La Coppa di Russia ha regalato emozioni e grandissime sorprese nella due giorni dedicata alle gare valevoli per i sedicesimi di finale dell’edizione 2017/2018. La prima “big” a cadere è stato il Krasnodar, attualmente secondo in classifica in “Premier Division”, superato al “Trud Stadium” da un’indomabile Tomsk. Poche ore più tardi fuori anche il CSKA Mosca, battuto in casa dell’Avangard Kursk con un calcio di rigore trasformato da Korobov al 114′. Eliminazione per mano addirittura di un club di terza divisione per la Dinamo Mosca, che ha perso ai calci di rigore in casa dello Spartak Nalchik. K.O. ai supplementari per 3-2 anche la Lokomotiv Mosca contro il Krylya Sovietov. Sconfitta incredibile anche dello Zenit nel derby contro la Dinamo San Pietroburgo: gli uomini di Mancini, sotto di un uomo e di due gol, avevano acciuffato il pari grazie ad un uno-due micidiale firmato da Paredes e Poloz: ai supplementari la Dinamo è passata ancora in vantaggio con un calcio di rigore di Kulishev, centrando così una storica qualificazione. All’elenco delle vittime illustri si aggiungono anche Ufa Terek Grozny, eliminare da Olimpiyets Yenisey.

 

 



As featured on NewsNow: Calcio news