Novità per Marco Borriello ed infatti  sembra proprio che l’attaccante della Spal adesso andrà a giocare all’UD di Ibiza in terza divisione spagnola. Stando a quanto riferito, sembra che Marco Borriello andrà a giocare ad Ibiza chiamato proprio dal suo grande amico nonché collega Cassano. Dunque, l’ex attaccante di Spal, adesso è pronto per una nuova avventura anche se si tratta di una squadra di terza divisione spagnola, ma è pronto a ricominciare la sua nuova vita in Spagna. “Ho avuto anche offerte da club di A e di B, ma qui ho sentito le vibrazioni giuste. La società sta lavorando ad un altro grande acquisto, ma non posso svelare chi è”, è questo quanto riferito da Marco Borriello nel corso di un’intervista rilasciata proprio nelle scorse ore.

L’UD Ibiza pare sia stato rifondato nel 2015 e ripartito dall’eccellenza. ma con un progetto piuttosto ambizioso. Marco Borriello è molto contento di andare in questa nuova squadra e proprio a tal riguardo, ha dichiarato che sicuramente potrà unire l’utile al dilettevole e che dopo un allenamento piuttosto stancante, potrà andare a farsi un bagno. “Qui posso andare a farmi un bagno anche dopo l’allenamento, ma ho scelto Ibiza non solo per questo, chiaramente. Nascerà un nuovo stadio con hotel annesso, un centro sportivo. La squadra è forte, il presidente ha idee e vuole investire. Si chiama Amedeo Salvo, l’ex portiere del Valencia”, ha scherzato l’attaccante.

Nel corso dell’intervista, l’attaccante ha anche spiegato quello che è il progetto del club sostenendo che la società vuole sicuramente diventare un veicolo in più per poter rilanciare il marchio dell’isola nel mondo e che giusto giusto 10 anni fa aveva acquistato la sua prima casa nell’isola. “Mi aveva chiamato anche qualche club di A, molti di B. Poi è arrivata questa offerta e ho sentito le vibrazioni giuste. Si tratta di una scelta di vita e di grandi progetti, vedrete che sorpresa”, ha aggiunto ancora Borriello.

Ho ricordi bellissimi del calcio in Italia: ho dato emozioni ai tifosi di Genoa, Cagliari, Milan e tante altre maglie. E loro hanno regalato a me tante emozioni. Ho fatto la storia del calcio italiano, ora voglio fare la storia del calcio spagnolo. Fidatevi, qui ci sono tutte le premesse”, ha concluso. A 36 anni l’attaccante affronta Dunque una nuova sfida dopo quella priva di soddisfazioni tra le prime file della Spal nel nostro paese. Dopo avere collezionato 379 presenze e 114 gol tra Treviso, Triestina, Milan, Empoli, Reggina, Sampdoria, Genova, Roma, Juventus, West Ham, Carpi, Atalanta, Spal, adesso vuole anche vincere ed esultare alle Baleari.