Cambiano i valori degli assegni familiari dal 1 Luglio 2018 e che saranno validi per il 2019, fino al 30 Luglio. L’INPS ha rilasciato le nuove tabelle e in base all’appartenenza di determinate gruppi e poi del reddito familiare oltre al numero degli elementi delle famiglia si dovranno ricalcolare gli assegni familiari che, salvo, casi rari, aumenteranno tutti, tenendo conto della rivalutazione dei redditi, ma certo non in misura elevata, anzi.

L’Anf è riconosciuto anche a coltivatori diretti (o anche coloni e mezzadri), i piccoli coltivatori diretti e i titolari delle pensioni a carico delle gestioni speciali dei lavoratori autonomi (artigiani e commercianti compresi) .

Gli assegni familiari per lavoratori autonomi sono più bassi di quelli degli assegni al nucleo familiare (ANF) dei lavoratori dipendenti: infatti, ai coltivatori diretti, coloni e mezzadri spettano appena 8,18 euro mensili per ogni familiare a carico, mentre per i pensionati iscritti alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi si sale a 10,21 euro. Ai piccoli coltivatori diretti, invece, sono riconosciuti 1,21 euro per ogni genitore a carico o equiparati.

L’Anf ad autonomi è riconosciuto solo entro certe soglie di reddito, variabile a seconda del numero dei componenti. Nel dettaglio, per una famiglia formata da due persone il reddito familiare annuale oltre il quale cessa la corresponsione di tutti gli assegni familiari o quote di maggiorazione di pensione è di 19.222,07 euro. Si sale rispettivamente a 24.711,85 euro, 29.515,81 euro, 34.319,82 euro e 38.896,38 euro fino ad arrivare a 43.472,19 euro per i nuclei familiari composti da 7 o più persone.

L’Anf ad autonomi è riconosciuto solo in caso di familiare a carico, cioè con un reddito che non sia superiore a 707,54 euro (nel caso il familiare in questione sia il coniuge, il genitore o l’unico o uno dei figli) o a 1.238,19 euro (per due genitori o equiparati). Infine, nel caso dei figli e dei nipoti bisogna rispettare anche un requisito anagrafico, poiché gli assegni familiari spettano solo nel caso in cui questi abbiano meno di 18 anni. Si possono richiedere anche per i figli di età inferiore a 21 anni (ma solo se apprendisti o studenti) o di 26 anni (se studenti universitari non fuori corso). Non è richiesto alcun requisito anagrafico, invece, per figli e nipoti a carico che risultano inabili al lavoro.

