Un bizzarro episodio ha coinvolto l’ex trequartista della Juventus, Sebastian Giovinco, nel corso dell’ultima partita di regular season del suo Toronto FC, di cui ormai è trascinatore con 16 gol e 6 assist, nonché idolo assoluto di casa. Durante l’ultima gara disputata ad Atlanta, con Toronto sotto di una rete a zero, Giovinco ha realizzato con una stupenda punizione il goal della vittoria. Il gol del pareggio, giunto poco prima ad opera di Altidore, ha visto il numero 17 ospite andare ad esultare con i compagni vicino agli spalti del pubblico di casa. A questo punto, dalle tribune sono iniziati a piovere oggetti vari, per ultimo un sostenitore di Atlanta ha lanciato verso Jozy Altidore, compagno di Giovinco e attaccante della Nazionale americana, un bicchiere di plastica contenente della birra: l’attaccante statunitense ha dapprima cercato di colpirlo di testa, poi caduto a terra il bicchiere, Giovinco lo ha raccolto e se l’è bevuto fino all’ultima goccia, rispedendo poi il bicchiere vuoto al mittente.

Il gesto, chiaramente volto a stigmatizzare l’accaduto, ricorda seppur con motivazioni diverse il gesto compiuto qualche stagione fa da Dani Alves a Siviglia (quando un tifoso del Sanchez Pizjuan gli lanciò una banana e il terzino destro ex Barça e Juventus la raccolse e se la mangiò), riporta in auge il problema della violenza 3 dell’intolleranza che, gradualmente, si sta sviluppando negli stadi della MLS con l’aumentare della popolarità del calcio, che probabilmente richiamando sempre più gente delle arene attira sempre più anche gente che con lo sport a poco a che fare. In ogni caso, Giovinco continua a far sognare i tifosi canadesi: well done, Seba!



As featured on NewsNow: Calcio news