Il ventunesimo turno di Ligue 1 è stato aperto venerdì dall’acceso 1 a 1 maturato tra Nizza e Bastia, con tanto di polemiche per presunto razzismo, nel post partita, scatenate via twitter da Mario Balotelli. Il pareggio dei nizzardi ha consegnato al Monaco l’occasione del sorpasso che i monegaschi hanno colto a pieno superando per 4 a 0 il Lorient prendendosi la vetta, mentre il Psg espugnava Nantes accorciando sul secondo posto tanto quanto il Lione, che supera 3 a 1 il Marsiglia nel posticipo serale della Domenica. Per dare un quadro specifico della giornata appena trascorsa proviamo a stilare una top 11, per analizzare le individualità che secondo i numeri e gli addetti ai lavori hanno brillato in questo week-end di calcio francese.

Portiere : Vincent Enyeama (Lille) : il portiere nigeriano dei mastini si è rivelato il migliore in campo nella gara del Gaston Gerland tra Dijon e Lille, risultando decisivo con almeno due grandi interventi, prima su un colpo di testa di Varrault quindi sui tentativi di Diony e Balmont.

Difensori :

Djibril Sidibè (Monaco) : difficile per questa giornata fare a meno dei terzini del Monaco. L’ex Lille si rivela un acquisto azzeccatissimo cavalcando la fascia destra e partecipando a gran parte delle azioni offensive dei suoi, fornendo anche un assist vincente.

Benjamin Mendy (Monaco) : se a destra scegliamo Sidibè, a sinistra non possiamo che optare per l’altro acquisto estivo del Monaco, il laterale sinistro di difesa Mendy, proveniente dall’OM, che anche ieri ha sfornato una solida prestazione senza mai soffrire in fase difensiva ed offrendo anche interessanti traversoni in avanti.

Thomas Meunier (Psg) : anche il Psg ha dimostrato di non vederci male quando in estate ha fatto sue le prestazioni del laterale belga Thomas Meunier. Anche il quel di Nantes il laterale destro ha dato vita ad una solida performance tenendo a bada un cliente ostico come il giovane Harit, e rendendosi più volte pericoloso in avanti.

Marko Basa (Lille) : oltre ad Enyeama, premiamo la solidità difensiva di un Lille che ha mantenuto la propria porta inviolata, scegliendo l’esperienza del montenegrino Basa, che malgrado un primo tempo di sofferenza cresce alla distanza nella trasferta di Dijon rendendo impossibile la vita ai due attaccanti di casa.

Centrocampisti:

Valentin Vada (Bordeaux) : il classe 96′ argentino del Bordeaux si dimostra un ragazzo dal sicuro avvenire realizzando, nei primi minuti, il goal che decide la sfida tra i girondini ed il Tolosa, per poi coronare la sua prestazione con tanta qualità nelle giocate, in particolar modo nella fase offensiva dove continua a farsi preferire.

Maxime Gonalons ( O. Lione) : agli occhi di un qualsiasi spettatore Gonalons non sarà mai un giocatore in grado di regalare colpi e giocate mozzafiato, ma l’importanza di quello che viene definito il Busquets di Francia, nell’economia di una squadra, e della partita, rimane fondamentale, e la sua performance con l’OM ne è solo un’altra dimostrazione.

Mathieu Valbuena (O. Lione) : il fantasista del Lione decide di far male ai suoi tifosi sbloccando la gara con un destro a giro sul secondo palo che incanta la platea e fa esplodere l’entusiasmo di uno stadio intero, mettendo in discesa la gara dei padroni di casa.

Boschilia (Monaco) : Jardim lo lancia dal primo minuto lasciando Lemar a scaldare la panchina e lui lo ripaga con una prestazione sensazionale fatta di colpi e giocate di alto livello, coronata da una doppietta, che lo fa risultare largamente il migliore in campo.

Attaccanti:

Cheick Diabatè (Metz) :  la doppietta di Cavani fa volare il Psg, quella di Germain regala la vetta al Monaco. Ma a discapito del nome, e del blasone, ci sentiamo di premiare l’esordio con la maglia del Metz di Diabatè, tornato in Francia con la formula del prestito, che si presenta ai nuovi tifosi con una doppietta che consente al Metz di superare il Montpellier in uno scontro cruciale per la salvezza.

Alexandre Lacazette (Lione) : Si conferma il miglior centravanti della Ligue 1; manda in crisi la difesa del Marsiglia e realizza la doppietta che consente al suo Lione di vincere 3 a 1 e risalire la classifica.

 

In “panchina”, come alternative ai nostri 11, ma solo per assenza di spazio, schieriamo l’appena citato duo Cavani,  Germain; a centrocampo merita una chiamata Cohade, autore di entrambi gli assist nei due goal di di Diabatè, Fabinho, autore dell’ennesima grande prestazione nel cuore del centrocampo monegasco, e Dijku, che malgrado i continui stravolgimenti nella difesa del suo Bastia continua a regalare prestazioni di livello.

 

 



As featured on NewsNow: Calcio news