Lontana anni luce dai riflettori globali e dallo sfarzo della Premier, la Football League sta continuando a regalare ai suoi tifosi spettacolo, colpi di scena e grandi emozioni.

In League One continua a sorprendere, dominando la vetta della classifica con 31 punti, lo Scunthorpe di Mark Robins, vera e propria macchina da gol con 32 reti messe a segno in 15 gare di campionato, una media di 2,1 gol a partita: trascinati dalle 14 reti di Josh Morris (già a quota 14 in stagione), gli Irons nell’ultimo turno hanno sbancato con un netto 0-3 Chesterfield. A seguire staccato di tre punti, a quota 28, c’è il Bolton di Phil Parkinson, che ieri nel posticipo ha vinto in trasferta per 2-0 nel derby contro Bury grazie a due penalty messi a segno da Zach Clough. A 26 in terza posizione troviamo il Bradford, a secco di vittorie da tre turni, che sabato ha dato vita ad un pirotecnico 3-3 in casa contro Sheffield Utd. In piena zona playoff, al quinto e sesto posto, troviamo due tremende matricole, Bristol Rovers e Wimbledon, entrambe reduci da una vittoria esterna nell’ultimo turno rispettivamente contro Oldham (0-2) e Peterborough (0-1). In fondo alla classifica troviamo il fanalino di coda Shrewsbury del manager ad interim Danny Coyne, con appena 10 punti conquistati, reduce da quattro sconfitte consecutive e a cui la vittoria manca da quasi due mesi, dal 3-2 conquistato sul campo dell’Oldham il 3 settembre; in penultima posizione con due lunghezze in più troviamo Chesterfield, anch’esso proveniente da ben quattro ko di fila, mentre in terzultima e quartultima posizione, in piena zona rossa, ci sono Oldham e Coventry (che ha però una partita da recuperare), con gli sky blues che hanno però colto un importante successo per 2-0 nell’ultimo turno contro Rochdale.

In League Two continua a volare altissimo il Plymouth Argyle di Derek Adams con 32 punti, che dopo le due sconfitte consecutive nelle prime due gare inaugurali della nuova stagione contro Luton (0-3) e Carlisle (1-0) non si sono più fermati cogliendo addirittura 10 vittorie e 2 pareggi nelle successive dodici gare di campionato, bottino straordinario che ha proiettato i Pilgrims in vetta alla classifica, trascinato dalle reti del bomber Graham Carey, già a quota sette centri. In seconda posizione a quota 28 punti troviamo proprio Carlisle, che dopo le ultime anonime stagioni sembra voler puntare alla promozione diretta in League One, essendo l’unica squadra della Football League ancora imbattuta, con sette vittorie e altrettanti pareggi nei primi 14 matchday. Terzo è Doncaster Rovers, migliore attacco della categoria con 28 gol (13 dei quali messi a segno dal tandem d’attacco Andy Williams-John Marquis), staccato di due punti con 26 punti ma reduce dall’inaspettato ko per 4-2 patito sul campo del Blackpool, segno che c’è ancora qualcosa da registrare nella fase difensiva. In quarta posizione troviamo Luton, imbattuto ormai da ben sei giornate, mentre al quinto posto sembra poter essere la stagione buona per il Portsmouth, deciso a tornare finalmente ai livelli che gli competono. Le tre sconfitte nelle ultime sei hanno però rallentato il cammino dei Pompeys, sabato è arrivato il ko interno per 1-2 contro Notts County e il manager Aaron Filley ha usato toni piuttosto duri nei confronti di un gruppo che è sì quinto in classifica in piena zona promozione, ma apparso troppo presuntuoso e deconcentrato nell’ultimo mese in cui è arrivata appena una vittoria in cinque giornate. La peggior squadra della Football League finora è senza dubbio il Newport di Graham Westley, con una sola vittoria, tra l’altro conquistata il 13 agosto in casa di Leyton Orient. Da allora sono arrivate sei sconfitte e quattro pareggi, appena 7 punti conquistati in dodici turni che ne fanno già la prima pretendente per abbandonare la Football League a maggio. Al penultimo posto troviamo Exeter, con 13 punti, che con nove sconfitte è la squadra più battuta della League Two, nonchè secondo peggior attacco della competizione con 13 centri, peggio solo Newport con 11. Terzultimo Stevenage con appena un punto di vantaggio su Exeter, mentre al quartultimo posto in caduta libera troviamo il Wycombe Wanderers di Gareth Ainsworth, usciti sconfitti in casa 0-2 sabato contro Barnet, appena quattro successi nelle prime quattordici gare di campionato, un inizio che fa rivivere i fantasmi della stagione 2013/14 quando i Chairboys si salvarono all’ultima giornata vincendo 0-3 a Torquay quando tutti li davano già per spacciati, approfittando dell’incredibile pareggio 1-1 interno di Bristol Rovers contro Mansfield; l’arrivo di Akinfenwa, autore di appena due reti, non ha portato i benefici sperati, serve un’inversione di tendenza per evitare guai maggiori dalle parti di Adams Park.



As featured on NewsNow: Calcio news