Si sono concluse le tanto attese giornate di campionato dopo la sosta per le nazionali, con le coppe europee dietro l’angolo. Sempre tanto spettacolo, con una giornata ricca di sorprese e risultati inaspettati. Andiamo ad analizzare e valutare le prestazioni delle squadre nelle migliori partite del weekend.

PREMIER LEAGUE

Manchester United 5,5: Primo tempo sofferto sotto tutti i punti di vista dalla squadra di Mourinho, che manda in campo una formazione un po’ a sorpresa, schierando nell’undici di partenza Mkhitaryan alto a destra e Lingard alto a sinistra: i due non hanno mai toccato il pallone. Prestazione rivedibile anche per Blind (5) che ha commesso i due errori decisivi nei 2 gol subiti. Al 42′ il solito gol di Ibrahimovic fortunoso su una papera di Bravo in uscita. Nella ripresa i Red Devils cambiano completamento volto, quando lo special one decide di inserire Rashford ed Herrera riequilibrando il match e sfiorando il pareggio più volte, contestando anche due rigori.

Manchester City 7,5: Predominio assoluto iniziale dei citizens, che sbloccano il risultato al 15′ con la rete del migliore in campo, il belga De Bruyne, prestazione da 8. Il raddoppio arriva dopo soli 20 minuti, siglato dal giovane Iheanacho – schierato titolare per sostituire lo squalificato Aguero – che appoggia in rete dopo il palo del solito De Bruyne. Brutta prestazione del neo-portiere Bravo (5) all’esordio, papera sul gol di Ibra e presunto fallo da rigore non concesso dall’arbitro Clattenburg. Nono successo per Guardiola negli scontri diretti con Mourinho, 60% di possesso palla e 18 tiri complessivi. Buona prestazione e primato assoluto in classifica, vista la frenata del Chelsea di Conte (2-2) al Liberty Stadium contro lo Swansea di Guidolin.

Tottenham 8: Gli Spurs di Pochettino rispettano i favori del pronostico: 0-4 rifilato allo Stoke City e seconda vittoria in campionato. Decisiva la doppietta di un energico Son (7) che sblocca prima il risultato al 41′ e poi raddoppia all’inizio della ripresa, al 56′. Segna anche Alli accompagnato dal ritorno al gol di Harry Kane che finalmente si sblocca dopo un grande digiuno senza reti. Si è visto un buon Tottenham, che in settimana tornerà a giocare la Champions League dopo un’assenza di 4 anni nella massima competizione europea.

Watford 8,5: Doveva essere il “Zaza-day” ma è stato il giorno di Walter Mazzarri. Clamorosa ‘remuntada’ degli Hornets che, sotto di due reti alla mezz’ora, hanno avuto la forza e lo spirito – dichiarato in conferenza stampa proprio dall’allenatore livornese – per calare il poker e ribaltare il risultato vincendo 2-4. Ighalo al 41′, Deeney al 45′, Capoue al 53′ e Holebas al 64′ e Walter può sorridere. Prima vittoria trovata in questa combattutissima Premier League.

West Ham 5: Tanta delusione nel nuovissimo Olympic Stadium di Londra. Gli Hammers di Bilic non sono stati in grado di difendere il doppio vantaggio facendosi rimontare clamorosamente. Uniche note positive: uno scatenato Antonio (7) che sigla la doppietta e il doppio-assist di Payet (6,5), il secondo grazie ad una spettacolare rabona (il francese ormai ci ha abituato a questi colpi da vero campione). Esordio non tanto felice per l’ex juventino Simone Zaza (5,5), che rimedia il giallo dopo 12′ e viene sostituito al 78′ senza riuscire a lasciare il segno, anche se l’avventura british è appena iniziata.

