La stagione della massima serie tedesca inizia con una grande partita che sulla carta dovrebbe promettere spettacolo, dato che mette subito di fronte la terza e la quarta forza dello scorso campionato, ovvero Bayern Leverkusen e Borussia Moenchengladbach. In realtà la partita disattende quelle che sono le attese di un gioco offensivo di buon livello, offrendo invece ritmi piuttosto lenti che danno vita ad un incontro più spigoloso che spettacolare.

Sono pochissimi gli spunti offerti da entrambe le squadre a livello offensivo durante tutta la prima frazione di gioco. La scarsa qualità complessiva del gioco è sicuramente condizionata dalle scelte del tecnico del Borussia di rinunciare ad alcuni dei suoi giocatori più talentuosi, facendoli partire dalla panchina dopo che in settimana sono stati impegnati del preliminare di Champions League, che ha visto la formazione tedesca conquistare la qualificazione ai danni degli svizzeri dello Young Boys. Una delle poche iniziative offensive della prima frazione è una combinazione stretta con il brasiliano Raffael, che dopo una giocata pregevolissima all’altezza della metà campo serve in profondità il compagno Andrè Hahn, la cui conclusione termina di poco a lato quando il cronometro segna la mezz’ora di gioco. Nei minuti successivi la risposta del Bayer Leverkusen è affidata ad un calcio di punizione dal limite calciato dallo specialista Hakan Calhanoglu, che però si spegne a lato. Quando sembrava inevitabile il risultato di parità alla pausa di metà gara, arriva lo spunto a sbloccare la partita da parte di Andrè Hahn, che è abile a sfruttare uno svarione difensivo di Jonathan Tah che lo lancia in contropiede a tu per tu con Leno, con l’attaccante che non si fa pregare e regala il vantaggio ai suoi al 46º minuto di gioco.

Prevedibilmente più spettacolare la ripresa, che offre subito alcune occasioni piuttosto interessanti già nei primissimi minuti ed in particolare un’occasione per il Bayer Leverkusen, con Bellarabi che però calcia addosso al portiere Sommer. Poco più tardi arriva anche un’occasionissima per Raffael, che calcia maldestramente un calcio di punizione dal limite dell’area sul quale però Leno si fa trovare pronto e devia in calcio d’angolo con un’eccellente colpo di reni. Dopo un avvio promettente la gara si assesta nuovamente su ritmi più blandi e con azioni caratterizzate da lunghi fraseggi nella zona centrale del campo. Nel quarto d’ora finale di gara è il Bayer Leverkusen, chiamato ad aumentare ritmi e intensità, con il tecnico delle aspirine Roger Schmidt che effettua alcuni interventi dalla panchina nel tentativo di dare la scossa decisiva alla sua squadra, inserendo sul terreno di gioco Admir Mehmedi, Julian Brandt e Pohjanpalo. Ed è proprio quest’ultimo a regalare il gol del pareggio alla sua squadra, sugli sviluppi di un’iniziativa dall’esterno di Karim Bellarabi e la conversione in rete al centro dell’area di rigore del giovane talento appena entrato in campo. Proprio quando la gara sembrava incanalata verso un assedio finale del Bayer Leverkusen, una zampata del capitano del Borussia Lars Stindl in contropiede regala il nuovo vantaggio alla formazione allenata da Andre Schubert. Negli ultimi minuti, nonostante gli sforzi, il Leverkusen non ha più la forza necessaria ad attaccare lucidamente ed è dunque il Borussia ad ottenere i tre punti, al termine un match combattuto e che si è vivacizzato proprio nelle ultime battute di gioco.



As featured on NewsNow: Calcio news