Quarti di finale di FAI Cup altamente spettacolari, come da tradizione: anche in Irlanda, il fascino della coppa nazionale si accende soprattutto sul finale. Poco dopo lo scoccare dell’ora di gioco del match tra Shamrock e Cork, le scritte luminose del tabellone del Tallaght Stadium recitavano chiaramente un rotondo 0-5 per la Rebel Army, risultato a dir poco clamoroso per la storia del club più titolato d’Irlanda. I Leesiders hanno inflitto una batosta difficilmente dimenticabile agli Hoops padroni di casa, con Sean Maguire, tornato dopo la parentesi con l’Under-21 irlandese, grande protagonista del match, nonché autore di una devastante tripletta. Tra le mura di un Tallaght che ha vissuto serate migliori – tra mal tempo e partita trasmessa in diretta televisiva, il pubblico era ridotto all’osso – la Rebel Army ci ha messo solo quattro minuti a portarsi avanti: è proprio l’attaccante ex-West Ham ad aprire le danze, trovando la rete da un’angolatura per nulla scontata. Meno di dieci minuti più tardi, Garry Buckley viene servito da Stephen Dooley e scocca un tiro dal limite dell’area su cui Murphy viene spiazzato, firmando lo 0-2. Al 33’, Karl Sheppard trova un gol forse ancora più spettacolare, al termine di un’azione corale a marchio Dooley – Maguire. Si va all’intervallo con gli Hoops sotto di tre reti, ma non è bastato l’inserimento di Dean Clarke, ad inizio ripresa, per provare a cambiare l’andazzo del match, perché dopo soli 49 secondi dal fischio di ripresa Maguire trova nuovamente l’occasione per beffare Murphy, ripetendosi quattro minuti più tardi (!), servito eccellentemente da uno strepitoso Dooley. La partita finisce virtualmente qui, al 50’: il Cork City avanza alle semifinali della Coppa d’Irlanda, e lo fa in grande stile. Dundalk avvisato: gli uomini di John Caulfield hanno una fame mostruosa.

Anche il Derry City ottiene una bella vittoria in trasferta, per 1-3 in casa del Wexford Youths. Sono i rosanero, inizialmente, a portarsi in vantaggio, grazie alla rete di Eric Molloy, imbeccato da Paul Murphy. La reazione dei Candystripes arriva allo scadere della prima frazione, col solito Rory Patterson, che trova il suo 14esimo gol stagionale, rivelandosi nuovamente fondamentale per la squadra di Kenny Shiels. Nella ripresa, l’austriaco Lucas Schubert ribalta il risultato al 67’, quando gonfia la rete dopo il palo colpito da Aaron McEneff da calcio di punizione, mentre Barry McNamee cala il tris garantendo al DCFC l’accesso alla tanto desiderata semifinale. A braccetto col Derry City entra anche il Dundalk, che accede al club delle ultime quattro di Coppa battendo di misura (1-0) il più modesto UCD, squadra di First Division. E’ stata la serata di Ciaran Kilduff, tornato in campo dopo un lungo infortunio al ginocchio, che ha garantito la qualificazione grazie al suo colpo di testa vincente nel secondo tempo. Infine, avanza anche il St Patrick’s Athletic, tuttavia faticando, e non poco, contro i sorprendenti Cobh Ramblers (altra squadra della cadetteria irlandese). I Saints si portano avanti di tre reti lungo il corso del primo tempo, grazie ai guizzi di Christy Fagan, Jamie McGrath e Billy Dennehy. Nella ripresa, tuttavia, forse paghi del risultato, gli uomini di Liam Buckley – non nuovi a questi clamorosi cali di concentrazione – combinano disastri su disastri, permettendo prima a Connor Ellis, su rigore, poi a Rob Lehane di ridurre lo svantaggio di una rete. Tuttavia, per fortuna dei Pats, le partite durano solo 90’ e i Ramblers non riescono per un soffio nell’impresa: la semifinale è dunque della compagine di Dublino, che si aggrega a Cork, Derry e Dundalk. Ci si aspettano delle settimane infuocate, in Irlanda.

Foto: Sportsfile

Foto: Sportsfile