Bollette luce e gas, come pagare meno con il portale offerte

Adesso è molto più semplice fare il confronto fra distinte promozioni su luce e gas, e cercare di capire quale sia per noi il gestore più conveniente e che faccia al caso nostro. Arera, l’attuale autorità per l’energia elettrica e il gas ha infatti annunciato la nuova fase del Portale Offerte, un sito dedicato ai consumatori alla ricerca di prezzi migliori.

Questo nuovo Portale era stato reso disponibile già questa estate ma fino a ieri ospitava solo le offerte Placet, cioè contratti standard definiti dall’Autorità ma a prezzo liberamente stabilito dall’operatore.

Oggi invece sul sito si trovano anche le offerte del mercato tutelato e quelle del mercato libero, ma solo dei gestori che hanno scelto di pubblicarle. Entro la fine dell’anno tutti gli operatori del mercato libero che non hanno ancora aderito dovranno entrare nel Portale Offerte.

“Cittadini e imprese – si legge nella nota –  possono quindi comparare oltre 2000 proposte tra elettricità e gas, scegliendo tra offerte a prezzo fisso e variabile di mercato”. Con il nuovo portale sarà inoltre visibile “anche la spesa annuale personalizzata per la maggiore tutela elettrica e tutela gas”.“

Bollette luce e gas, come risparmiare

Ma come funziona il portale? A dire il vero non è tutto molto semplice e intuitivo.  basta collegarsi alla homepage del sito e fornire una serie di informazioni che permettono al sistema di capire il gestore che fa al caso nostro. Nel caso dell’energia elettrica ci verrà chiesto ad esempio quale livello di potenza desideriamo, che tipo di elettrodomestici abbiamo in casa e se preferiamo pagare un prezzo fisso o variabile.

Il sistema ci restituirà un elenco con tutte le offerte dei vari fornitori ordinate in base al prezzo. Sta poi all’utente fare le sue valutazioni tenendo in debita considerazione anche l’affidabilità del gestore che si va a scegliere.

Sul web ci sono comunque molti portali che aiutano a districarsi tra le varie offerte del mercato libero. Tra i tanti segnaliamo il servizio di Altroconsumo che oltre a confrontare le offerte di luce e gas aiuta gli utenti a “ottimizzare l’impiego delle risorse energetiche” risparmiando qualcosa sulla bolletta. 

Bonus gas e luce 2018: requisiti e come richiedere lo sconto: a chi spetta?

Possono ottenere il bonus tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura di gas naturale (dunque non società o aziende), per la sola abitazione di residenza.

Il bonus dura dodici mesi e dà diritto ad uno sconto sulla bolletta. L’importo dello sconto dipende da una serie di variabili (componenti della famiglia, zona climatica etc). A questo link è possibile calcolare l’importo dello sconto.

Anche nel corso del 2018 sono previsti i nuovi bonus per il gas e l’energia e anche per la conduzione idrica. Per quanto riguarda il bonus gas questo altro non è che una riduzione sulle bollette del gas riservata soltanto a quelle famiglie con basso reddito e numerose. Nello specifico potranno richiedere il bonus gas e tutti quei clienti i quali saranno in possesso di un reddito Isee inferiore a 8.107,50 euro annui, mentre nel caso in cui all’interno del nucleo familiare ci siano più di tre figli, la cifra sale a €20000. Questo bonus potrà essere ottenuto da tutti i clienti domestici che risultano intestatari di un contratto di fornitura di gas per la propria abitazione di residenza e dura circa 12 mesi. Non verranno addebitati i soldi su conto corrente o cose del genere, ma semplicemente uno sconto sulla bolletta del gas. Riguardo l’importo, questo dipenderà da tutta una serie di variabili ovvero dalle componenti della famiglia, dalla zona climatica e tanto altro.

Per Richiedere il bonus bisognerà presentare la domanda che dovrà essere corredata di documento d’identità, eventuale allegato di delega qualora la domanda sia presentata da un delegato e non da intestatario della fornitura ed ancora un’ attestazione ISEE in corso di validità, l’allegato CF con i componenti del nucleo ISEE e l’allegato FN per il riconoscimento di famiglia numerosa qualora gli stessi è superiore a 8107,5 euro.

Infine bisogna presentare anche un’ autocertificazione riguardante l’utilizzo del gas naturale. Come già abbiamo riferito, il bonus non verrà erogato in un’unica soluzione ma l’ammontare verrà suddiviso nelle diverse bollette nei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda. Nel 2018  sembra si possa anche presentare la domanda per poter usufruire del bonus acqua. Si tratta di una misura che prevede agevolazioni per tutti i cittadini che presentano reddito basso e per tutte le famiglie numerose. Questo bonus permetterà di ottenere uno sconto sulla bolletta idrica. Per poter accedere al bonus acqua, si dovrà essere in possesso di determinati requisiti tra i quali residenza e dunque il bonus potrà essere applicato soltanto per le abitazioni principali.

Inoltre l’applicazione non dovrà risultare catastata come A/7 villino, A1 casa signorile, A/9 castelli o palazzi di prestigio. Le domanda può essere presentata a partire dal prossimo primo luglio presso tutti i comuni di residenza o Centri Caf delegati. Infine, è previsto anche un bonus energia elettrica 2018. Anche in questo caso è previsto uno sconto in bolletta per le famiglie meno abbienti e che hanno un certo ISEE o che hanno un particolare problema di salute che prevede l’utilizzo delle apparecchiature salvavita. Le famiglie dovranno essere clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura per la sola abitazione di residenza e non per le seconde case e avere una potenza impegnata fino a 3 kilowatt fino a 4 familiari con la stessa residenza o fino a 4,5 KW per le famiglie con più di 3 membri della famiglia con la stessa residenza.

”Approfondisci”