Giornata ricca di gol, soprattutto in Spagna, Germania e Inghilterra. Meno divertenti le partite in Ligue 1, poche emozioni, a parte Monaco e Psg. Andiamo ad analizzare e votare le migliori partite del weekend.

PREMIER LEAGUE

Liverpool 7,5: La squadra di Klopp, dotata di un gioco molto veloce in zona offensiva, continua a divertire tutti, nonostante qualche punto lasciato per strada in partite con il favore del pronostico sulla carta. Ma altra prestazione convincente, soprattutto nella prima frazione di gara, dove dopo 36′ è già 0-2. A sbloccare il risultato ci pensa Lovren, al 17′, su una dormita della difesa. Ma a far gridare i tifosi, al 36′, è il fantastico destro a giro nel sette di capitan Henderson (7.5), 0-2. Nella ripresa si sveglia il Chelsea, ma non basta il gol del solito Diego Costa (7), quinta rete in cinque gare. Espugnato Stamford Bridge, i reds agguantano i blues (prima sconfitta) in classifica e si candidano tra i favoriti per la vittoria finale.

Arsenal 7,5: Terza vittoria consecutiva per i Gunners che travolgono per 1-4 l’Hull City al KC Stadium. L’Arsenal comincia bene ed al 17′ è già in vantaggio con la deviazione di Alexis Sanchez (7) su un tiro di Iwobi (7). Il cileno sbaglia anche il rigore (espulso Livermore al 40′) del raddoppio allo scadere del primo tempo. Nella ripresa, con l’uomo in più, è sempre Iwobi ad illuminare Walcott (7) con uno splendido colpo di tacco per il 0-2. I Tigers accorciano le distanze al 79′ dal dischetto con Snodgrass, ma è ancora Sanchez a segnare 4 minuti dopo chiudendo la partita. La ciliegina sulla torta è il gran gol da distanza siderale di Xhaka, al 92′, che esulta zittendo tutte le recenti critiche.

Manchester City 8: Continua la marcia trionfale, anche senza Kompany e Aguero, dell’inarrestabile e spettacolare City di Guardiola che si sbarazza per 4 reti a 0 di uno spento Bournemouth. Possesso palla praticamente indisturbato per i Citizens che vanno in vantaggio al 15′, con il migliore in campo De Bruyne (8), grazie ad una punizione sotto la barriera dal limite dell’area. Passano 10 minuti e Iheanacho (7) raddoppia dopo una splendida azione. Nel secondo tempo il Bournemouth tenta di spingersi avanti, ma è ancora un grandissimo contropiede a stendere i Cherries, con il gol firmato Sterling (7,5), che poi prende il palo dopo aver saltato metà squadra avversaria. A chiudere i conti, dopo l’ennesima azione da applausi, è il tedesco Gündogan, all’esordio in Premier League. Quinta vittoria su cinque e primato assoluto per la corazzata dell’Etihad, che resta sopra di due punti su un grande Everton secondo in classifica.

West Bromwich 7: I ragazzi di Tony Pulis non perdonano e vincono 4-2 contro un West Ham (4,5) decisamente in crisi. Ad aprire le marcature è Chadli (8) su calcio di rigore. Ci pensa Salomon Rondon a portare i suoi sul 2-0, su assist sempre di Chadli, che ne fa un altro al 44′ per McClean: 3-0 e tanti fischi dal settore ospiti, soprattutto per il neo-acquisto Zaza (4), sostituito nell’intervallo e insultato a fine partita dalla tifoseria. Nella seconda frazione di gioco è ancora lo scatenato Chadli (2 gol e 2 assist) a portare il risultato sul 4-0. Servono a poco i gol di Antonio (3 gol in 2 partite) e Lanzini (su rigore). Risultato finale 4-2, grande prestazione dei padroni di casa e crisi nera per gli Hammers di Bilic che trovano la quarta sconfitta.

Leicester City 7: È subito Slimani (7,5) show all’esordio. La punta neo-arrivata da Lisbona non si fa aspettare e sigla subito una doppietta di testa facendo valere le sue doti da bomber (45′ e 48′). Confermata la prestazione in Champions League per la squadra di Ranieri, che vince 3-0 sul Burnley con l’autogol finale di Mee. Seconda vittoria in campionato e Foxes a quota 7 punti.

