Non è certo iniziato nel migliore dei modi il 2017 del Lione, partito con i migliori propositi nel 2016 ma ritrovatosi presto fuori sia dal palcoscenico della Champions League che dalla lotta per la Ligue 1, la cui vetta dista ora addirittura quindici punti per gli uomini di Genesio.

Un Genesio che avrebbe dovuto cogliere il primo campanello d’allarme, il 15 di Gennaio, quando il Lione è caduto per 3 reti a 2 sul campo di un tutt’altro che irresistibile Caen. Dopo quel passo falso il Lione è riuscito a fare suo il match casalingo con il Marsiglia di Rudi Garcia, per 3 reti a 1, dando però solamente l’illusione di essere tornata competitiva, ai livelli di Monaco e Nizza.

Nella settimana seguente infatti l’OL ha incamerato la bellezza di tre sconfitte consecutive. La prima, sorprendente, in casa contro un Lille caparbio, in grado di passare per 2 reti a 1 con due gol dell’ex Benzia; la seconda nel match di coppa contro il Marsiglia, dove il turn-over, forse esagerato, in vista derby ha costretto il Lione a soccombere ai supplementari; la terza, e più pesante, è quella arrivata  nel derby con il Saint-Etienne, vinto per 2 a 0 dai verdi, con le espulsioni di Ghezzal e Tolisso giunte nel finale a peggiorare ulteriormente la situazione.

A rendere ancor più complicato il momento ci sono pure le sirene di mercato. Nabil Fekir, secondo la stampa francese, sembra essere nel mirino del Real Madrid di Zidane, che non ha mai nascosto la sua stima per il ragazzo e starebbe spingendo molto per avere a Valdebebas il fantasista francese. Fekir non è l’unico calciatore del Lione ad essere finito nel mirino dei grandi club. Ad inizio settimana, infatti, anche il cannoniere della squadra, Lacazette, avrebbe espresso il desiderio di lasciare il Lione per trasferirsi in un top club.

Malgrado la dirigenza abbia lasciato intendere come si sia trattato di un equivoco, i più accaniti sostenitori del Lione, già esasperati dal momento no, non l’hanno presa bene ed hanno risposto fischiandolo e definendolo “traditore” nel match infrasettimanale contro il Nancy. Ad inizio gara la curva di casa ha esortato in maniera esplicita i  propri calciatori a tirare fuori gli attributi per uscire presto da questo brutto momento. Nonostante il clima surreale, il Lione lo ha fatto subito, superando per 4 a 0 il Nancy, ed ora è chiamato a confermarsi già questo week-end sul campo de Guingamp, dove mancherà ancora Tolisso, ma sarà a disposizione Rachid Ghezzal. Resta da monitorare, tuttavia, la situazione Lacazette, difeso a spada tratta anche dal capitano Gonalons, che oltre a ribadire più volte come non si possa fischiare un calciatore che ha fatto tanto per il club, si è dilungato anche in un colloquio con gli ultras locali a fine gara, per cercare di chiarire la situazione e risanarla subito. Anche perché il Lione, già nelle prossime due trasferte con Guingamp e Az (Europa League), si giocherà una buona fetta di questa stagione.

 

 



As featured on NewsNow: Calcio news