Osservando la casacca della cenerentola Islanda sono stati sufficienti pochi istanti perché il cassettino della memoria si aprisse. La maglietta bianca con striscia verticale rossa e blu è di fatto identica a quella di una squadra di pallone cinematografica: i campioni-galeotti di Fuga per la Vittoria. La celebre pellicola griffata da John Huston non ha certo bisogno di presentazioni, ed è diventata in 35 anni dalla sua realizzazione un riferimento nel mondo del cinema applicato allo sport.

L’Islanda, pur disponendo di validi interpreti come Sigurdsson, Bjarnason o Gunnarsson, non può contare sui campioni di Escape to Victory. Quelli erano al servizio di Michael Caine e rispondevano ai nomi di Pelè, Ardiles e Bobby Moore. Le convergenze tra l’Islanda e Fuga per la Vittoria sarebbero frutto del caso. Almeno secondo le affermazioni di Paolo Rebuttato, responsabile marketing della Errea, l’azienda di Parma che veste la nazionale di Lagerback. “In tutta onestà ci siamo attenuti alle indicazioni fornite dalla federcalcio di Reykjavik. Forse loro avevano in mente di rendere omaggio al film di Huston, ma non ce l’hanno comunicato”.

Ejdur Gudjonssen, forse il giocatore più rappresentativo della formazione che oggi alle 18 incontrerà l’Ungheria dopo lo storico pari col Portogallo di Cristiano Ronaldo, ci scherza sopra: “Quella era una squadra che, anche se solo nella fiction, fu protagonista di un’impresa incredibile. Mi auguro che possa accadere qualcosa di simile anche a noi. Mi basterebbe arrivare agli ottavi di finale”. Con la promessa di non fuggire come nel film, visto che anche l’epica sfida con la Germania di Max Vom Sydow aveva come teatro la Francia. Una casacca che diventa un talismano e che potrebbe trasformarsi in un business per il marchio di Parma che a livello di nazionali fornisce attrezzatura al Rwanda e alla Nuova Caledonia, ma come club è partner dei giganti di Argentina River Plate e Boca Juniors.

Al momento la divisa più gettonata, soprattutto dagli internauti inglesi, è quella blu notte indossata dal portiere Hannes Halldorssom. Forse perché nel film apparteneva al capitano Robert Hatch, al secolo Silvester Stallone. Eroe improvvisato del pallone prima ancora dell’epopea, sempre sportiva, di Rocky Balboa.

Saint-Etienne (Francia) 14/06/2016 - Euro 2016 / Portogallo-Islanda / foto Insidefoto/Image Sport nella foto: esultanza gol Birkir Bjarnason ONLY ITALY

Saint-Etienne (Francia) 14/06/2016 – Euro 2016 / Portogallo-Islanda / foto Insidefoto/Image Sport
nella foto: esultanza gol Birkir Bjarnason ONLY ITALY



As featured on NewsNow: Calcio news