Manchester United 5: Seconda sconfitta di fila, terza contando l’esordio in Europa League, per i Red Devils di Mourinho che si arrendono davanti ad un’altra prestazione da 8,5 del Watford. Non bastano le occasioni create da Ibrahimovic (6,5), la traversa di uno spento Pogba (5) e il gol del pareggio del solito Rashford (6,5). A regalare un’altra grande vittoria agli Hornets di Mazzarri ci pensano Capoue al 35′ e Zuniga (7) che segna il 2-0 e conquista il rigore del definitivo 3-1 realizzato da Deeney. I diavoli rossi restano fermi a 9, il Watford ci prende gusto e sale a quota 7.

Crystal Palace 7: La squadra di Pardew dopo 11 minuti si trova già sul risultato di 2-0, grazie alle reti dei due centrali di difesa Tomkins e Dann. I padroni di casa non si fermano, e nella ripresa ci vanno giù pesante, trovando altri 2 gol, prima di McArthur e poi di Townsend (7), autore anche di un assist. Gli Eagles si portano in ottava posizione, a quota 7 punti, trovando la seconda vittoria in campionato.

LIGA BBVA

Barcelona 8: Dopo la deludente sconfitta con l’Alaves, è tornato il vero Barcelona di Luis Enrique, trascinato come al solito dalla fenomenale MSN, dopo il 7-0 al Celtic in coppa. Match dominato per tutti i 90 minuti. Al 15′ fa 0-1 il solito Messi (8) che appoggia in rete su assist di Suarez. Quindici minuti dopo Messi ricambia il favore al bomber uruguaiano che fa 0-2. Arriva anche Neymar (7) a depositare comodamente in rete su un assist perfetto ancora di Suarez (8). 0-3 all’intervallo. Continua lo show, ed al 55′ è nuovamente Messi su calcio di rigore a firmare il quattro a zero. I catalani non hanno nessuna intenzione di fermarsi e ci pensa Rafinha a firmare il pokerissimo al 64′, con un grande tiro all’incrocio dei pali. Il gol della bandiera lo firma invece Appelt per i padroni di casa. I blaugrana si portano al secondo posto, dietro al Real (punteggio pieno) che vince 0-2 in casa dell’Espanyol grazie ai gol di James e Benzema.

Atletico Madrid 8: Demolito lo Sporting Gijon di Abelardo (7 punti in 3 partite) per 5-0, grazie ad un’ottima prova corale. Il vantaggio dei colchoneros arriva già dopo 1′ e mezzo, siglato Griezmann (7,5) che approfitta del buco clamoroso lasciato dalla difesa ospite. Passano due minuti e al 4′ è già 2-0: grande gol del neo-acquisto Kevin Gameiro (7). Al 30′ è ancora il francese Griezmann a fare il terzo gol, con un potentissimo tiro da fuori area. Chiude il match con la manita l’Atletico, grazie alla doppietta del subentrato Fernando Torres (7), in gol al 72′ – 3 minuti dopo il suo ingresso – e a tempo scaduto dal dischetto. Per la squadra del Cholo Simeone (fresco di riduzione del contratto), testa alla grande sfida di mercoledì, direzione Campo Nou.

Las Palmas 6,5: Continua l’ottimo inizio di campionato, battuto il Malaga per 1-0 nel match serale di sabato. Il gol decisivo è il penalty di Momo al 10′. I padroni di casa controllano il match, che però rimane privo di emozioni. Agganciato il Barcelona al secondo posto a quota 9 punti.

Valencia 5: Ennesima prestazione insufficiente per il Valencia. Quarta sconfitta su quattro e ultima posizione con 0 punti. E’ crisi totale. La squadra di Ayestaran, però, era partita bene, andando in vantaggio al San Mamés dopo appena due minuti, grazie al gol di Medran. I padroni di casa pareggiano al 24′ con Aduriz (7,5) che trova anche il primo gol in questa Liga. L’attaccante di casa si ripete e ribalta il risultato al 41′, con un bellissimo pallonetto. La risposta del Valencia arriva al minuto 64: cross al centro di Nani per Rodrigo, l’ex Benfica si vede respingere la conclusione da uno straordinario Arrizagabala. Il Bilbao (7) non sfrutta altre due occasioni nel finale, ma il risultato finale è di 2-1.

LIGUE 1

PSG 8: Sono 6 i gol realizzati dalla squadra di Emery in casa di un malcapitato Caen. Protagonista assoluto del match è il riscatto di Cavani (9) che mette a segno un poker in un solo tempo (12′, 23′, 38′, 45′). Prestazione da applausi e notte da leoni per l’uruguaiano. Nella ripresa va in gol ancora Lucas Moura, dopo la scorsa settimana, con un tiro da fuori area. Fa il sei a zero il neo-entrato Augustin, a dieci dal termine. Vittoria schiacciante, ma i parigini restano terzi, a 1 punto dal Nizza e a 3 lunghezze dal Monaco.

