Balzo Monchengladbach: Il programma domenicale della Bundesliga si apre con la sfida tra Borussia Mönchengladbach e Mainz. Questa partita potrebbe essere molto importante in particolar modo per gli uomini di Schubert che stanno attraversando un periodo piuttosto complicato dal punto di vista dei risultati: infatti sono pienamente invischiati nella zona bassa della classifica, con appena quattro punti di vantaggio sulla zona retrocessione. In questo momento è più tranquilla la situazione in casa Mainz che si trova esattamente a metà classifica. Entrambe le squadre sono reduci da impegni europei in settimana e danno vita ad una fase iniziale di partita tutt’altro che indimenticabile. Per vedere una prima occasione bisogna infatti aspettare il 20º minuto quando un errore in fase d’impostazione da parte di Christensen apre la possibilità di un capovolgimento di fronte al Mainz ed in particolare a Karim Onisiwo, ma il difensore del Borussia riesce a recuperare in extremis con un intervento in scivolata all’interno dell’area di rigore: rischioso sì, ma anche estremamente efficace. La risposta della formazione di casa è affidata esclusivamente ad un tiro dal limite dell’area di rigore effettuato da Lars Stindl che si rivela però assolutamente innocuo. I ritmi restano bassissimi durante tutta la prima frazione di gioco e lo spettacolo offerto da entrambe le squadre è sostanzialmente nullo sotto ogni punto di vista. Anche nella ripresa la partita offre decisamente poco spettacolo, anche se si assiste ad un miglioramento perlomeno dal punto di vista del ritmo e dell’intensità. La gara si sblocca quasi casualmente al 75º minuto quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo è il difensore del Borussia Mönchengladbach Andreas Christensen trova la deviazione vincente approfittando anche di un errore individuale del portiere del Mainz Jonas Loessl. Il gol subito obbliga la formazione allenata da Schmidt ad una reazione ma come era già successo nel corso della partita in realtà la pericolosità offensiva della formazione ospite è piuttosto limitata. Anche se sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Giulio Donati il Mainz avrebbe trovato anche il gol del pareggio grazie al brasiliano De Blasis, che però viene annullato per un fuorigioco che le immagini televisive dimostrano essere totalmente inesistente. A complicare ulteriormente i progetti di rimonta del Mainz arriva anche l’espulsione per doppia ammonizione a carico di Jean-Philippe Gbamin. Nei secondi conclusivi il Borussia fallisce anche una clamorosa opportunità per raddoppiare, con un errore di precisione da parte di Dahoud che vanifica un contropiede tre contro zero della sua squadra. Ma, in ogni caso, non c’è più tempo per cambiare le sorti dell’incontro ed è dunque il Borussia Mönchengladbach a festeggiare la conquista di tre punti davvero preziosi che regalano un po’ di ossigeno ad una classifica piuttosto complicata.

BLITZ LEVERKUSEN: Se nella partita precedente per vivere una fase emozionante si è dovuto attendere il finale di gara, nella seconda partita in programma in questa giornata la svolta rischia di arrivare fin dai primi minuti. Quando il cronometro segna appena tre minuti dal fischio d’inizio arriva subito un episodio molto importante. Nel tentativo di fermare un contropiede dell’attaccante del Bayer Leverkusen, Naldo è costretto a commettere fallo da ultimo uomo: per il direttore di gara l’intervento è meritevole dell’espulsione. La formazione di casa non disdegna comunque fugaci apparizioni in zona offensiva con rapidi contropiede ed al 18º minuto di gioco è il nazionale ucraino Konoplyanka a calciare verso la porta difesa da Leno. La situazione di superiorità numerica concede comunque al Leverkusen l’opportunità di gestire agevolmente i ritmi di gioco e creare le migliori occasioni da gol. In particolare al 33º minuto è un tiro dell’attaccante Stefan Kiessling ad impegnare severamente Ralf Faehrmann: ma il portiere dello Schalke riesce comunque a disimpegnarsi piuttosto bene deviando la conclusione in calcio d’angolo. La prima frazione di gioco si conclude sullo zero a zero senza ulteriori spunti offensivi di rilievo con uno Schalke 04 che è riuscito a difendersi con ordine nonostante l’inferiorità numerica rimediata nei primissimi minuti di gioco. Il copione della partita sostanzialmente non cambia anche ad inizio ripresa anche se aumentano in modo considerevole gli errori di precisione nelle trame offensive dei giocatori Leverkusen e contestualmente aumenta la pericolosità offensiva dei contropiede orchestrati dallo Schalke ed in particolare da Yevheniy Konoplyanka che si conferma tra i giocatori più talentosi a disposizione del tecnico Markus Weinzierl. Negli ultimi minuti aumenta considerevolmente la pressione offensiva del Bayer Leverkusen che fa pesare nell’ultimo tratto di gara in modo più consistente la superiorità numerica. In particolare è Yurchenko ad avere le due opportunità più significative per pareggiare ma due minuti dalla fine la gara si sblocca sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto dallo specialista turco Hakan Calhanoglu telecomanda il pallone sulla testa di Stefan Kiessling che colpisce con una precisione battendo imparabilmente il portiere avversario e realizzando così il suo primo gol stagionale che vale tre punti preziosissimi per la formazione di Leverkusen che sale così all’ottavo posto in graduatoria.



As featured on NewsNow: Calcio news