Da un po’ di tempo Mbappè ha smesso di farsi notare. Dopo le notizie sull’accordo raggiunto tra PSG e Monaco, il talento francese non ha più avuto minuti ed opportunità con la maglia biancorossa. Non a caso, ad oggi, manca soltanto l’ufficialità di un cambio di maglia destinata a stravolgere di nuovo gli equilibri del calciomercato internazionale.

Wilfried Mbappé, genitore ed agente di Kylian, ha già avvisato tutti: suo figlio vuole il PSG, l’accordo è stato trovato e l’asta si è conclusa. Dal 9 agosto le trattative hanno abbassato le serrande e nessuno negozia ancora con lui, ne con i monegaschi. Il ragazzo non gioca e non è arrabbiato. Tutto sembra girare per il verso giusto. L’unico fattore in grado di alterare la situazione è la pressione dei grandi club di UEFA e FIFA, probabilmente interessati a scoprire quale sia il criterio tuttora utilizzato per il famigerato controllo economico.

In ogni caso, tornando a Mbappè, per lui si parla di uno stipendio di 15 milioni di euro. Il trasferimento è invece fissato alla cifra di 150 milioni fissi, più 30 variabili. Altre fonti, tuttavia, suggeriscono che il passaggio potrebbe raggiungere addirittura i 200 milioni di euro.
Di fronte a tale offerta, il Monaco non ha potuto fare a meno di accettare. Soprattutto se si considera l’intenzione del diretto interessato: qualche giorno prima della Supercoppa europea, il padre-agente aveva informato la dirigenza del Principato che suo figlio avrebbe fatto le valigie soltanto in direzione Parigi.

Non una questione di soldi, dunque. O almeno si fa per dire, visto che il Real Madrid era pronto a sborsarne 180…


http://gty.im/695759412