TIPPLIGAEN: la 24° del Rosenborg!

Campionati europei 6 settembre 2016 Vincenzo Lacerenza


FUGA PER LA VITTORIA: Ci eravamo lasciati con il Rosenborg in odore di fuga , e ci ritroviamo con la fuga già consumata. Il Rosenborg corre verso il 24° titolo, il secondo consecutivo. La squadra di Trondheim, dopo le delusioni europee (eliminata ai prelimiari sia in Champions che il Europa League), ha mantenuto un ritmo altissimo che l’ha portata ad essere a +15 dalla seconda in classifica e con Gytkjaer capocannoniere con 16 reti: otto, inoltre, le reti segante nelle ultime 5 partite. La squdra di Ingebrigtsen sembra non avere rivali attendibili anche per il prossimo futuro, ma nella sua gestione pesano i fallimenti nelle campagne europee, anche se 2 campionati vinti di seguito dopo 5 anni di insuccessi sono comunque un’impresa.

BAGARRE EUROPA: L’Odd un mese e mezzo fa era a giocarsi il titolo punto a punto con il Rosenborg, da lì in poi ha 4 sconfitte 2 pareggi e l’unica vittoria in casa dell’ormai retrocesso Start. Un crollo verticale difficilmente spiegabile, soprattutto a livello difensivo, dopo aver preso 10 gol nelle prime 15 giornate, ne ha incassati assirittura 14 nelle ultime 7. La bagarre per i piazzamenti con vista sull’Europa diventa interessante, con 6 squadre in 4 punti e 2 soli posti disponibili. L’Haugesund ha agganciato l’Odd a quota 38 grazie a 4 risultati utili consecutivi, 3 vittorie ed un pareggio. A un punto dalla squadra di Dempsey ci sono Brann e Molde. Il Brann dopo 3 vittorie consecutive ha fermato la sua corsa a Oslo contro il ritrovato Valerenga. Il solo punto in 3 partite, anche se contro il Rosenborg, ha permesso all’Haugesund il sorpasso. Il Molde invece ci ha messo un mesetto per capire come sostituire in campo le partenze di Elyonoussi e Gulbradsen, e nel frattempo aveva inanellato 5 sconfitte e il pareggio casalingo contro il derelitto Start, che equivale a una sconfitta, ma da lì in poi 4 vittorie consecutive che riportano la squadra di Solskjær in piena lotta per l’europa. A due punti dall’Europa c’è una delle sorprese del campionato: il Sarpsborg. Partita per salvarsi, e senza grosse certezze, sta facendo un campionato importante con risultati sorprendenti, ha trovato una solidità di squadra impensabile a inizio torneo. Il sogno europeo è a soli due punti per la squadra di Bakke. In coda al gruppo c’è lo Stromsgodset, che dopo l’eliminazione dall’Europa League ha avuto un crollo imporvviso 4 sconfitte e 2 pareggi nelle ultime 6 gare di campionato. La corsa per l’europa è lunga ancora 8 giornate, ed essendo squadre da parziali ma senza continuità nei risultati, può succedere realmente di tutto.

SALVEZZA E SPAREGGIO: Nella zona tranquilla della classifica ci sono 3 squadre: i Viking, che continuano nel progetto di far esplodere giocatore per poi cederli preferibilmente in Germania, il Valerenga che dopo un inzio disastroso sta trovando gioco, risultati e continuità, e il Sogndal che vuole tenersi stretto il suo decimo posto a +7 dalla zona spareggio. Nella zona in cui c’è ancora da lottare ci sono: Bodo-Glimt, Lillestroem, Tromso, Stabaek e Aalesund. Il Bodo ha soli 4 punti sull’Aalesund penultimo in classifica dovuto anche alla cessione del miglior giocatore della rosa, Jevtovic, in Turchia. Il Tromso invece ha la peculiarità di vincere gli scontri diretti, quasi solo quelli: un vizietto che potrebbe tornare utile alla fine della fiera.  Il Lillestroem, invece, sta attraversando un periodo buiom, rendendosi protagonista di una seconda parte di campionato a dir poco disastrosa; nelle ultime 12 gare 8 sconfitte 3 pareggi e una vittoria, media da retrocessione, e se non cambia la rotta il rischio diventa sempre più grande. Lo Stabaek invece sta trovando una certa continuità di prestazioni, anche se difatte in concretezza: ben 5, infatti, i pareggi nelle ultime 7 gare. Con un pizzico di fortuna e di cattiveria in più si può uscire dalle sabbie mobili. L’Aalesund invece sembra quella meno fornita per raggiungere la salvezza, anche se è ancora lì a giocarsela ed è a soli 3 punti. L’ultimo posto è dello Start, ancora a secco di vittorie, con solo 9 punti derivati da 9 pareggi, a Kristiansand si sta già lavorando per la prossima stagione da vivere in serie B.

 

Di Lorenzo Lazzarotto



As featured on NewsNow: Calcio news