Monaco 7,5: Non si ferma più il Monaco di Jardim, che dopo la vittoria in Champions nello storico Wembley contro il Tottenham, vince ancora per 3-0 sul Rennes mantenendo il primo posto in classifica. Il gol del vantaggio porta la firma di Radamel Falcao, quasi al termine dei primi 45 minuti. Nel secondo tempo Lemar (7) aspetta i minuti finali (90′, 92′) per segnare una doppietta in due minuti, che sancisce il definitivo 3-0.

BUNDESLIGA

Colonia 7: Nell’anticipo della terza giornata, il Colonia distrugge il Friburgo con un netto 3-0, conquistato già a fine primo tempo. Dominio assoluto dei padroni di casa. Decide la doppietta di Modeste (7,5), in gol al 29′ e al 43′, e la rete di Bittencourt che arriva al minuto 31. Colonia protagonista di un ottimo inizio di campionato, secondo in classifica a quota 7 punti, a braccetto con il Lipsia.

Borussia Dortmund 8: La sconfitta della scorsa giornata è servita parecchio alla squadra di Tuchel, che supera con un netto 6-0 il Darmstadt, dopo lo 0-6 in Champions al Legia. Vittoria spettacolare che arriva anche con turnover applicato. Ad aprire le danze è Castro (7,5) al 7′ su assist di Dembelè. Adrian Ramos firma il 2-0 al 48′ e il giovanissimo 17enne Pulisic (7) sigla il terzo al 54′. Strada spianata per i gialloneri, che vanno in gol ancora con Castro, Rode ed il 19enne neo-entrato Emre Mor. Partita a senso unico.

Bayern Monaco 6,5: Pesante turnover anche per i bavaresi di Ancelotti, contro un Ingolstadt da non sottovalutare. Sono proprio loro a segnare il gol del vantaggio all’Allianz Arena, grazie a Lezcano, dopo appena 8′. Poi ci pensa il solito Lewandowski a pareggiare i conti solamente quattro minuti dopo. Gli ospiti mettono continuamente in crisi la corazzata bavarese che però riesce ad approfittarne andando in gol prima con Xabi Alonso e poi con Rafinha. Tutti e 3 gli assist arrivano da uno scatenato Ribery (7,5). Buona prova dell’Ingolstadt, il Bayern può fare meglio.

Lipsia 8: Contro l’Amburgo era una sfida di tradizione, la sfida tra due degli uomini più ricchi del calcio tedesco. Ma sono i neo-promossi a dare spettacolo al Volksparkstadion, dopo la vittoria sul Borussia Dortmund della scorsa settimana. La gara l’accende il migliore in campo, il classe ’96 Timo Werner (8), che al 66′ conquista il rigore poi trasformato da Forsberg. Ma al 72′ e al 77′ è ancora Werner a siglare la doppietta che porta la sua squadra sullo 0-3. Cala il poker nel finale il giovane Selke. Altra grande prestazione dei Tori Rossi.

Bayer Leverkusen 5: Ennesima prestazione di basso livello da parte del Bayer, che esce sconfitto per 2-1 dalla Commerzbank-Arena. Soltanto 3 tiri in porta per la squadra di Schmidt, contro i 9 dei padroni di casa che fanno la partita. Le marcature si aprono solo nel secondo tempo, con Meier che fa 1-0. Pareggia Chicharito al 60′, ma è Fabian a siglare il gol vittoria a dieci minuti al termine. 3 punti in 3 partite, il Leverkusen deve iniziare a rimboccarsi le maniche.

Borussia M’Gladbach 7,5: Grande prestazione dei ragazzi di Schubert, trascinati da un Hazard (8) incontenibile. È proprio il belga a creare le prime due occasioni nitide e a prendere un palo. Dopo 20′ è già 3-0, in rete prima Hazard all’11’ e al 17′, poi Raffael (7) dal dischetto. Prima dello scadere della prima frazione è ancora Raffael, al 41′, con la sua doppietta, a siglare il 4-0. Nulla da fare, nonostante il grandissimo gol di Gnabry, per il Werder Brema che perde ancora ed esonera l’allenatore Skripnik.

Hertha Berlino 7: Ci pensa la squadra di Dardai ad illuminare ulteriormente questo inizio di Bundesliga. I berlinesi battono per 2-0 lo Schalke 04 (5) e si portano in testa alla classifica a punteggio pieno, insieme al Bayern. All’Olympiastadion decidono le reti di Weiser (7) al 64′ e Stocker, su assist del primo marcatore, al 74′. Continua la crisi dello Schalke che fin qui le ha perse tutte.

