E’ morto Pierre Ndaye Mulamba,  il centravanti dello Zaire 1974
La notizia è arrivata poco fa attraverso una mail inviatami da sua nipote. E’ morto a New Delhi, dove era ricoverato da tempo per una grave malattia, il campione dell’ex Zaire, e bandiera del calcio africano, Pierre Ndaye Mulamba. Aveva 68 anni. Su di lui si potrebbero scrivere libri...
La nazionale di tutte le nazioni e il circo Barnum in salsa di soia
In campo: Saad Al Sheeb; Pedro Miguel (Portogallo), Ibrahim Majid (Kuwait), Mohammed Musa, Abdulkarim Hasan Fadlalla; Hassan Al Haidos, Boualem Khoukhi (Algeria), Rodrigo Tabata (Brasile), Mohammed Kasola (Ghana), Ali Assadalla (Bahrein); Akram Afif (Tanzania). In panchina: Khalifa N’Diaye (Senegal), Karim Boudiaf (Marocco), Ali Afif (Tanzania), Musab Kheder (Sudan), Ahmed...
Casemiro, l’indispensabile bulldog della porta accanto
C’è parecchia Italia nell’evoluzione sportiva di Casemiro. “Ho iniziato a capire che potevo diventare un giocatore importante per questo Real dopo il gol al Napoli”, racconta. Il suo destro a girare radiocomandato, nei 16esimi di finale, chiuse la partita fissandola sul 3 a 1. Il Bernabeu esplose e Zidane...
Vinicius e i 46 milioni di euro che rovineranno il pallone
Sono rimasto parecchio impressionato dalle parole di Pep Guardiola pronunciate nei giorni scorsi su una delle operazioni di mercato più discusse e discutibili degli ultimi anni, l’acquisto di Vinicius da parte del Real Madrid. Guardiola, ragazzo mai banale, è entrato come un abile chirurgo nel cuore della questione, e...
Briegel: “oggi sono il gladiatore dei bambini poveri e abbandonati”
“Due finali di un mondiale si possono anche perdere, però sapere arrivare fino in fondo è un merito. Per questo ammetto di non aver rimpianti”. Peter Briegel è una persona senza fronzoli, uno che bada al sodo, e nel suo carattere è racchiusa l’essenza della traiettoria sportiva. Decatleta nel...
Gregoire Mbida, l’addio a Beha e le virtù del pensiero libero
Arrivederci Oliviero, collega dispari, personaggio scomodo, ma soprattutto giornalista e scrittore libero. Una cosa non ti ho mai “perdonato”, Mundialgate, il libro che scrivesti assieme a Roberto Chiodi sulla presunta combine in Italia-Camerun. Il mio omaggio è racchiuso in questo testo: un frammento dell’incontro a Dax, nel 2008, con...
Bambino prodigio ai mondiali del 2002, oggi è quasi cieco e vive nella miseria
“Volete aiutarmi? Questo è il conto corrente di un mio amico, mandatemi dei soldi e Dio vi ringrazierà”. Non è uno scherzo, e neppure una truffa, e neanche una di quelle bizzarre catene di un santo qualsiasi. E’ l’appello disperato di uno che avrebbe potuto diventare re, senza scomodare...
Il campione del mondo argentino che neppure Maradona conosceva
“Quién es Zelada?”. Una domanda, un mantra, un ritornello per irridere gli avversari: dalla Corea del Sud dei picchiatori alla Germania Ovest tutta fosforo plasmata da Franz Beckenbauer. “Quién es Zelada?”, se lo domandavano un po’ tutti ai mondiali messicani, i tifosi dell’Argentina, i giornalisti dell’Argentina, i calciatori dell’Argentina,...
Lipsia, Ancelotti e l’abuso linguistico
Abbiamo peccato. Eccome! Abbiamo abusato della parola “favola”, utilizzandola ogni volta che un refolo di vento tentasse di alimentare un qualche canone inverso. La favola del Leicester? Macché, vuoi mettere quella del Sutton? E il pachiderma che divorava l’hot dog in panchina? Che favola ragazzi! La favola del colesterolo....
Camerun, calciatori a digiuno e allenatore senza stipendio
Il disordine organizzato del calcio africano mi ha sempre appassionato, fino a catalogarlo tra il miglior materiale antropologico. L’ultimo episodio coinvolge il Camerun, fresco di trionfo continentale. La squadra diretta dal belga Hugo Broos ha giocato lo scorso 28 marzo un’amichevole a Molenbeek contro la Guinea Conakry. Fa piacere...
As featured on NewsNow: Calcio news