Un turno da bollino nero, difficilmente (si spera) ripetibile: gli allenatori italiani all’estero, soprattutto in Premier League.

PREMIER DOWN LEAGUE – Su 4 tecnici del massimo campionato inglese, i punti portati a casa sono stati …. zero! Sul banco degli imputati Antonio Conte, che sembra stia perdendo già credito coi tifosi del Chelsea. Il pesante 3-0 nel derby londinese con l’Arsenal ha lasciato il segno, soprattutto perché segue il ko casalingo di 7 giorni prima col Liverpool. Finora per lui 10 punti in 6 partite, primo posto distante 8 punti.
Va male anche Claudio Ranieri, che subisce il 3° poker stagionale col Leicester: l’anno scorso ad Old Trafford arrivò il pareggio che servì per centrare lo storico titolo di Premier, 4 mesi dopo il nuovo United di Josè Mourinho ribalta tutto e vince 4-1. E le Volpi sono già lontanissime dalla zona Europa.
Sempre più a picco Francesco Guidolin, anche se il suo Swansea ha tenuto testa almeno per un’ora al fantastico Manchester City di Guardiola, che è passato in terra gallese per 3-1. Sul tecnico veneto c’è l’ombra dell’eroe nazionale Ryan Giggs come possibile sostituto.
Chiude il turno nero degli italiani in Premier anche Walter Mazzarri, che dopo l’impresa sul Manchester United, torna coi piedi per terra perdendo lo scontro diretto col Burnley (2-0): brutto passo indietro.

PICCOLI SORRISI BRITANNICI – Dalla Championship continua a far parlare di se Walter Zenga, che tiene alto l’onore italiano. Dopo aver superato il favorito Newcastle, il suo Wolverhampton ha sconfitto il Brentford e resta in piena scia promozione. Sembra invece stia finendo il credito di Roberto Di Matteo con l’Aston Villa, anche se il pareggio contro Benitez ed il Newcastle è stato preso bene. Decisive le prossime due partite, altrimenti non è escluso l’esonero.

In Russia arriva la prima battuta d’arresto per Massimo Carrera, con lo Spartak Mosca sconfitto dall’Ufa (0-1 interno) ma graziato dal pareggio del CSKA (1-1 col Krasnodar) che così non effettua il sorpasso in vetta.

Carlo Ancelotti non ha ancora rivali in Bundesliga, 5 vittorie su 5: il Bayern Monaco soffre ma piega l’Amburgo nel finale.

Inutile 3° gol consecutivo per Davide Lanzafame: l’Honved di Marco Rossi perde in casa col Videoton e rallenta in classifica.

Dopo 2 vittorie consecutive arriva il pareggio per Andrea Stramaccioni, col Panathinaikos bloccato dal Panaitolikos sullo 0-0.

Continua a scalare le gerarchie mister Manzo in Svizzera col Lugano, che ha strappato un pareggio d’oro sul campo del Thun (2-2) che lo proietta nel gruppo della poule scudetto.

In Cina (Serie B) vincono anche Ciro Ferrara e Fabio Cannavaro.

Ancora ko il tecnico Napoli in Romania con lo Iasi, battuto dall’Astra per 1-0.

Vola Andrea Agostinelli nella Super League albanese: 4° vittoria di fila dello Skenderbeu (1-0 al Luftetari) e leadership del campionato con 12 punti, a più quattro sul Partizani che è secondo.



As featured on NewsNow: Calcio news