VALANGA CELESTE – Al Centenario di Montevideo l’Uruguay di tabares ospita il Paraguay di Arce. Tabares rispetto alla sconfitta con l’Argentina cambia Lodeiro e Corujo inserendo Gaston Ramirez e Cristian Rodriguez. Arce invece fa 3 cambi rispetto alla vittoria contro il Cile, oltre allo squalificato Gomez sostituito da Aguilar, finiscono in panchina Rojas e Santander in favore di Ortigoza e Angel Romero. La gara inizia con buoni ritmi ma senza occasioni importanti. Al primo affondo l’Uruguay passa: Suarez attacca lo spazio sulla destra e viene servito da Ramirez, l’attaccante del Barcellona supera Da Silva sul contrasto e mette in mezzo dove Cavani con il suo classico movimento letale in anticipo sul primo palo incrocia una palla imparabile sul secondo palo. 1 a 0 Uruguay sfruttando una delle coppie d’attacco più forti del mondo. Il Paraguay non da segni di vita e la celeste controlla la gara senza problemi. Al 42′ arriva il raddoppio: su calcio d’angolo di Ramirez arriva Rodriguez e di testa da solo insacca il 2 a 0. La difesa a zona paraguayana è rimasta ferma a vedere il centrocampista dell’Independiente chiudere la partita. Per completare l’opera arriva anche il rigore nettissimo su Suarez al 46′: Aguilar entra a piedi uniti direttamente sulle gambe del centravanti uruguagio. Sul dischetto va proprio Suarez che spiazza l’incolpevole Barreto. Il primo tempo si chiude sul 3 a 0. Nella ripresa c’è tempo e spazio per il 4 a 0: sempre il solito Suarez che con un azione personale arriva sul fondo e mette una palla morbida sul secondo palo dove Cavani deve solo appoggiare in porta il definitvo 4 a 0. L’Uruguay vince facilmente, il Paraguay torna a casa con un 4 a 0 e una prestazione imbarazzante, Arce avrà di che lavorare.

E’ TORNATO IL BRASILE! – All’Arena De Amazonia di Manaus il Brasile di Tite ospita la Colombia di Pekerman per il big match della notte sudamericana. I due tecnici confermano gli 11 che hanno vinto rispettivamente contro Ecuador e Venezuela. La gara parte forte e con l’episodio che la cambia. Al 2′ su corner di Neymar Miranda anticipa tutti e con uno stacco imponente batte Ospina. 1 a 0 Brasile. La Colombia fatica a creare occasioni e il Brasile invece prova a spingere cercando il raddoppio. La squadra di casa va vicina due volte al raddoppio ma una volta per fuorigioco e una per stop di mano le due occasioni da gol vengono fermate giustamente dall’arbitro. Alla prima occasione la Colombia pareggia: su punizione di James stacca Bacca ma la palla la prende Marcos che sfortunatamente insacca la palla nell’angolino dela sua porta, alla destra di un incolpevole Alisson. 1 a 1 al 36′. Il Brasile continua a creare gioco ma la migliore occasione per il 2 a 1 arriva sul Piede di Torres: su contropiede bacca attacca lo spazio in verticale sulla sinistra, cerca di rientrare su Miranda, ma il difensore brasiliano non gli concede spazio per il tiro, l’attaccante del Milan quindi serve Torres sul secondo palo che con un tiro potente e rasoterra trova solo l’esterno della rete. La gara è divertente e con un buon ritmo. AL 74′ su un azione orchestrata dai nuovi entrati Coutinho e Giuliano la palla arriva a Neymar che dallo spigolo dell’area lascia partire un diagonale sul quale Ospina non può arrivare. 2 a 1 meritato per il Brasile. La squadra di Tite ha anche un paio di occasioni per chiuderla ma Marcos e soprattutto Coutinho non trovano la mira giusta sottoporta. Finisce 2 a 1. Tite inizia il suo cammino con 2 vittorie importanti. La Colombia di Pekerman continua a non convincere.

TRI ANCORA KO – La sfida tra le due deluse dello scorso turno va in scena allo stadio Nacional di Lima. Il “Tigre” Gareca rivoluziona la squadra rispetto alla deludente trasferta di La Paz cambiando 5/11. Quinteros invece fa solo due cambi rispetto alla sconfitta contro il brasile, uno obbligato con Valencia al posto dello squalificato Paredes, e poi Quinonez al posto di Gruezo in mezzo al campo. La gara conferma le difficoltà delle due squadre palesate nelle gare precedenti, e quindi a fare la differenza sono gli errori e gli episodi. Il Perù va in vantaggio su rigore fischitao per fallo di mano netto di Achiller. Sul dischetto va Cueva che spiazza Dominguez. Il Pareggio arriva su palla inattiva Bolanos mette un cross forte e teso dove Achiller colpisce e insaccando si fa perdonare l’errore sull’1 a 0. All’intervallo la gara è sull’1 a 1. Il gol partita arriva al 78′ in mischia: su cross di Cueva, Dominguez respinge con i pugni ma la palla finisce sul destro di Tapia che con un tiro al volo trova il gol del defintivo 2 a 1. L’Ecuador dopo le 4 vittorie consecutive che l’avevano portata in testa alla classifica ha trovato un pareggio e 3 sconfitte che l’hanno portata al quinto posto, posto spareggio, per restare in corsa serve un inversione di tendenza. Il Perù trova finalmente una vittoria che lo allontana dall’ultimo posto del Venezuela, con questa vittoria il posto utile per lo spareggio è a 6 punti e a una gara dal giro di boa sognare un posto al mondiale è lecito.

 

Di Lorenzo Lazzarotto



As featured on NewsNow: Calcio news