Riflettori sui “nostri” allenatori italiani all’estero nel weekend appena concluso: le prime pagine sono per i tecnici impegnati nei campionati d’oltre Manica, dove spiccano successi incredibili.

UP – Cominciamo dall’alto dove, dopo un avvio di stagione a stento, ecco la mano di Walter Mazzarri che ottiene la 2° vittoria consecutiva in Premier League, e la 1° storica contro l’ex rivale ai tempi della Serie A, ovvero Josè Mourinho. Il tecnico toscano blocca il gioco di Pogba ed Ibrahimovic, ed il suo Watford sforna una prestazione memorabile battendo il Manchester United per 3-1: decisivi Zuniga e Behrami, vecchie conoscenze italiane. Con questa vittoria, Mazzarri porta la squadra a sole 3 lunghezze dalla zona Europa, poco distante dalle super potenze Liverpool, Arsenal, United e Chelsea.

Si risolleva anche Claudio Ranieri, rinfrancato dall’ottimo esordio in Champions League del Leicester, che si ripete anche in campionato battendo in casa il Burnley per 3-0 con la prima doppietta del volto nuovo Silvani. Se le Foxes riprendessero continuità come l’anno scorso….

Nella Championship l’impresa del giorno, paragonabile a quella di Mazzarri, porta la firma del Wolverhampton di un’altro Walter: il cognome è quello di Zenga, che sbanca il campo del favoritissimo Newcastle di Rafa Benitez vincendo 0-2, salendo così a quota 12 punti, a sole 2 lunghezze dai playoff. Che rivincita.

In Bundesliga terza vittoria terza per Carlo Ancelotti, a punteggio pieno col Bayern Monaco che supera, non senza qualche patema iniziale, l’Ingolstadt per 3-1.

Guarda tutti dall’alto anche Massimo Carrera, sempre leader della Russian Premier League con lo Spartak Mosca, vincente 3-1 sul campo dell’Orenburg: in classifica i punti sono 19, staccato di 2 lunghezze il CSKA.

Dall’Ungheria giungono sorrisi per Marco Rossi ed il suo Honved, che festeggia anche il 1° gol stagionale di Lanzafame (ex di Juventus, Bari, Perugia e Novara su tutte): vittoria per 5-0 in casa contro MTK Budapest.

È primo in classifica mister Andrea Agostinelli in Albania, con lo Skenderbeu che batte 1-0 il Laci ed è a punteggio pieno con 9 punti in 3 partite.

Seconda vittoria per il Panathinaikos di Andrea Stramaccioni, che cala un poker al Giannina e sale a 6 punti.

DOWN – Prime ruggini nel gioco del Chelsea di Antonio Conte, che incappa in una nuova sconfitta in campionato cedendo il passo anche a “Stamford Bridge”, dove il Liverpool di Klopp (che 7 giorni prima aveva castigato Ranieri con un poker) passa 2-1. Il Manchester City è già in fuga, Everton e Tottenham hanno sorpassato i Blues scesi di 3 posizioni.

Sta peggio Francesco Guidolin, fermo ad 1 sola vittoria stagionale in Premier: il suo Swansea cede sul campo del Southampton per 1-0, e con soli 4 punti in classifica si ritrova invischiato in piena zona retrocessione. Attenzione al calendario prossimo venturo, che vedrà il tecnico veneto affrontare in serie Manchester City, Liverpool ed Arsenal: auguri.

L’Aston Villa di Roberto Di Matteo non riesce ad uscire dal tunnel, pareggia sul campo dell’Ipswich (0-0) e resta sulla soglia della zona che scotta.

In Romania mister Napoli non riesce a trovare la quadratura del suo Iasi, sconfitto nettamente per 3-1 sul campo della Dinamo Bucarest (gol bandiera dell’italiano Piccioni). La sua squadra resta a centro classifica con 9 punti in 8 partite.

 

 



As featured on NewsNow: Calcio news