Assegno al nucleo familiare
Comunicazione di variazione del nucleo
Questo modulo va utilizzato per comunicare entro 30 giorni la variazione della composizione del nucleo, avvenuta durante
il periodo di richiesta dell’assegno per il nucleo familiare, specificandone i motivi.
Deve essere presentato al datore di lavoro oppure all’ufficio Inps della propria zona di residenza in caso di pagamento diretto
della prestazione.
0 Documenti da presentare per comunicare la variazione del nucleo familiare al datore di lavoro
Per particolari condizioni di seguito indicate, è necessario compilare e presentare preventivamente all’ufficio Inps della propria
zona di residenza il modulo ANF42** per ottenere l’autorizzazione rilasciata dall’Inps con il modulo ANF43 da allegare a questa
domanda.
• figli e equiparati* di genitori legalmente separati o divorziati
• figli naturali (propri o del proprio coniuge) riconosciuti dall’altro genitore
• figli del coniuge nati dal precedente matrimonio sciolto per divorzio
• figli o equiparati* di età compresa tra i 18 e i 21 anni, purché studenti o apprendisti, se il nucleo familiare è composto da più
di tre figli (o equiparati*) di età inferiore a 26 anni
• fratelli, sorelle, nipoti
• nipoti minori a carico del richiedente, nonno/a
• familiari maggiorenni inabili, in assenza della documentazione sanitaria che attesta lo stato di invalidità al 100%
• familiari minorenni in assenza della documentazione sanitaria che attesta il diritto all’indennità di accompagnamento o la
persistente difficoltà a svolgere funzioni o compiti propri della loro età
• familiari residenti all’estero di cittadino italiano, comunitario o cittadino straniero di Stato convenzionato
• minori affidati a strutture pubbliche e collocati in famiglia
Il modulo ANF42** deve essere compilato anche nel caso in cui il coniuge del richiedente, che non sia legalmente ed effettivamente
separato o divorziato, non ha firmato la dichiarazione di responsabilità all’interno di questo modulo di domanda.
Per includere i figli naturali del richiedente non convivente, riconosciuti da entrambi i genitori, oltre all’ANF43 occorre allegare il
modulo ANF/FN**
9 Dati e documenti indispensabili per comunicare la variazione del nucleo familiare all’Inps
(articolo 1, comma 783, legge 296/06)
• dati anagrafici del richiedente (pag 1)
• dati anagrafici e altri dati relativi alla composizione del nucleo familiare del richiedente (pag 2 e 3)
• dati relativi ai redditi conseguiti dal richiedente e dai componenti il nucleo familiare, se la variazione ha determinato una
modifica del reddito del nucleo ( pag 4 e 5)
0 Documenti da allegare nei casi di seguito indicati
Le dichiarazioni di responsabilità, indicate tra i documenti da allegare, sono dichiarazioni sostitutive (di certificazioni o di atti di
notorietà) che devono essere firmate davanti a un pubblico ufficiale o accompagnate dalla copia di un documento di riconoscimento,
come le dichiarazioni incluse nel modulo.
Per i figli ed equiparati* di coniugi legalmente separati o divorziati
• la dichiarazione di responsabilità del richiedente o le relative sentenze
Per i casi di abbandono da parte del coniuge del richiedente
• la documentazione dell’Autorità giudiziaria o di altra Pubblica Autorità
Per i figli del coniuge nati da precedente matrimonio e per i figli naturali (propri o del proprio coniuge) riconosciuti
dall’altro genitore
• la dichiarazione di responsabilità o la documentazione che attesta i dati anagrafici e la situazione dell’ex coniuge o dell’altro
genitore
Per i fratelli, le sorelle, i nipoti del richiedente orfani di entrambi i genitori, non aventi diritto alla pensione ai
superstiti
• la dichiarazione di responsabilità del richiedente che attesta la condizione di orfani di tali familiari, che non hanno diritto alla
pensione ai superstiti specificando le generalità dei genitori e il tipo di attività a suo tempo svolta da questi ultimi
*Gli equiparati ai figli legittimi o legittimati sono: i figli adottivi, gli affiliati, i figli naturali legalmente riconosciuti o giudizialmente dichiarati, i figli nati
da precedente matrimonio dell’altro coniuge, i minori affidati a norma di legge ed i nipoti minori viventi a carico di ascendente diretto.
** Moduli disponibili presso i nostri uffici o sul sito dell’Istituto www.inps

