Luton Town, prepararsi per il decollo

Calcio inglese 13 settembre 2016 Valerio Annino


Luton è una piccola cittadina di circa centomila abitanti, situata a cinquanta chilometri a nord di Londra e famosa soprattutto per il suo aeroporto che serve, per l’appunto, la capitale inglese. Da due anni Luton è tornata però anche ad avere la propria squadra nella Football League, dopo la retrocessione dalla League Two nella stagione 2008/09 in seguito a problemi finanziari. Alla seconda stagione nuovamente nel calcio che conta, il Luton Town l’anno scorso ha colto un buon piazzamento di metà classifica al quattordicesimo posto, davanti a compagini ben più blasonate ed esperte come Notts County, Yeovil Town e York City. Quest’anno però, complice una campagna acquisti di ottimo livello e alla sapienza tattica del nuovo manager Nathan Jones, ex terzino gallese, tra le altre, di Southend United, Brighton e Yeovil, il Luton ha smesso di giocare il ruolo della discreta comparsa e ha iniziato a fare sul serio: gli Hatters, dopo un grande inizio di stagione, sono in testa alla classifica di League Two.

Nelle prime sei giornate di campionato arrivano quattro vittorie, una sconfitta e un pareggio: vittoria netta all’esordio sul difficile campo del Plymouth Argyle (0-3), poi alla seconda arriva il pareggio casalingo contro Yeovil (1-1), una settimana dopo invece vittoria in casa per 2-1 contro Newport County, mentre il 20 agosto, quarta giornata, al Broadhall di Stevenage arriva la prima sconfitta stagionale per 2-1 contro lo Stevenage. Sembra il prologo di un’altra stagione senza infamia nè lode, ma nelle due successive giornate di campionato arrivano altrettante vittorie, per 0-3 sul terreno del Cambridge United, e il 4-1 casalingo al Kenilworth Road inflitto al Wycombe Wanderers. Due vittorie che proiettano gli uomini di Jones in testa alla classifica, grazie ad una solida difesa (appena cinque gol concessi in sei giornate) e ad un gioco spumeggiante, quasi latino, sicuramente il migliore espresso in League Two fino ad ora in stagione. Sabato però, brutta battuta d’arresto: gli Hatters cedono 1-2 in casa contro il neopromosso Grimsby grazie alla doppietta di Bogle, con il boss Nathan Jones che commenta la sconfitta asserendo come i suoi non siano stati in grado di difendere bene, assumendosi poi la colpa di non aver fatto giocare sin dall’inizio il talentuosissimo Glen Rea, ventiduenne mediano irlandese acquistato in estate dal Brighton; le cattive notizie inoltre arrivano anche dall’infermeria dove Danny Hylton, capocannoniere della squadra con cinque reti in sette partite, è stato sostituito a fine primo tempo a causa di un brutto infortunio al volto, che potrebbe tenerlo lontano dal campo per qualche settimana.

La consapevolezza dei propri mezzi è testimoniata anche dalle parole di Jordan Cook, attaccante del Luton arrivato in estate dal Walsall, secondo cui la rosa a disposizione del suo manager è assolutamente al di sopra del livello della League Two, per cui la promozione non deve essere solo più un sogno nel cassetto, ma un reale obiettivo stagionale.

Sabato prossimo ci sarà la trasferta a Crawley, poi gli Hatters ospiteranno Doncaster al Kenilworth e a fine mese visiteranno Hartlepool. Questo trittico di partite potrà realmente dirci quali possono essere le ambizioni di classifica degli uomini di Nathan Jones, nel frattempo godiamoci una bella favola calcistica proprio alle porte di Londra: Luton, prepare for takeoff!



As featured on NewsNow: Calcio news