HOFFENHEIM-AMBURGO 2-2: L’Hoffenheim di Nageslmann perde la ghiotta occasione di balzare al terzo posto pareggiando per 2-2 contro l’Amburgo ultimo in classifica e ancora a secco di vittorie. Gli anseatici conquistano invece un punto importantissimo per il discorso salvezza. A partire col piede giusto sono i padroni di casa con il gioiellino Kramaric che in pochi minuti va a creare scompiglio nella retroguardia dell’Amburgo senza trovare però il gol. Prendono coraggio gli ospiti a metà primo tempo quando al 28’ arriva l’inaspettato vantaggio grazie alla bellissima azione personale di Kostic. L’Hoffenheim, oltre a subire il gol subisce anche il conseguente colpo; le uniche note di reazione arrivano da Wagner che dopo qualche conclusione non molto fortunata, poco prima del break, trova il gol che vale il pareggio. Con il ritorno delle squadre in campo, l’Hoffenheim trova facilmente la via del gol creando una bellissima azione che porta al gol il venticinquenne svizzero Zuber. Reagisce però molto bene l’Amburgo allo svantaggio riuscendo a trovare pochi minuti dopo il gol che riporta il match sulla parità. Durante l’azione del gol è ancora Kostic ad ammattire la difesa di casa e dopo il gol riesce anche a trovare un ottimo assist per Nicolai Muller. Dopo il pareggio la partita non si spegne, anzi, entrambe le squadre si avvicinano al gol che porterebbe i tre punti . Prima Kramaric e poi Edu Vargas si rendono pericolosi, mentre dall’altra parte è Holtby a far tremare l’Hoffenheim, ma il risultato rimane fisso sul 2-2, punteggio che sta sicuramente più stretto ai padroni di casa attualmente quinti a quota 21 punti.

WERDER BREMA-EINTRACHT 1-2: A raggiungere quota 21 punti è anche l’Eintracht di Niko Kovac che in extremis riesce ad agguantare la vittoria al Weser Stadion contro il Werder padrone di casa. A passare in vantaggio sono i biancoverdi con Grillitsch che sfrutta l’ottimo pallone datogli dal nazionale finlandese Moisander. Non vi è reazione da parte dell’Eintracht che subisce visibilmente il colpo dello svantaggio, ma nel secondo tempo, per l’ottava volta in questo campionato il Werder subisce l’incredibile rimonta conclusasi soltanto nei minuti finali. Nel secondo tempo parte fortissimo l’Eintracht che dopo soli 7 minuti dall’inizio del secondo tempo trova il gol con il nuovo entrato Meier, subentrato a Huszti. Con il continuare del secondo tempo i ragazzi di Francoforte si rendono pericolosi soprattutto con Hrgota, Fabian e Gacinovic. A decidere la partita al 90’ è però il giovanissimo talento tedesco Barkok entrato al 75’ al posto Gacinovic. L’Eintracht conquista così tre punti fondamentali per la lotta europea salendo così a 21 punti in compagnia di Borussia, Colonia, Hoffenheim ed Herta. Arriva invece la quarta sconfitta consecutiva per il Werder condannato al sedicesimo posto con soltanto 7 punti conquistati.

di Thomas Colleoni



As featured on NewsNow: Calcio news