LIGA NOS

Rio Ave 7,5: Un primo tempo di altissimo livello vale la grande vittoria contro la capolista Sporting Lisbona per la squadra di Martins. 43′ minuti e la squadra più attesa è sotto per 3-0. Apre le danze il numero 8 Tarantini, al 29′. Al 36′ raddoppia Guedes (7) che poi serve l’assist per il 3-0 firmato Dias. Il gol della bandiera per la capolista lo firma Bas Dost all’82’. Termina 3-1 ed il Rio Ave si porta a soli due punti dalla squadra di Jorge Jesus.

Il Porto pareggia 0-0 e spreca l’occasione di portarsi in vetta alla classifica. Occasione che può sfruttare una tra Benfica e Braga nel big-match di questa sera.

EREDIVISIE

Feyenoord 7: Non si ferma più il Feyenoord di van Bronckhorst, che torna col sorriso anche dal Philips Stadion, restando primo in classifica a punteggio pieno. Squadra in ottima forma, vittoriosa anche in settimana in Europa League ai danni del Manchester United. Partita bellissima da parte delle due squadre ad Eindhoven; riesce a spuntarla il Feyenoord dopo una gara sofferta e senza troppe occasioni da entrambe le parti. Il match si infiamma solamente nel finale, dopo che la partita era stata giocata soprattutto a centrocampo. Gol vittoria di Botteghin (7). La capolista stacca già di 5 punti proprio il PSV, secondo, a pari punti con i vittoriosi AZ Alkmaar e Ajax.

SCOTTISH PREMIERSHIP

Celtic 6: Si ferma la capolista del campionato scozzese sul campo dell’Iverness. Sono proprio i bianco-verdi a portarsi in vantaggio grazie al gol di Rogic al 17′. Ma dopo 10 minuti, i padroni di casa pareggiano con il gol firmato King. Il Celtic non ci sta e al 34′ trova di nuovo la rete del vantaggio con Sinclair. Nella ripresa la beffa: arriva nuovamente il pareggio, all’89’, di Fisher.

Pareggia anche il Rangers in casa, per 0-0 contro il Rouss County. Bene l’Aberdeen, 1-3 rifilato al Dundee.

PREMIER LEAGUE (RUSSIA)

Spartak Mosca 7: Continua a vincere la squadra di Carrera. Buon risultato, 1-3, in casa del Gazovik, ancora a secco di vittorie. Risultato sbloccato da Promes (7,5 doppietta e assist) dopo appena due minuti. Al 41′ i padroni di casa trovano il gol del pareggio su calcio di rigore trasformato da Georgiev. Nella ripresa decidono 2 gol in 4′, firmati ancora Promes (66′) e Ananidze (69′).

Vince anche il Cska in trasferta per 1-2, che resta a sole due lunghezze dalla capolista. Grande rimonta nei minuti finali del Krasnodar sul Rostov, in gol Naldo all’87’ e Smolov su rigore al 90′. Lo Zenit impegnato oggi in casa contro il Rubin Kazan.

JUPILER LEAGUE

Zulte Waregem 6,5: Non si ferma più il Waregem. Vittoria per 2-1 sul Kortrijk e primato assoluto. Ora sono 5 le vittorie in 7 giornate per la piccola realtà del campionato belga. Il gol del vantaggio lo sigla Kaya al 36′, ma quattro minuti dopo arriva il pareggio di Saadi. La capolista però è anche fortunata e trova la vittoria grazie ad un autogol di Kaminski.

In Superligaen si riporta in vetta il Copenaghen che vince a differenza del Brondy e del Randers, scesi al secondo posto a pari punti. In Super League greca vincono 2 partite su 2 Panathinaikos, AEK Atene, Olympiakos, Panionios e Platanias. In Super Lig turca ancora vittorioso e a punteggio pieno il Basaksehir che vince 0-1 in casa del Gaziantepspor; dietro di due punti sempre Besiktas e Galatasaray, vittoriose entrambe. Nella Tippeligaen è sempre il Rosenborg a comandare il campionato, con 59 punti in 24 partite, secondi Brann e Odd a quota 41. Mentre nell’Allveskan è una lotta a 2 per il primo posto, tra la capolista Norrkoping (50 punti) inseguita dal Malmo a 48 punti.

di Luca Cupi



As featured on NewsNow: Calcio news