Assegno per il nucleo familiare
Comunicazione di variazione del nucleo
Per i familiari residenti all’estero di cittadino italiano, comunitario o cittadino straniero di Stato convenzionato
• se il richiedente è cittadino italiano: la dichiarazione di responsabilità che attesta la composizione del nucleo familiare
residente all’estero
• se il richiedente è cittadino comunitario: la dichiarazione di responsabilità che attesta la composizione del nucleo familiare
residente all’estero o il formulario E401** opportunamente compilato
• se il richiedente è cittadino extracomunitario residente in Italia con versamenti previdenziali in almeno due Stati membri
dell’Unione Europea: il certificato di residenza o l’autocertificazione e il formulario E205**
• se il richiedente è cittadino di Stato straniero convenzionato: il certificato di cittadinanza e il certificato di stato di famiglia
rilasciato dagli uffici anagrafici del luogo dove risiedono i familiari nello Stato convenzionato o le certificazioni particolari
valide secondo la legge locale tradotte e convalidate dal Consolato italiano
Per i nipoti minori a carico del/della nonno/a richiedente:
• la dichiarazione di responsabilità del richiedente che attesta la discendenza del/i nipote/i in linea retta e il mantenimento
abituale del minore
• la dichiarazione di responsabilità del/i genitore/i con la quale attestano di non poter provvedere al mantenimento del/i figlio/i
perché non svolgono attività lavorativa e non posseggono redditi di alcuna natura
• la dichiarazione di responsabilità degli eventuali altri ascendenti dalla quale risulta che non hanno chiesto per il passato e
si impegnano a non chiedere per il futuro analogo trattamento di famiglia per gli stessi minori
Per i figli o equiparati* di età compresa tra i 18 e i 21 anni, purché studenti o apprendisti, in nuclei con più di tre figli
equiparati di età inferiore a 26 anni:
• il modulo per il riconoscimento di nucleo familiare numeroso (ANF/NN)**
• la dichiarazione del richiedente che attesta la qualità di studente o la qualifica di apprendista o la relativa documentazione:
certificato di frequenza scolastica / universitaria o formulario E 402**, se il figlio risiede un uno Stato della Unione Europea;
copia del contratto di apprendistato o formulario E 403**, se il figlio risiede in uno Stato dell’Unione Europea
Per i minori affidati a strutture pubbliche e collocati in famiglia
• la dichiarazione di responsabilità del richiedente o i relativi provvedimenti
Per i familiari minorenni con persistente difficoltà a svolgere funzioni o compiti propri della loro età:
• la documentazione sanitaria che attesta tali difficoltà, oppure il modulo SS 3/AF** (se il familiare è residente in Italia) compilato
dal medico di famiglia
• il formulario E 404** (se il familiare è residente in uno Stato membro dell’Unione Europea) compilato dal medico incaricato
dall’organismo competente
• la certificazione sanitaria estera convalidata dal Consolato Italiano (se il familiare è residente in altro Stato estero)
Per i familiari maggiorenni inabili con assoluta e permanente impossibilità a svolgere proficuo lavoro:
• la documentazione sanitaria che attesta l’inabilità oppure il modulo SS 3/AF** compilato dal medico di famiglia, (se il
familiare è residente in Italia)
• il formulario E 404** (se il familiare è residente in uno Stato membro dell’Unione Europea) compilato dal medico incaricato
dall’organismo competente
• la certificazione sanitaria estera convalidata dal Consolato Italiano (se il familiare è residente in altro Stato estero).

Assegno per il nucleo familiare
comunicazione di variazione del nucleo
Per i figli o equiparati* di età compresa tra i 18 e i 21 anni, purché studenti o apprendisti, in nuclei con più di tre figli
o equiparati di età inferiore a 26 anni:
• il modulo per il riconoscimento di nucleo familiare numeroso (ANF/NN)**
• la dichiarazione del richiedente che attesta la qualità di studente o la qualifica di apprendista o la relativa documentazione
(certificato di frequenza scolastica/universitaria) o il formulario E 402**, se il figlio risiede un uno Stato della Unione
Europea;
• la copia del contratto di apprendistato o il formulario E 403**, se il figlio risiede in uno Stato dell’Unione Europea
Per i minori affidati a strutture pubbliche e collocati in famiglia
• la dichiarazione di responsabilità del richiedente o i relativi provvedimenti
Per i familiari minorenni con persistente difficoltà a svolgere funzioni o compiti propri della loro età:
• la documentazione sanitaria che attesta tali difficoltà, oppure il modulo SS 3/AF** (se il familiare è residente in Italia) compilato
dal medico di famiglia
• il formulario E 404**(se il familiare è residente in uno Stato membro dell’Unione Europea) compilato dal medico incaricato
dall’organismo competente
• la certificazione sanitaria estera convalidata dal Consolato Italiano (se il familiare è residente in altro Stato estero)
Per i familiari maggiorenni inabili con assoluta e permanente impossibilità a svolgere proficuo lavoro:
• la documentazione sanitaria che attesta l’inabilità oppure il modulo SS 3/AF** compilato dal medico di famiglia, (se il
familiare è residente in Italia)
• il formulario E 404** (se il familiare è residente in uno Stato membro dell’Unione Europea) compilato dal medico incaricato
dall’organismo competente
• la certificazione sanitaria estera convalidata dal Consolato Italiano (se il familiare è residente in altro Stato estero).