Dopo 8 turni di campionato in testa alla classifica della Ligue 2 troviamo il Reims. I biancorossi, che hanno salutato la Ligue 1 la scorsa stagione, hanno infatti vinto la totalità delle gare giocate davanti  ai circa 9 mila spettatori che, di media, hanno riempito parzialmente l’Auguste-Delaune, e raccolto 4 pareggi in altrettanti match in trasferta. Un totale di 16 punti raccolti grazie ad una solidità difensiva come dimostrano i soli 5 goal subiti (miglior difesa della categoria) e sufficienti a garantire il momentaneo primato in classifica nonostante delle prestazioni non proprio entusiasmanti dal punto di vista del gioco.

Dietro al Reims, con 15 punti, troviamo il Brest, la squadra bretone dove milita l’italiano Battocchio. Il numero 10 è risultato decisivo con il primo goal del suo campionato, ma a trascinare i biancorossi sono stati soprattutto i 5 goal del giovane Maupay. I bretoni hanno convinto sia davanti al proprio pubblico che lontano da casa, dove invece faticavano incredibilmente la scorsa stagione. Gli uomini di Furlan sono rientrati al meglio dalla pausa ed hanno prima ritrovato i 3 punti contro l’Auxerre quindi bloccato sul pari il Le Havre.

Un Le Havre fermo a 10 punti che malgrado il mercato estivo ha faticato incredibilmente nelle ultime cinque uscite dove ha raccolto solamente tre punti frutto di tre pareggi. Ad inseguire le prime posizioni c’è così il neopromosso Amiens, la squadra rivelazione di questo avvio. I bianconeri non hanno una rosa molto ampia, sono la squadra che ha impiegato finora meno calciatori della Ligue 2, eppure non solo hanno vinto 4 delle ultime cinque gare, ma devono ancora recuperare il match  rinviato causa pioggia con il Gazelec Ajaccio, ed in caso di vittoria potrebbero addirittura scavalcare il Reims in testa alla classifica.

Ottimo l’avvio di campionato anche dell’altra neopromossa, lo Strasburgo, a quota 13, trascinato dall’entusiasmo dei propri tifosi, che però nelle due uscite dopo la sosta delle nazionali ha raccolto solamente un punto e venerdì dovrà vedersela su un campo difficile come quello di Clermont. Un punto sotto ai bianco-blu troviamo il Sochaux che dopo la deludente scorsa annata è partita con miglior piglio e in 8 incontri non ha ancora assaporato la parola sconfitta. Semmai, i gialloblu devono imparare a non accontentarsi del pari ( troppi i 6 segni X, di cui 5 consecutivi) e devono provare ad osare maggiormente alla ricerca dei 3 punti per non perdere troppo terreno dalle prime della classe.

A 11 punti navigano il Lens, forte di un pubblico straordinario malgrado una rosa ricca di giovani,  il Valenciennes, reduce da due pareggi consecutivi e dalla confortevole solidità difensiva, il combattivo Ajaccio di Pantaloni fresco di successo sull’Auxerre, ed il Clermont del tecnico, donna, Corinne Diacre, in cerca del primo successo dopo la sosta delle nazionali. A 10, oltre al già citato Le Havre, c’è invece un Red Star apparentemente meno competitivo rispetto alla scorsa stagione, ed un Gazelec Ajaccio che ha raccolto meno di quanto seminato nel rapporto risultati ottenuti-gioco espresso.

Nella parte bassa della classifica è tornato a vincere il Bourg Peronnas, a quota 9 grazie a due successi di fila, 9 come il Nimes del capocannoniere Alioui ed il retrocesso Troyes, che invece nelle ultime due uscite ha raccolto solamente due punti. A 8 naviga solitario il neopromosso Orleans che ha raccolto gran parte del proprio bottino tra le mura amiche stentando troppo in trasferta come testimonia il 4 a 2 subito di recente a Lens.

Sono solo 6 i punti raccolti da un Auxerre in piena crisi (due k.o. nelle ultime due gare) e che paga una rosa dall’età media bassissima. Non va meglio a Laval e Tours che fanno compagnia alla squadra della Borgogna con gli stessi punti in classifica, in particolare alla squadra del tecnico italiano Simone che non vince da un mese abbondante. Deve ancora vincere una gara invece il fanalino di coda Niort, ultimo con 5 punti frutto di 5 pareggi, di cui due recenti che lasciano indurre ad un po’ di ottimismo in più.



As featured on NewsNow: Calcio news