Liverpool 8: Partita da sogno per i reds, che inaugurano al meglio il nuovo Anfield. Vittoria schiacciante per gli uomini di Klopp su un Leicester irriconoscibile. E’ già 2-0 alla mezz’ora, grazie a Firmino (7) e Manè. Un clamoroso errore di Leiva (5,5) concede a Vardy il gol del 2-1. Liverpool bello da vedere dal centrocampo in sù, mentre in difesa si trovano ancora parecchi problemi. Nella ripresa, però, non c’è di nuovo storia: in gol Lallana al 56′ – secondo gol in pochi giorni dopo quello in nazionale – e poi spazio alla doppietta per Firmino. Il Liverpool saluta nel modo migliore la nuova tribuna.

LIGA BBVA

Real Madrid 7,5: Quindicesima vittoria consecutiva e record eguagliato nel club per la squadra di Zidane, che vince 5-2 dominando sull’Osasuna, ma si rilassa troppo nella fase finale del match. Bastano soltanto 6′ a Cristiano Ronaldo (7) per ritrovare il gol, dopo l’infortunio causato nella finale degli europei in Francia. Dopo il gol precoce, il Real abbassa un po’ la guardia, l’Osasuna ne approfitta e prende la traversa con Unai Garcia. Il legno scuote i blancos, tempo 6 minuti ed è 3-0, prima con Danilo e poi di testa con il solito Sergio Ramos. Nella ripresa è Pepe, ancora di testa, a siglare la rete del 4-0, grazie ad una papera del portiere Nauzet. L’Osasuna, che sembrava ormai destinata al naufragio, trova la manita di Luka Modric (6,5), con un perfetto tiro da fuori area, 5-0 al 62′. Nel finale la squadra di Zidane si rilassa un po’ troppo, numerosi errori difensivi della coppia Pepe-Ramos ed è prima 5-1 firmato Oriol Riera, poi 5-2 grazie ad una bella incornata di David Garcia. Nonostante le disattenzioni difensive il Real Madrid stravince.

Barcelona 4,5: Clamoroso al Camp Nou, dove la corazzata blaugrana perde in casa contro il neo-promosso Alaves. Tanto turnover da parte di Luis Enrique, che lascia fuori Iniesta, Messi e Suarez. Quasi mezz’ora di un inutile possesso palla, con solo un volenteroso Neymar (6) davanti che non ha impensierito più di tanto il portiere Pacheco. Aleix Vidal (5,5) spreca due buone occasioni, soprattutto la seconda chance, dove praticamente da solo davanti al portiere, in posizione defilata, calcia alto. La rete del momentaneo 1-1 porta la firma del difensore francese Mathieu (6) al 47′, che due minuti dopo si mangia clamorosamente il 2-1. Inutile il tentativo di gettare nella mischia Messi e Suarez nel finale. Il Barca ingoia amaro e lascia nel gelo totale il Camp Nou a pochi giorni dall’esordio in Champions League.

Alaves 9: Colpaccio del tutto inaspettato da parte dei neo-promossi che zittiscono tutto il popolo catalano trovando la prima vittoria in campionato. Micidiali i ragazzi di Pellegrino, capaci di colpire in ripartenza il Barcellona alla prima occasione, con il clamoroso 0-1 di Deyverson (7,5) al 39′. Ma è al 64′ la svolta della partita, dopo un gol annullato ad Edgar per un dubbio fuorigioco, è Ibai Gomez (7) con una zampata, su assist del solito Deyverson, a regalare la gioia immensa ai tifosi e il gol vittoria per l’Alaves. Vittoria storica.

Atletico Madrid 8: Spazzate via le critiche, è tornato il vero Atletico. Prima vittoria in Liga, con una convincente prestazione da parte dei ragazzi del cholo Simeone. Primo tempo privo di emozioni, 4 gol nella ripresa: Koke (7, gol e assist), doppietta e assist per Griezmann (7,5) e Correa (6,5). Celta Vigo in crisi nera, 3 sconfitte su 3, ma attenzione, i colchoneros sono tornati!

