Da quest’anno il West Bromwich Albion, oltre ad essere l’unico club del West Midlands in Premier League (i cugini dell’Aston Villa sono retrocessi in Championship), è la prima squadra della massima divisione inglese a divenire di proprietà cinese: un gruppo di investimento ad inizio agosto ha acquistato l’88% del club per una cifra che si aggira sui 150 milioni di sterline.

Il tutto è stato confermato da un messaggio Twitter del patron dei Baggies, Jeremy Peace, consegnando così il club di Birmingham nelle mani di Gouchuan Lai, capo della Yunyi Guokai Sports Development Limited, con sede a Shanghai.

Queste le parole del nuovo proprietario: “Per me è un onore essere a capo di questo grande ed importante club, abbiamo una squadra forte, tifosi leali e cultura unica. La mia priorità sarà mantenere stabile la struttura del club, la sua natura e la sua tradizione, non ho alcuna intenzione di cambiare la filosofia del WBA”.

Che un club inglese passi nelle mani di cinesi quest’estate non è una novità: Tony Xia, presidente del Recon Group, ha prelevato per circa 100 milioni l’Aston Villa, mentre la Fosun International 8 con la collaborazione di Jorge Mendes (uno dei più importanti agenti del calcio mondiale) ha acquistato il Wolverhampton per 54 milioni di euro, ma entrambi i club militano nella seconda divisione inglese, dunque il WBA resta l’unico club di Premier ad avere proprietà cinese, e questo fa ben sperare dalle parti di “The Hawthorns”, le salvezze degli ultimi anni sono state sicuramente elogiate dai tifosi, ma forse da quest’anno e per gli anni a venire è possibile sognare in grande.

Moscufo Simone

 



As featured on NewsNow: Calcio news