In un’America giustamente indaffarata in questi giorni per le presidenziali appena concluse, si sono anche giocate le semifinali di Conference della MLS. Ad est si sfidavano due squadre canadesi, Montreal e Toronto, rispettivamente contro New York Red Bull e New York City. Invece ad ovest le sfide erano quelle di Seattle Sounders contro FC Dallas e Colorado Rapids contro Los Angeles Galaxy.

Partendo dalle sfide ad est, visti anche i piazzamenti nella regular season, le due favorite sembravano essere le due squadre di New York. Invece come spesso succede nel calcio mai niente si può dare per scontato.

La partita di andata tra Montreal e Red Bull giocata in terra canadese ha dimostrato nel gioco la superiorità della squadra newyorchese, che però non è riuscita a capitalizzare le tante occasioni create (incredibili i due errori del capocannoniere della regular season Wright Phillips), mentre i canadesi hanno approfittato con Mancosu di una delle poche occasioni e hanno vinto la partita per 1 a 0. Al ritorno tutti si aspettavano la reazione del New York, che dopo pochi minuti poteva ristabilire la parità grazie ad un calcio di rigore a loro favore. Ma la battuta di Kljestan è stata respinta dall’estremo difensore avversario. Ad inizio secondo tempo poi è arrivata la beffa per i padroni di casa: grande azione di Ignacio Piatti che da posizione molto defilata batte l’estremo portiere Robles (poteva sicuramente fare meglio) e porta avanti i suoi. Ad un quarto d’ora dalla fine il solito Wright Phillips ha ridato speranza a i suoi, infilando da posizione ravvicinata Bush. Ma ancora Piatti, su assist del subentrato Drogba, chiude il discorso qualificazione a 5 dal termine.

Nell’altra sfida di semifinale come detto si incontravano i Toronto di Giovinco contro i New York City di Andrea Pirlo. La partita d’andata giocata in Canada è stata equilibrata, con una superiorità dei padroni di casa che però fino all’84imo non avevano portato grossi pericoli alla porta avversaria (se non per due fiammate dell’italiano). Poi, a sei dalla fine, in una mischia in area, Altidore si è fatto trovare pronto e ha insaccato con violenza per il gol dell’1 a 0.  Al 91imo il subentrato Ricketts ha sfruttato un cross proveniente da sinistra e ha battuto per la seconda volta il portiere Johansen. Risultato finale 2 a 0 per Toronto. Nel ritorno a New York non c’è stata davvero storia, con i candesi che si sono imposti con un perentorio 5 a 0, frutto di una tripletta di Giovinco, un gol di Altidore e uno di Osorio.

Ad ovest Dallas partiva con i favori del pronostico contro Seattle (12 i punti che hanno diviso le due squadre nella stagione regolare). Nella prima partita giocata a Seattle la differenza si è in effetti vista, ma a favore dei padroni di casa, che già nel primo tempo (terminato 0 a 0) hanno avuto occasioni clamorose per passare in vantaggio ma anche con un pizzico sfortuna non hanno capitalizzato. Ad inizio secondo tempo l’immortale Nelson Valdez sfrutta un cross e la maldestra uscita del portiere per portare meritatamente avanti i Sounders. Passano appena quattro minuti e i Seattle raddoppiano. Grande azione di Morris sulla sinistra che serve una palla d’oro all’uruguaiano Lodeiro che deve solo spingerla in rete per il 2 a 0. Altri tre minuti e Lodeiro chiude partita e qualificazione. Da un lancio dalla difesa il trequartista ha un’autostrada davanti a sé e non ha problemi a infilare Seitz per la terza volta. Nel ritorno a Dallas è stata una partita divertente con occasioni sia da una parte che dall’altra. Al vantaggio iniziale dei texani con Akindele, ha risposto il solito Lodeiro che ha approfittato di un errore incredibile del difensore Zimmermann. Dopo due minuti i padroni di casa sono tornati in vantaggio con Urruti, abile a sfruttare la sponda di Rosales e mettere in rete. Dallas ha poi avuto occasioni per portarsi avanti di due gol, ma un po’ la sfortuna e un po’ la bravura del portiere avversario hanno impedito un passivo più pesante per Seattle.

Nell’ultimo incrocio delle semifinali di conference c’era l’attesa sfida tra Colorado Rapids e Los Angeles Galaxy. Nel primo round giocato a Los Angeles sono i padroni di casa a prevalere per 1 a 0 con un fortunoso gol (colpo di testa di Giovanni Dos Santos e deviazione del difensore Sjoberg che ha infilato la propria porta). Partita gradevole, coi Galaxy che cercano di sfruttare il fattore casalingo ma si trovano di fronte un grande Tim Howard che mantiene viva la speranza qualificazione per i suoi. Il ritorno è stato invece deciso da un gran gol dalla lunga distanza dell’albanese Gashi, che ha dato la meritata vittoria agli uomini di Mastroeni. I padroni di casa hanno anche avuto la possibilità di una vittoria più larga, senza cosi dover ricorrere ai calci di rigore per decidere chi andrà a giocarsi la finale contro Seattle. Nella lotteria dei rigori i Rapids sono infallibili segnando tre rigori su tre (Doyle, Le Toux, Pappa), mentre gli uomini di Bruce Arena ne sbagliano tre su quattro, si salva solo Gerrard.

Adesso ci saranno due settimane in cui le squadre potranno ricaricare le batterie. Si riparte il 22 novembre con Montreal-Toronto e Seattle- Colorado. Le gare di ritorno sono in programma domenica 27 per quanto riguarda l’ovest e mercoledì 30 quella dell’est. La finalissima è in programma invece per il 10 dicembre.



As featured on NewsNow: Calcio news