Valencia 5: Continua la vera e propria crisi. Terza sconfitta su tre, 0 punti. Sconfitta per 2-3 contro il Betis, davanti ai propri tifosi, che sono stufi della gestione della società. Da annotare l’espulsione di Enzo Perez (4,5) al 50′. Non basta la rimonta in soli 4 minuti da parte dei padroni di casa, in gol al 75′ con Rodrigo e al 78′ con Garay, perchè è la doppietta di Ruben Castro (7), con il gol vittoria al 92′, a stendere definitivamente i blanquinegros, sempre più nell’abisso.

LIGUE 1

PSG 5: La squadra di Emery fatica a macinare gioco, poche occasioni create. Inizia a sentirsi odore di crisi; dopo la sconfitta a Monaco, arriva la beffa negli ultimi minuti da parte del St.Etienne. Senza lo svedese che tutti conosciamo è un’altra storia. Uno dei pochi a salvarsi è il solito Verratti (6,5), sempre elegante nel gestire il pallone da destra a sinistra. Si salva anche il brasiliano Lucas Moura (6,5) che sigla il gol del vantaggio su calcio di rigore. La grande beffa arriva al 92′, dove Beric, da subentrato, firma l’1-1 e manda in crisi i parigini.

Monaco 8: Altra prestazione di alto livello, dopo quella della scorsa settimana, per la squadra di Jardim. Tanta qualità e quantità, 4 gol in casa del Lille e primo posto in tasca. Ci pensa Sidibe a sbloccare il risultato dopo soli 2′. Le altre firme portano i nomi di Traore, Fabinho e Glik. Sono un nome caldo per vittoria del campionato.

Metz 7,5: Ottimo inizio di campionato per la compagine di Hinschberger che si trova al secondo posto, a braccetto con il Bordeaux, con ben 9 punti in 4 partite (3 vittorie ed una sconfitta). Grande prestazione e schiacciante vittoria in casa del Nantes per 0-3, grazie ad una tripletta dell’incontenibile Erdinc (8). Stesso discorso per il Bordeaux che vince 1-3 in casa di un deludente Lione con gol del nuovo acquisto Menez.

Nizza 7,5: Partita bellissima quella tra Nizza e Marsiglia, con la vittoria per 3-2 dei padroni di casa. E’ subito doppietta per Mario Balotelli (7,5) al suo debutto in Ligue 1. Bastano 7′ per siglare il primo gol con la nuova maglia, su calcio di rigore, ed è 1-0 Nizza. Al 14′ ci pensa Thauvin a segnare la rete del pareggio e al 72′ Bafetimbi Gomis quella del vantaggio, ancora su rigore. Pochi minuti dopo arriva la doppietta di Balotelli che vale il pareggio, colpo di testa vincente da pochi passi. Ma nel finale ci pensa Cyprien (7), all’88’, con un gran tiro, a completare la rimonta e a portare il Nizza in testa alla classifica a pari punti con il Monaco.

BUNDESLIGA

Bayern Monaco 6,5: I bavaresi di Ancelotti si salvano negli ultimi 10 minuti grazie alla rete di bomber Lewandowski (7) all’81’ e al raddoppio finale di Kimmich – subentrato al posto di Renato Sanches – al 92′. Respirano i tifosi, 2 vittorie su 2, ma applausi per un buon Schalke che ha macinato un bel gioco creando tante occasioni dalle parti di Neuer.

Borussia Dortmund 5: Se la squadra di Tuchel voleva essere la candidata numero 1 per soffiare il titolo al solito Bayern Monaco, per ora ha iniziato con il piede sbagliato. Brutta sconfitta per 1-0 in casa dei neopromossi del Lipsia che causa un tonfo clamoroso. Il campionato è appena iniziato, i punti di distacco sono già 3, serve una svolta dalla prossima partita. Accanto al Bayern per il momento tiene il passo solo l’Hertha Berlino, con 2 vittorie.

