-0 sul Riga FC sono saliti a quota 43 e, con lo scontro diretto del 1 ottobre, proveranno ad avvicinarsi ulteriormente. Per quanto riguarda la zona retrocessione resta da definire solamente chi dovrà giocarsi lo spareggio per restare in Virsliiga: con il Daugavpils ormai condannato (solo 8 punti), le tre squadre a rischio sono Metta/LU, Riga FC e RFS.

CLASSIFICA 

  1. Spartaks        49
  2. Ventspils       43
  3. Liepaja           37
  4. Jelgava          36
  5. RFS                26
  6. Riga FC         22
  7. Metta/LU      20
  8. Daugavpils    8

 

LITUANIA

Estremamente simile alla storia dello Skonto Riga, anche in Lituania il club più blasonato, il FBK Kaunas, non è più una partecipante del massimo campionato nazionale. I giallo-verdi, detentori di 8 titoli, hanno attraversato gravi problemi finanziari che l’hanno tenuta lontana dalla lotta la vertice per molti anni (ultimo successo nel 2007) fino al definitivo fallimento del club nel 2012, decretato dal presidente non più in grado di far fronte ai debiti. Nonostante questo, i tifosi, non condividendo la decisione di porre fine al glorioso club, hanno rifondato la squadra che attualmente milita nella seconda serie.

A dividersi il trono del calcio lituano dal 2007 sono stati Ekranas (fallito anch’esso nel 2014) e Zalgiris Vilnius, con quest’ultimo vincitore degli ultimi 3 campionati e attualmente in vetta alla classifica con 53 punti. Con due giornate al termine prima dei playoff, lo Zalgiris sembra non aver rivali: ieri è arrivata la quarta vittoria nelle ultime cinque partite (4-0 contro lo Jonava) che mantiene la squadra della capitale a 8 lunghezze di distanza dal Trakai. Ottima stagione per la squadra gialloblu che, promossa solamente due anni fa, sta ripetendo la grande annata precedente conclusasi al secondo posto. La vittoria sull’Utenis è la quarta di fila e permette ai ragazzi di Urbonas di staccare ancor più l’Atlantas, arrivato al terzo pareggio consecutivo e fermo a 48 punti. Con spareggio e retrocessione già definite, Utenis e Kauno Zalgiris, si aspetta solamente l’inizio dei playoff per incoronare la nuova regina di Lituania.

CLASSIFICA

  1. Zalgiris Vilnius       63
  2. Tarkai                       55
  3. Atlantas                    48
  4. Suduva                     45
  5. Jonava                      26
  6. Stumbras                 23
  7. Utenis                       15
  8. Kauno Zalgiris        15

 

Fonte Immagine: sportacentrs.com



As featured on NewsNow: Calcio news