Bayer Leverkusen 6: Doppia sconfitta in 2 giornate sfiorata, dopo aver perso la prima partita al Borussia-Park, la squadra di Schmidt si trovava sotto anche in casa contro l’Amburgo. Ma la svolta arriva al 72′, quando l’allenatore dei padroni di casa getta nella mischia il finlandese Pohjanpalo (8,5). E’ lui l’uomo copertina di questa seconda giornata di Bundesliga. Tripletta in poco più di 10 minuti (79′, 91′, 94′), vittoria regalata alla sua squadra e quarto gol in 40 minuti giocati in campionato. Talento da tenere sott’occhio.

LIGA NOS

Sporting Lisbona 7,5: Continua la marcia trionfale dei portoghesi dello Sporting, guidati da Jorge Jesus. 4 trionfi su 4, 12 punti e primato in classifica. Altra grande vittoria ai danni del Moreirense per 3-0. In gol Martins, Campbell e Dost. Restano dietro Benfica e Braga (10 punti), con il Porto terzo (9 punti). Tutte e 3 vittoriose in questa giornata.

EREDIVISIE

Feyenoord 7,5: In Olanda invece è il Feyenoord di van Bronckhorst a guidare la classifica con 5 vittorie su 5. Continua il cammino con la vittoria per 3-1 sull’Ado den Haag, grazie ai 2 gol in 2 minuti prima di Kuyt (7), sempre uno dei migliori, e poi di Jorgensen. Chiude i giochi al 94′ El Ahmadi dopo il gol della speranza di Marengo. PSV secondo a 13 punti, seguono Ajax, AZ Alkmaar e proprio l’Ado den Haag a 10 punti che si è fatto soffiare una grande occasione.

SCOTTISH PREMIERSHIP

Celtic 8,5: Dopo 4 anni di assenza, il derby scozzese torna a giocarsi in campionato. Sorridono i biancoverdi, che non fanno sconti in un Celtic Park gremito. E’ un super-show da parte di Dembelè (9), che sigla una tripletta (33′,42′,83′), un assist per Sinclair (7) e stende definitivamente i Rangers. Glasgow è sua. Non serve a molto il gol del 2-1 dei Rangers firmato da Garner. Al 92′ chiude i conti Armstrong con la rete del 5-1, in un pomeriggio di grande festa per i tifosi del Celtic.

PREMIER LEAGUE (RUSSIA)

Spartak Mosca 6,5: Il derby di Mosca lo porta a casa lo Spartak di Massimo Carrera. Vittoria per 1-0 contro i rivali, grazie al gol decisivo del centrocampista Ivelin Popov (7). Con 5 vittorie ed un pareggio, dopo 6 giornate, lo Spartak Mosca è in testa, con dietro CSKA Mosca secondo a 14 punti e Zenit terzo a 12 punti.

JUPILER LEAGUE

Waregem 8,5: Continua il sogno di questa compagine belga, che dopo 6 giornate si trova in vetta alla classifica con 13 punti, e che non ha mai vinto il campionato nella sua storia. Quarta vittoria conquistata, in trasferta, sul campo del Mouscron, per 1-5. Vittoria schiacciante. In gol Leye (7) al 6′ e al 55′ (sbagliando anche un rigore), poi l’autorete di Vagner, e i gol di Cordaro e Naessens. Seconde a pari punti (12) Anderlecht e Gent.

In Superligaen (Danimarca) è una lotta a 3 per la vetta, con Brondby e Copenaghen prime a 18 punti e Randers subito dietro a quota 17, vittoriose tutte e 3 in questo weekend. Nella Super League (Grecia), alla prima giornata vincono subito Olympiakos, Panathinaikos e AEK Atene; mentre nella Super Lig turca dopo 3 giornate guida la classifica il Basaksehir con 3 vittorie, seguito da Besiktas e Galatasaray, entrambe a 7 punti.

di Luca Cupi



As featured on NewsNow: Calcio news